Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

METTI SEI ITALIANI A SARAJEVO…

16 Lug
Vota questo articolo
(4 Voti)

 

 

Quei giorni a Sarajevo resteranno di certo tra i ricordi indelebili di tutti noi.

In sei dall’Italia arriviamo nella storica capitale della Bosnia-Herzegovina, dei perfetti sconosciuti fino a qualche ora prima, che da subito scoprono una perfetta sintonia tra di loro.

Tutti abbiamo un obiettivo comune: divertirci, socializzare e rispolverare il nostro inglese.

A Sarajevo conosciamo presto i nostri compagni di avventura: albanesi, montenegrini, serbi, lettoni, bosniaci, tutti entusiasti, pieni di domande e voglia di fare amicizia.

Un ragazzo di Sarajevo, Amar, diventa presto la mascotte del gruppo. E’ gentilissimo, ci racconta di come la guerra ha segnato al sua famiglia, lo accompagna un perenne sorriso malinconico. E’ lui a “prendersi cura” del gruppo italiano e nel nostro primo pomeriggio ci accompagna in giro per la città, dandoci le dritte su monumenti e piatti tipici.

La città mostra chiaramente i segni delle guerre da poco alle spalle, appartamenti sventrati, fatiscenti, solo una piccola zona centrale con luoghi di culto e mercatini appare ripristinata per i non troppi turisti.

Ci colpisce l’armonia, la convivenza perfetta tra sinagoghe, cattedrali, chiese, moschee, le une a pochi passi dalle altre, pacifiche, come buoni vicini.

Il giorno successivo al nostro arrivo iniziano le attività, principalmente dirette a rompere il ghiaccio, presentarci, raccontarci di noi e del nostro Paese.

A questo proposito vengono organizzare le consuete serate culturali: ai vari gruppi partecipanti viene data la possibilità di illustrare il proprio Paese con video, cibi, danze, aneddoti, raccontando così agli altri un pezzo della propria storia.

Noi italiani prendiamo la cosa fin troppo sul serio: sradichiamo le lenzuola dai nostri letti ed entriamo in scena vestiti da perfetti antichi romani, con annesse risate. Sicuramente tra le serate più divertenti.

Creato il gruppo, sono iniziate le attività più impegnative, affrontando temi come l’emarginazione, la tolleranza, l’inclusione. Gli argomenti che hanno appassionato tutti, tanto da divenire oggetto di conversazione anche nelle pause tra un’attività e l’altra.

A metà del programma gruppo si era oramai consolidato, e tutti hanno approfittato del compleanno del buon Pasqualone, anima dello scambio, per far festa assieme.

E’ stato interessante osservare come si è cercato di andare oltre i limiti linguistici di ognuno pur di riuscire a comunicare con gli altri.

La domenica abbiamo approfittato finalmente del bel tempo (nei giorni precedenti la zona è stata interessata da un vero e proprio nubifragio) per fare una gita a Mostar, un incantevole paesino di montagna a due ore da Sarajevo. Il ponte che univa le due estremità della città, bombardato negli anni ’90, è stato totalmente ricostruito, ed era piacevole passeggiare tra le colorate viuzze dei mercatini.

I più coraggiosi di noi hanno addirittura scalato la montagna che fiancheggiava il paese per raggiungere una croce lì in alto e godere di un panorama senza pari.

Al rientro eravamo tutti stanchissimi, e dopo cena ci siamo riuniti nelle stanze per le consuete chiacchiere notturne.

Gli ultimi giorni li abbiamo spesi cercando di metter su un’esibizione da portare davanti alla cattedrale di Sarajevo coinvolgendo i passanti. Danze tipiche dei vari Paesi, flah-mob, volantini, strategie pubblicitarie: tutto diretto a creare l’evento perfetto.

Ultimato il tutto però, l’esibizione non si è più fatta: il giorno previsto è stato dichiarato lutto nazionale per le vittime del nubifragio degli ultimi giorni e così abbiamo deciso di dare il nostro contributo come volontari per la Croce Rossa.

Un’intera mattinata è trascorsa smistando ed impacchettando roba da spedire agli sfollati, e i membri della croce rossa hanno ricambiato accettando il nostro invito per la festa dell’ultima sera.

E’ così arrivato il momento dei saluti, con scambi di indirizzi , promesse di rivedersi presto e tanta malinconia.

Per noi del gruppo italiano si è trattato della prima esperienza di questo tipo, ma presto siamo entrati nell’ottica dello scambio sfruttando tutte le potenzialità ed opportunità che lo stesso ci dava, finendo per darci appuntamento alla prossima avventura con Asap.

Letto 2344 volte Ultima modifica il Giovedì, 17 Luglio 2014 11:08