Stampa questa pagina

PALESTRA ROSSA - Libero spazio alle culture indipendenti

28 Nov
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il progetto “PALESTRA ROSSA – libero spazio alle culture indipendenti” ha dato luogo ad una intensa “stagione” di innovazione, tanto sul piano della programmazione delle attività promosse, quanto su quella della gestione e fruizione degli spazi della Casa delle Arti da parte del pubblico e dei soggetti attivi sul territorio.

Con l’avvio delle attività di progetto, Artimedia scs ha dato corso ad una importante fase di ristrutturazione del nostro contenitore culturale, riprogettando gli spazi in funzione della multidisciplinarietà e del massimo grado di flessibilità della struttura.

I principali interventi hanno consentito la:

· realizzazione di un’opera grafico-pittorica sulla pannellatura che delimita l’area esterna alla Casa delle Arti, raffigurante l’universo artistico che ispira le attivià promosse dalla ns. cooperativa. L’opera di arredo urbano, ha assunto un importante significato anche dal punto di vista architettonico, armonizzando le due parti della struttura, ovvero il contenitore storico e l’area esterna attigua.

· Realizzazione di una seconda sala, estremamente flessibile, in grado di ospitare proiezioni, eventi formativi, laboratori e di fungere all’occorrenza da sala riunioni o camerino per gli artisti, mantenendo la sua originaria funzione di spazio a supporto del bar presente nel foyer.

· Realizzazione delle opere necessarie al recupero funzionale dell’area esterna. Questo spazio ha la specifica funzione di nuova Agorà, un luogo aperto alla cittadinanza ed in particolare pensato come incubatore di iniziative ed eventi promossi dai giovani talenti del territorio.

Molte delle opere realizzate hanno visto la partecipazione attiva dei giovani del territorio, dando vita ad un vero “cantiere creativo”, che Artimedia ha promosso con l’obiettivo di coinvolgere il maggior numero di realtà associative e di giovani artigiani-artisti del territorio, impegnati nell’allestimento dello spazio e successivamente coinvolti nella gestione del cartellone di iniziative che lo stesso ha ospitato.

Sul fronte delle attività “artistiche”, il progetto ha avuto ufficialmente avvio con l’OPEN DAY e dunque con un primo evento musicale, ovvero con il live di una giovane e talentuosa rappresentante della nuova scena musicale pugliese Carolina Bubbico, seguita dal dj-set del collettivo musicale che ha chiuso l’evento con una selezione di black music (Black Vibrations).

A partire dal 2013 sono state promosse due importanti iniziative riservate ai giovani talenti, con l’obiettivo di mettere a valore e promuovere i progetti artistici più innovativi presenti sul territorio.

In particolare si è dato avvio:

al ns. 1°contest musicale riservato alle band emergenti, denominato IBAND, con il supporto · decisivo di alcune delle realtà aderenti a RELAB (Rete della Musica), oltre che dei nostri “storici” partner musicali (discografici, promoter, organizzatori di festival, media partner specializzati, etc.);

· ad “D’AMORE E D’ARTE – festa dell’arte indipendente”, ovvero un’atipica rassegna teatrale che con una innovativa formula ha proposto un cartellone di serate-evento, ognuna delle quali ha rappresentato una vetrina delle nuove produzioni di giovani artisti pugliesi (arti visive, cinema e musica), che abbinavano i loro lavori al tema “teatrale” della serata.

Il secondo semestre del progetto è stato caratterizzato dalla promozione e organizzazione di specifiche attività ideate e co-prodotte con le realtà “giovanili” locali, maggiormente impegnate sul fronte “artistico-culturale”.

In tal senso segnaliamo:

· l’esperienza riservata a giovani dj a cui è stata offerta l’opportunità di chiudere le serate dedicate ai live in programma per la rassegna CIAK SI SUONA!

· L’iniziativa dell’Associazione “Venti di scambio” che ha inaugurato lo spazio di IMAGINARIA Film Festival – OFF, promuovendo un concorso tra i giovani cineasti, per la realizzazione di spot sul tema della legalità. Inoltre, in parallelo alle giornate del Festival, lo spazio OFF ha ospitato una mostra espositiva di lavori approntati da giovani disegnatori (“talenti locali” ed affermati filmaker provenienti da fuori regione).

· la programmazione (febbraio-aprile 2013), in collaborazione con l’Associazione Dino Lovecchio, di una rassegna di film d'animazione su HAYAO MIYAZAKI, che ha riscontrato un grandissimo indice di gradimento tra i giovani under 30.

· L’ideazione, la promozione e gestione da parte dei componenti dell’Associazione ARCI-AUT di una giornata-evento culminata con il reading “La ragione delle mani” (maggio 2013);

· La programmazione di tre eventi musicali, che hanno visto protagoniste le più significative giovani band presenti sul territorio condividere il palco con Mama Marjas, Rosapaeda ed esibirsi in occasione della finale regionale di Arezzo Wave (dicembre-aprile).

Infine il rinnovato spazio ci ha consentito per la prima volta la possibilità di mettere in calendario e promuovere laboratori e corsi creativi riservati ai bambini ("A FARE COSE...",  "GIRAVOLTA"), esperienze, queste, che hanno completato l’offerta consolidata di spettacoli teatrali e rassegne (“AMICI IN CASA CETRULO”) riservata ai più piccoli.

Sempre sul fronte teatrale, la Casa delle Arti, si è aperta ad un’importante iniziativa di inclusione sociale e contrasto alla violenza, ospitando un laboratorio che ha visto protagoniste giovani donne italiane e le loro pari età immigrate presenti sul territorio.

Letto 813 volte Ultima modifica il Venerdì, 29 Novembre 2013 10:12