Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

SALENTO IN LIS | La quinta puntata online.: "L'Oro del Salento"

13 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Benvenuti a tutti al  5° appuntamento con i video di Salento in LIS.

Oggi parleremo di uno dei simboli più importanti del Salento: l’Ulivo e il suo oro, l’olio d’oliva.
Il Salento è oggi famoso in tutto il mondo per la produzione di olio, uno dei migliori in Italia. Una produzione iniziata ormai secoli fa e tutt’ora di assoluta importanza: si ritiene che la coltura dell’olivo risalga al VII sec. a.C. ed è indubbio che, nell’ambito dell’economia Pugliese l’olivicoltura abbia sempre rivestito un ruolo di primo piano. I primi a piantare gli alberi di ulivo furono i Messapi, grazie alla diffusione della pianta nel Mediterraneo ad opera dei Micenei e degli altri popoli che hanno abitato il Salento. Quindi molti degli alberi d'olivo che popolano le campagne salentine sono piante secolari. Alcuni di essi hanno assunto, nel corso dei millenni, forme e dimensioni originalissime.

L’ulivo è oggi simbolo vivo del nostro passato: del vivere contadino, delle antiche tecniche di produzione e del senso di comunità che contraddistingueva l’antica civiltà contadina.
A raccontare queste storie di duro lavoro sopravvivono ancora oggi i resti degli antichi frantoi “ipogei”, strutture sotterranee costruite dalla mano dell’uomo proprio per produrre l’olio d’oliva, con tutto ciò che occorreva: la mola, le vasche di contenimento.  Il sottosuolo offriva una temperatura costante e abbastanza tiepida anche d'inverno, periodo in cui si svolge la raccolta delle olive, risparmiando ai contadini i rigidi climi e le intemperie. Ma non la fatica: a volte i contadini si servivano di un mulo per far girare la mola, altre volte serviva la forza dell’uomo. L’intero processo di raccolta, spremitura e produzione poteva durare lunghi mesi, da ottobre fino ad aprile.

L’olio veniva prodotto dai contadini, ma solo una piccolissima parte restava a loro: l’olio era infatti una merce preziosa e molti proprietari terrieri lo vendevano come ingrediente per il sapone o come olio “lampante” (per le lampade, ecc.) Ancora oggi, in alcune zone del Salento, è rimasta l'usanza di attendere la caduta delle olive e di raccoglierle con le scope, proprio perché, una volta, più l'oliva marciva, più ne aumentava la gradazione e più l'olio per le lampade era di ottima qualità.

Successivamente iniziarono a sorgere i primi frantoi moderni, sopraelevati, e anche i processi produttivi dell'olio subirono le influenze dell'industrializzazione.
Oggi i processi produttivi dell'olio seguono le rigide normative interne ed europee e i frantoi sono dotati in tutto il territorio salentino di macchinari all'avanguardia. L'unico lavoro manuale è relativo alla raccolta, in quanto le olive vengono raccolte direttamente dalla pianta o fatte cadere a terra e raccolte in giornata.

Gli antichi saperi sulla produzione dell'olio salentino, insieme alle moderne tecniche di lavorazione, fanno sì che questo sia tra i più pregiati olii extravergini al mondo, un vero e proprio oro, frutto della terra e della fatica umana.

Il nostro video finisce qui.
Parole in Mano vi ringrazia per l’attenzione.
Al prossimo appuntamento."


*(il testo scritto differisce leggermente dalla versione in LIS del video)



VIDEO ESTRATTI DA:
“L’oro della Puglia”
di Schirinzi Azienda Agricola Olearia (www.schirinzi.it)
OZ PRODUCTION
e
“L’avventura dell’Olio nel Salento”
Prodotto da 01COMMUNICATION

PROGETTAZIONE, COORDINAMENTO, ADATTAMENTO TESTI,
SUPERVISIONE AL MONTAGGIO:
ALESSIA NUZZO
Con la collaborazione di:
MARIANNA MINONNE
PAOLA MUSARÒ

INTERPRETE LIS:
ANTONELLA TEDESCO

FOTOGRAFIA SCENE IN LIS, COMPOSITING, MONTAGGIO: WALTER STOMEO

PROGETTO GRAFICO:
ALESSIA NUZZO


Associazione Parole in Mano
Via Silvio Pellico, 5
73030 - Marittima di Diso (LE)
C.F. 92026310752

www.paroleinmano.it
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1121 volte Ultima modifica il Giovedì, 13 Novembre 2014 18:41

Video