Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

I primi quattro mesi di MuseoWebLab

28 Gen
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)
MuseoWebLab
MuseoWebLab MuseoWebLab

MuseoWebLab, progetto dell’aps 34° Fuso vincitore di Principi Attivi 2012, giunge al primo giro di boa: i 4 mesi dalla firma del Contratto con la Regione Puglia avvenuta il 21 Settembre nell’atmosfera emozionante del Bollenti Spiriti Camp.

In relazione al time planning presentato in fase progettuale e alla rimodulazione richiesta, abbiamo realizzato e messo a punto buona parte delle attività previste nella nostra prima fase che terminerà il 21 febbraio.

In questi mesi siamo stati impegnati soprattutto su tre fronti: quello dell’organizzazione interna e della burocrazia, quello del mapping di tutte le realtà che si auto-definiscono musei presenti sul territorio della provincia di Lecce e quello dello studio relativo alla progettazione della strategia digitale complessiva, per la promozione ma soprattutto per il racconto e il coinvolgimento dei cittadini rispetto alla realtà museale locale.

Per quanto riguarda l’organizzazione interna innanzitutto si è proceduto a riprendere i contatti con i partners con i quali, in fase progettuale, erano state stilate le lettere d’intenti, in particolar modo con quelli funzionali all’immediato avvio del progetto. Con il Comune di Galatina in prima battuta si è sottoscritto un Accordo di Partnership che prevede sia la realizzazione delle attività all’interno del Museo Civico P. Cavoti sia la concessione in comodato d’uso gratuito quale sede operativa per la durata del progetto di due sale all’interno del museo stesso. Ciò grazie da un lato alla fiducia dell’Assessore alla Cultura D. Vantaggiato per quanto attiene il nostro lavoro all’interno del museo, e all’appoggio indispensabile dell’Assessore alle Politiche Giovanili e ai Lavori pubblici per quanto attiene la concessione degli spazi e il loro uso indipendente.

Contestualmente si è data attuazione anche ai contenuti della lettera d’intenti firmata con la ditta individuale del giovane artigiano del legno Antonaci Enrico. Nell’ambito del suo “progetto” RICREEREMO (Riuso creativo, recupero e montaggi) l’artigiano ha progettato e realizzato per noi tutto l’arredamento per la nostra sede attraverso il recupero di vecchia mobilia e il riuso creativo di materiali di scarto. Una scelta di economicità sul budget ma soprattutto una scelta in linea con un’idea di cultura legata strettamente a uno sviluppo sostenibile del territorio tout court e al lavoro di sinergia e scambio con altre realtà giovanili operanti anche in altri settori. Uno scambio tra un arredamento unico, personalizzato in linea con la nostra immagine e ad impatto zero concesso in comodato d’uso gratuito per la durata del progetto per noi e una vetrina e una consulenza per promuovere sul web il proprio lavoro d’artigiano.

Per quanto riguarda l’attuazione delle restanti partnership in questi giorni verrà firmata ufficialmente quella con la Pinacoteca del Monastero dei Cistercensi di Martano, dopo una serie d’incontri preliminari. Solo la terza partnership quella con il Museo Civico D. De Lorentiis di Maglie non si è realizzata e verrà sostituita per vari motivi strategici emersi nella fase attuativa del progetto.

Naturalmente in questa fase abbiamo e stiamo procedendo all’acquisto della strumentazione necessaria allo svolgimento del progetto (pc, devices, fotocamera, videocamera ecc.) e all’acquisto dei servizi per la telefonia e la connessione.

 

In questa prima fase preponderante è stato il tempo occupato dalla mappatura di tutti in musei, che rispetto alla nostre previsioni sta comunque prendendo più tempo per le difficoltà di “accesso” ai musei e per motivi legati al periodo autunnale/invernale in cui è caduta questa fase. Quest’operazione infatti, non è facilitata in tale periodo per il mix tra gli orari ridotti dei musei, le limitate ore di luce e le condizioni atmosferiche avverse. Preliminarmente al mapping vero e proprio, si è proceduto alla costruzione di un database in cui raccogliere tutte le informazioni che nel frattempo abbiamo reperito sui musei (con particolare attenzione al loro modo di comunicare e alla loro presenza sul web) e tutti i contatti dei referenti (direttori, tecnici, gestori, volontari ecc.). Inoltre abbiamo provveduto a creare delle schede da compilare durante la visita sia mediante interviste ai responsabili sia mediante l’osservazione diretta dello stato dei luoghi. Solo a questo punto abbiamo iniziato a percorrere il Salento in lungo e largo “per musei”, sicuramente finora l’attività più interessante e fonte continua di scoperte, sia positive che negative, che hanno portato a dover effettuare delle scelte di fondo su come comportarsi di fronte a determinate situazioni rispetto alla nostra idea di raccontare molto delle nostre visite “live” mediante i social networks.

Decisa la linea, si sta procedendo sia con la raccolta dei dati per quanto riguarda le questioni gestionali e relative all’offerta dei musei sia con la raccolta di materiale (foto, video, cataloghi, testi…) e suggestioni necessarie a uno storytelling del “genius loci” del territorio attraverso il filtro, o al contrario la lente, offerta dalle realtà museali che stiamo visitando.

Nel frattempo, abbozzate le linee guida della nostra strategia digitale, abbiamo commissionato i nostri loghi e abbiamo deciso di partire con una prima comunicazione “sbarcando” su Facebook, Twitter, Instagram e servendoci per le comunicazioni dirette legate a determinati eventi di una newsletter. Seppur ancora non strategicamente definita al meglio, la nostra attività sul web sta a nostro avviso dando promettenti risultati coagulando l’interesse delle persone che iniziano a usare i nostri canali anche per chieder informazioni necessarie alla visita dei musei, informazioni che evidentemente hanno difficoltà a recepire altrove. Nello stesso momento l’attività svolta finora sta dimostrando le potenzialità di un utilizzo sempre più strategico e attento del web per il raggiungimento degli obiettivi sociali dei musei pubblici e delle mission di tutti i musei, compresi quelli privati.

In questi mesi ci siamo concentrati dunque su tutto un lavoro di preparazione “dietro le quinte”, trovando il tempo di fare però una prima presentazione pubblica del progetto destinata soprattutto alla comunità di Galatina. Questa si è svolta nell’arco di due giorni; il 6 e 7 dicembre, in cui abbiamo cercato di creare interesse e testare il nostro approccio “museale” sulla comunità, promuovendo presso il Museo P. Cavoti la partecipazione a Musée Em(portables), il primo Festival internazionale di video girati all’interno dei musei dai visitatori con i loro dispositivi mobili. Grazie all'apertura prolungata del Museo, frutto della collaborazione con la Cooperativa Imago, alcuni visitatori hanno realizzato dei video che abbiamo raccolto e spedito, dando supporto per la compilazione dei formulari di partecipazione. Di questi, due sono entrati a far parte della rosa di 14 video che concorreranno alla premiazione finale che si svolgerà presso il SIMESITEM, il Salone Internazionale dei Musei e dei luoghi di cultura, il 29 gennaio 2014, presso il Carrousel du Louvre, a Parigi. Tutti i video saranno proiettati nel corso del SIMESITEM dal 27 al 30 gennaio 2014, e sono visualizzabili sul sito  http://www.museumexperts.com/musees_em_portables/video/.
I due video del Museo Cavoti preselezionati sono “La vita è un pendolo che oscilla tra dolore e noia” di Maria Grazia Mangiullo, 23 anni, leccese, studentessa di Scienze della Comunicazione e “Entre histoire et modernité” degli studenti della classe III B dell’Istituto Tecnico Commerciale Michele Laporta di Galatina, coordinati dalla Professoressa Cataldo Simona.

Questa iniziativa è stata per noi decisiva perché l’entusiasmo degli studenti della classe partecipante ha confermato la nostra idea progettuale di concentrarci, per quanto riguarda il museo in questione, sul pubblico degli adolescenti ed è stata l’occasione per trovare nell’Istituto LaPorta ed in alcune docenti i partner giusti con cui avviare un discorso del genere.

Durante questi quattro mesi, inoltre, abbiamo valutato l’apporto di diverse risorse umane esterne, giovani professionisti conosciuti subito prima dell’aggiudicazione del finanziamento con cui stava già maturando l’idea di collaborare nell’ambito di progetti riguardanti il settore museale e la valorizzazione dei beni culturali. Nell’ultimo mese, fatta salva la giusta composizione del gruppo ed il suo affiatamento, dei sopravvenuti impegni esterni non previsti di quelle che proprio adesso sarebbero dovute diventare effettive risorse esterne, hanno prodotto una rimodulazione. Proprio in questi giorni si procederà quindi a decidere e formalizzare l’apporto delle risorse umane esterne con relativi incarichi.

Chiusa questa fase organizzativa, la graduale formalizzazione del team e il lavoro in pianta stabile presso la sede operativa resosi possibile da metà gennaio miglioreranno il flusso del lavoro. Nel prossimo mese quindi, l’ultimo della nostra 1° fase (terminante il 21 febbraio), si procederà a terminare il mapping di tutti i musei e la progettazione della strategia digitale o meglio del “coinvolgimento digitale” secondo un modello specifico per i musei e le organizzazioni culturali, concepito da un team internazionale.

 

Al contempo si procederà nella definizione e formalizzazione di tutte le partnership con i tre musei “campione” e nella progettazione operativa degli interventi che attueremo su di essi.

Letto 1207 volte Ultima modifica il Martedì, 28 Gennaio 2014 17:15