Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Il racconto del progetto Radici di Puglia: il gusto colorato della salute

20 Mag
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il progetto prosegue con ottimi risultati; una volta messe appunto le metodiche abbiamo messo da parte l’utilizzo degli ibridi commerciali, essi risultavano essere poco versatili alla nostra applicazione oltre che difficili da reperire in zona (ci riferiamo alle carote viola, non particolarmente comuni nei  supermarket di zona). Successivamente abbiamo concentrato la nostra attenzione sulle carote di Polignano, nel settore scientifico e nel settore delle tecnologie alimentari è buona regola confermare i dati ottenuti, mediante la ripetizione degli esperimenti effettuati.

La validazione e la conferma dei dati è stata portata avanti con successo utilizzando lo stesso schema sperimentale riportato nel progetto.

1) Conferma e validazione dei parametri di qualità del prodotto fresco, quali: indici del colore, contenuto di polifenoli totali, zuccheri, carotenoidi, antociani, sostanza secca, attività antiossidante, contenuto di acqua libera, grado di consistenza.

2) Conferma e validazione dei parametri chimici e della bioaccessibilità dopo processo di digestione in vitro: valutazione della bioaccessibilità delle principali molecole bioattive quali: antociani (cianidina3galactoside, cianidina3-O-sambubioside, cianidina3glucoside, cianidina3rutinoside, pelargonidina3glucoside e peonidina3glucoside) carotenoidi (luteina, alpha e beta-carotene). La caratterizzazione dei composti bioattvi (antociani, carotenoidi e polifenoli) è stata effettuata utilizzando un sistema cromatografico dotato di un rilevatore Diode-array.

3 )Per quanto riguarda la messa a punto del prodotto trasformato, sono state incontrate delle difficoltà che ci hanno costretti a ripetere alcune prove condotte in precedenza. In particolare implementando le condizioni messe a punto sulle carote commerciali ibride, anche sulle carote di Polignano, sono emerse importanti differenze nella risposta di queste ultime ai trattamenti. Sono dunque stati condotti degli esperimenti mirati ad individuare i motivi di queste differenze. È emerso che le condizioni di blanching individuate in precedenza non erano sufficienti ad inattivare la respirazione delle carote di Polignano. Questo ha comportato che, durante la fase di confezionamento, il prodotto continuasse a respirare (in quanto ancora vitale) e, poiché le buste da confezionamento utilizzate non erano microforate, le carote hanno consumato velocemente l’ossigeno presente nella confezione e sono andate incontro a condizioni di anossia che ha poi condotto a fenomeni fermentativi con sviluppo di cattivi odori. Per questo motivo sono state effettuate nuovamente le prove di blanching, sempre mirate ad individuare il miglior trattamento termico (combinazione tempo/temperatura) per preservare al meglio le caratteristiche qualitative del prodotto fresco. Anche in questo caso i parametri analizzati sono stati il colore, la consistenza, l’aspetto visivo e i parametri microbiologici, utilizzando come controllo le carote di Polignano fresche, cioè non trattate termicamente. In aggiunta, in questo caso è stata valutata l’attività respiratoria nel tempo, misurando le variazioni delle concentrazioni di gas all’interno delle confezioni, per essere certi di scegliere il trattamento termico che impedisse al prodotto di respirare.

4) Per quanto riguarda le prove di dipping, abbiamo potuto usufruire dei risultati ottenuti nella precedente sperimentazione, testando così solo un numero limitato di condizioni. Per ciascun trattamento di dipping, sono state quindi condotte indipendenti prove di confezionamento. Di tutti i trattati è stata valutata la shelf-life, frigo-conservando il prodotto, simulando le condizioni della comune catena del freddo utilizzata per la distribuzione. Per tutte le prove di confezionamento sono state utilizzate come controllo le carote di Polignano trattate termicamente e non sottoposte a dipping.  Durante la conservazione sono stati valutati i livelli di gas nelle confezioni, e le principali caratteristiche qualitative, come riportato nel progetto. Dal momento che queste prove hanno richiesto quasi due mesi (si deve tener presente che è stato necessario attendere i giorni prestabiliti per i prelievi, per poter effettuare le rilevazioni sperimentali) al momento sono disponibili sono un numero limitato di dati (quelli rilevabili sul prodotto a momento del prelievo) mentre alcune analisi chimiche sono ancora in fase di esecuzione. Le successive analisi statistiche del complesso dei risultati ottenuti ci daranno informazioni per la scelta delle condizioni migliori per il confezionamento del prodotto.

5) La dott.ssa Alessia Mennuni, esperta in grafica e in identità di prodotto nel settore del comunicazione, ha realizzato per noi l’identità del prodotto e dell’associazione oltre che il prototipo. Quest’ultimo realizzato con largo anticipo rispetto alla tabella di marcia, è risultato essere fondamentale per la comprensione e la divulgazione del nostro progetto.

 

Grazie alla partecipazione al 7°th Immunonutrition workshop tenutosi a Carovigno (1-3 Maggio) e all’articolo pubblicato su Apulia magazine (http://issuu.com/ingeniadirect/docs/am12) abbiamo potuto far conoscere il nostro progetto e i primi risultati ottenuti. Abbiamo ottenuto un elevato interesse non soltanto della comunità scientifica ma anche del settore enogastronomico, questo a nostro avviso rappresenta una prima vittoria che prescinde dal raggiungimento di un specifico obiettivo prestabilito.

Letto 745 volte Ultima modifica il Martedì, 20 Maggio 2014 12:57