Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

FORUM BS

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Per tutto il mondo ?No profit?

Per tutto il mondo ?No profit? 10 Anni 7 Mesi ago #5869

  • dzzzz
  • Avatar di dzzzz
  • Offline
  • Tiepido
  • Messaggi: 66
  • Karma: 1
"occhio" all?obbligo di trasmissione telematica all?Agenzia delle Entrate.

Con decreto legge 185/2008, convertito con modificazioni dalla legge 28 gennaio 2009 N° 2, è stato introdotto un nuovo adempimento per gli enti di natura associativa in possesso dei requisiti qualificanti richiesti delle norme fiscali per avvalersi delle disposizioni agevolative previste dagli articoli 148 del TUIR e 4 del DPR 633/1972, vale a dire, la trasmissione per via telematica all?Agenzia delle Entrate di dati e notizie rilevanti ai fini fiscali mediante un apposito modello.

Il suddetto modello doveva essere approvato entro il 31 gennaio scorso, ma a oggi non è ancora disponibile. Molti pensavano quindi a uno spostamento e/o sospensiva di tale obbligo, ma recentemente, con circolare 12/E, l?Agenzia delle Entrate ha anticipato quelli che saranno i contenuti del modello, e chiarito chi sarà obbligato a tale comunicazione.
Un segnale preciso quindi da parte dell?Agenzia di NON voler sospendere l?obbligo previsto.

www.angelcompany.it
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Per tutto il mondo ?No profit? 10 Anni 7 Mesi ago #5920

Sì, è una disposizione fortemente voluta dal ministro Brunetta, si parlava anche di indicare nelle norme statuarie di sottoporre il bilancio preventivo all'assemblea dell'ente no profit entro 3 mesi dalla chiusura dell'esercizio annuale, cosa prima obblicatoria a imprese e cooperative, mai poi non sono stati chiari a riguardo, cmq riposto dal web:

La circolare 12 dell'Agenzia delle Entrate, pubblicata il 9 aprile 2009, approfondisce dettagliatamente quanto previsto dall'Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, in tema di requisiti per l'accesso alle disposizioni di favore previste per Enti Associativi e Onlus.

Sintetizziamo di seguito i principali contenuti della circolare:

Enti tenuti alla comunicazione

L'art. 30 del decreto anti-crisi prevede, per Enti associativi e Onlus, 'l?onere di comunicare all?Agenzia delle entrate dati e notizie rilevanti ai fini fiscali'.

Come sottolinea la circolare dell'Agenzia 'L?intento della norma è quello di acquisire una più ampia informazione e conoscenza del mondo associativo e dei soggetti assimilati sotto il profilo fiscale con l?obiettivo primario di tutelare le vere forme associazionistiche incentivate dal legislatore fiscale e, conseguentemente, di isolare e contrastare l?uso distorto dello strumento associazionistico suscettibile di intralciare - tra l?altro ? la libertà di concorrenza tra gli operatori commerciali.'

L?onere della presentazione del modello di comunicazione dei dati e delle notizie rilevanti ai fini fiscali è obbligatorio per tutti gli enti di tipo associativo che fruiscono della detassazione delle quote associative ovvero dei contributi o dei corrispettivi prevista dagli articoli 148 del TUIR e 4 del DPR n. 633.

Enti esenti dalla comunicazione

Risultano esonerati dall'obbligo:

* le associazioni pro-loco che optano per l?applicazione delle disposizioni di cui alla legge 16 dicembre 1991, n. 398 (sempre che, nel periodo di imposta precedente, abbiano esercitato attività commerciali, conseguendo proventi di ammontare non superiore a 250.000 euro);
* gli enti sportivi dilettantistici iscritti nel registro del CONI che non svolgono attività commerciale (cioè che non effettuano cessioni di beni - ad es. somministrazione di alimenti e bevande, vendita di materiali sportivi e gadget pubblicitari - e prestazioni di servizi - es. prestazioni pubblicitarie, sponsorizzazioni - rilevanti ai fini dell?IVA e delle imposte sui redditi)
* le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali di cui all?art. 6 della legge 11 agosto 1991, n. 266 che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali individuate con decreto del Ministro delle finanze 25 maggio 1995.

Norme in materia di Onlus

L'art.30, al comma 5, interviene sui requisiti richiesti alle organizzazioni di volontariato per l?acquisizione della qualifica di ONLUS di diritto previsti dal decreto legislativo 460/97 sottolineando che "non possono assumere la qualifica di Onlus di diritto se svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali e pertanto anche per loro scatta l'obbligo di comunicazione delle notizie rilevanti ai fini del controllo fiscale".

In sostanza, in base alla disposizione in esame, l?Agenzia delle entrate esercita l?autonoma attività di controllo anche sulle organizzazioni iscritte negli appositi registri del volontariato al fine di accertare l?eventuale svolgimento di attività commerciali diverse da quelle elencate dal decreto del 25 maggio 1995 e, conseguentemente, la spettanza o meno delle agevolazioni fiscali.

Inoltre, sempre il decreto anti-crisi ha stabilito nuove regole in favore delle Onlus in tema di beneficenza e di imposta catastale. La circolare, in particolare, spiega che "rientra nella beneficenza", quale settore d'attività in cui possono operare le Onlus, oltre all'"attività di erogazione gratuita in denaro o in natura" a favore degli indigenti, anche quella di "erogazione gratuita di somme di denaro provenienti dalla gestione patrimoniale della Onlus" o da campagne di raccolta di donazioni, "a favore di enti che presentino i requisiti stabiliti dallo stesso decreto anti-crisi".

Modalità di comunicazione

La comunicazione dei dati e delle notizie rilevanti ai fini fiscali deve essere effettuata, ai sensi del comma 1 dell?art. 30 in commento, compilando l?apposito modello, approvato con provvedimento del Direttore dell?Agenzia delle entrate, che deve essere trasmesso esclusivamente per via telematica.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Per tutto il mondo ?No profit? 10 Anni 4 Mesi ago #6365

ARTICOLO 30: SLITTA IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DEL MODELLO ALL' AGENZIA DELLE ENTRATE

In seguito all'incontro di ieri tra le Entrate, il Forum terzo settore, l'Agenzia onlus e CSVnet, è slittato il termine per la presentazione del modello EAS, quello che in base all'articolo 30 del decreto anticrisi 2008, permette l'invio dei dati «fiscalmente rilevanti» alle Entrate.

Inoltre, non saranno puniti gli errori «esclusivamente formali» nella compilazione del modello.

Tra le Entrate e il Terzo Settore, inoltre, nasce un "tavolo tecnico" tra gli interlocutori che ieri si sono incontrati, che si riunirà ancora il 30 settembre, e dovrà aprofondire alcuni punti oscuri del modello EAS oltre ad affrontare il nodo delle sanzioni. Sul 5 per mille, invece, nessuna novità a breve: le ultime erogazioni del 2006 non si sono ancora concluse e gli elenchi 2007 saranno pubblicati solo «entro l'anno».
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Per tutto il mondo ?No profit? 10 Anni 3 Mesi ago #6367

  • dzzzz
  • Avatar di dzzzz
  • Offline
  • Tiepido
  • Messaggi: 66
  • Karma: 1
ciao Salvo, sto seguendo con molta attenzione..
grazie per il contributo
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Per tutto il mondo ?No profit? 10 Anni 3 Mesi ago #6388

Grazie a voi, luigi e giusi. Nuove news

Il dialogo tra l?Amministrazione finanziaria e il Terzo Settore si rafforza e fa registrare un ulteriore passo in avanti.
Si terrà, infatti, mercoledì 30 settembre il primo incontro nell?ambito del ?tavolo tecnico? istituito con i rappresentanti del Terzo Settore per affrontare le problematiche connesse alla presentazione del modello per la comunicazione di dati fiscalmente rilevanti (Eas), previsto dall?articolo 30 del decreto anticrisi (Dl 185/2008), da parte degli enti associativi.
Adempimento questo che non presuppone affatto un automatico controllo di tutti coloro che invieranno il modello, in quanto le informazioni acquisite costituiranno uno strumento rilevante, ma non esclusivo, ai fini dell?analisi del composito universo dell?associazionismo. Obiettivo dell?invio della comunicazione, infatti, è di garantire in primo luogo le stesse associazioni meritevoli dei benefici fiscali riservati al settore, contrastando più efficacemente gli abusi da parte di quelle organizzazioni che utilizzano impropriamente i regimi fiscali agevolati per sottrarsi al pagamento delle imposte dovute.
Non si tratta, quindi, d?un accertamento generalizzato per tutti gli enti associativi, ma di una sorta di ?censimento? volto a implementare la base informativa in possesso dell?Amministrazione finanziaria.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Per tutto il mondo ?No profit? 10 Anni 2 Mesi ago #6519

L'Agenzia delle Entrate ha prorogato il termine per la presentazione del modello dal 30 ottobre al 15 dicembre.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Moderatori: staffbs, marco, anibl, GiulioC