Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

I primi 4 mesi di "Gusta il Biodiverso"...Micro-ortggi e tanto altro...

05 Feb
Vota questo articolo
(5 Voti)

 

 

Il progetto Gusta il Biodiverso ha mosso i primi passi e i primi risultati ci fanno essere ottimisti per la prosecuzione del progetto e sul raggiungimento degli obiettivi prefissati.

In questi primi quattro mesi abbiamo lavorato innanzitutto sull’individuazione delle specie di maggiore interesse per la produzione di micro-ortaggi e fiori eduli, considerando sia gli aspetti agronomici che il valore nutrizionale e il potenziale utilizzo gastronomico di ciascun prodotto. Attraverso un’ampia ricerca bibliografica (abbiamo raccolto e studiato oltre 120 lavori scientifici e diversi testi di carattere divulgativo) e attività di sperimentazione preliminare, abbiamo individuato circa 25 specie per la produzione di micro-ortaggi e 8 specie potenzialmente utilizzabili per la produzione di fiori eduli, prendendo in considerazione sia specie coltivate che specie spontanee.

Tra le specie di maggior interesse per la produzione di micro-ortaggi abbiamo individuato la cima di rapa, e alcune Brassicaceae tipiche pugliesi come Mùgnuli e Cavolo riccio, nonché il ravanello e la ruchetta selvatica tutte specie considerate ricche di glucosinolati, molto interessanti sembrano anche alcune popolazioni di cicoria da foglia e cicoria puntarelle, la bietola rossa, la borragine e il nasturzio. Attraverso prove preliminari è stata valutata, inoltre, la possibilità di produrre micro-ortaggi utilizzando specie cerealicole come grano duro e farro, leguminose come il trifoglio e il pisello e specie oleaginose come il girasole.

Oltre all’individuazione delle specie più interessanti si è lavorato molto sull’approvvigionamento delle sementi e delle altre materie prime necessarie alla realizzazione delle attività previste dal progetto.

Nel caso delle specie spontanee come Crithmum maritimum, Salicornia e Diplotaxis erucoides il seme è stato raccolto direttamente in campo. Per altri ortaggi tipici pugliesi come cima di rapa, Mugnuli, Cavolo riccio e cicoria puntarelle il seme è stato recuperato grazie alla disponibilità di alcuni agricoltori custodi. Molto impegnativa è stata la ricerca di substrati ecocompatibili alternativi alla torba e ai substrati di sintesi. Dopo aver contattato diverse aziende in tutta Europa e anche oltre Oceano siamo riusciti a recuperare oltre alla comune fibra di cocco, anche materiali a base di fibra di juta e tappeti capillari fatti di residui di lana e cotone dell’industria tessile e in questi giorni stiamo importando dagli Stati Uniti il substrato di sintesi più utilizzato per la produzione di micro-ortaggi. In questi mesi è stata fatta una ricerca dei contenitori per la produzione di micro-ortaggi in vaschetta e oltre ai comuni contenitori di polietilene, è stata valutata la possibilità di utilizzare contenitori biodegradabili.

Già un mese dopo l’avvio ufficiale del progetto, sono state avviate le prime prove volte alla definizione della tecnica colturale e alla messa a punto di alcuni aspetti critici del processo produttivo. Per le specie di maggiore interesse è stato determinato il peso dei 1000 semi ed è stata valutata la percentuale di germinabilità. Successivamente sono state avviate prove per determinare le condizioni ottimali di germinazione, e per valutare l’efficacia di trattamenti di pre-germinazione e di osmo-priming nel migliorare l’uniformità e la velocità di germinazione.

Contemporaneamente sono state effettuate prove di lavaggio e disinfezione dei semi utilizzando diverse dosi e tempi di applicazione di sostanze disinfettanti come l’ipoclorito di sodio e l’acqua ossigenata e andando a valutare il loro effetto sulla germinabilità dei semi e soprattutto sullo sviluppo di muffe. La qualità igienico sanitaria dei semi, dei substrati di coltivazione e del prodotto finito rappresenta un aspetto fondamentale del ciclo produttivo e richiede competenze specifiche e per questo stiamo sviluppando una collaborazione con ricercatori microbiologi dell’ISPA-CNR.

 

Utilizzando soprattutto la cima di rapa, che a nostro avviso rappresenta una delle specie più interessanti per la produzione di micro-ortaggi, lavorando in serra, sono state eseguite una serie di prove di produzione dei micro-ortaggi volte a determinare la densità di semina ottimale, l’effetto dell’applicazione di soluzioni nutritive e a valutare diversi sistemi colturali. In ciascuna prova è stata valutata la produzione per unità di superficie, la qualità dei micro-ortaggi prodotti e il contenuto di sostanza secca. Il prodotto ottenuto da queste prove essiccato o congelato è stato messo da parte in attesa di avviare le analisi di laboratorio volte a determinare il contenuto di elementi minerali e altri nutrienti di maggiore interesse.

In attesa di realizzare il sito web dedicato al progetto, è stata realizzata la pagina Facebook dell’Associazione ORTINNOVA collegata anche alla pagina web del progetto sul portale di “Bollenti Spiriti” che utilizziamo per divulgare le nostre attività e per segnalare i principali eventi legati al progetto. Presentando il progetto e i nuovi micro-ortaggi in diversi contesti e seminari pubblici abbiamo avuto modo anche di valutare l’interesse e l’indice di gradimento dei potenziali consumatori e con grande soddisfazione abbiamo registrato un grande interesse per il progetto e in alcuni casi abbiamo raccolto manifestazioni di interesse da parte di operatori del settore agro-alimentare.
Letto 3183 volte Ultima modifica il Mercoledì, 05 Febbraio 2014 16:59