Stampa questa pagina

Guida galattica per partecipanti all’ #Adribus – 16 - 17 Settembre

20 Set
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

Direttamente dall'Adribus gli "inviati" pugliesi Ernesto & Francesco ci raccontano come sta andando.

Incontrare Flavia Vento sul volo per Trieste poteva significare molte cose, ma noi abbiamo capito subito che si trattava di un segnale di buon auspicio.
Ad accoglierci all’uscita dall’aereoporto di Trieste, infatti, non potevamo sperare di meglio. L’autista degli Ultras dell’Udinese, con furgone privato e vetri oscurati, durante il tragitto verso l’albergo, ci illuminava con argomenti di attualità come calcio, donne e Ministro Kyenge. Sistemati i bagagli, ci recavamo nella piazza centrale di Gorizia per vedere il live painting dell’Adribus: un autobus da 50 posti di proprietà dell’autista dell’Udinese timoroso di non rivedere più il proprio mezzo sano e salvo.
Al rientro in albergo il nostro incontro con gli altri partecipanti è stato subito suggestivo. 21 giovani provenienti da ogni parte dell’adriatico si confrontavano sulle loro aspettative ed esperienze.
A romprere il ghiaccio, cosa di meglio se non una bella cena a base di prodotti tipici friulani, con annessa musica brasiliana e ballerina dal fisico ciclopico (allegheremo foto con un Ernesto smagliante)?
La giornata di lunedì ci ha permesso, invece, di confrontarci su tematiche relative al  nostro viaggio ed ai territori dai quali ciascuno proviene.
I principali spunti e riflessioni dei partecipanti, possono essere riassunti nei seguenti punti:
· Mettere in connessione esperienze e territori diversi
· Creare relazioni e costruire legami
· Capire cosa succede nei territori partners per analizzaree possibili esperienze replicabili
· Redigere una proposta da presentare al termine del percorso
Nel pomeriggio, dopo un abbondante pranzo rigenerativo, abbiamo avuto la possibilità di visitare il centro giovanile di Gorizia.
Durante la visita sono emersi vari elementi di discussione:  da un lato ci è sembrato positivo che un comune di 36.000 abitanti ca. eroghi direttamente diversi servizi come la sala prove, biblioteca, sala cinema e spazi condivisi, assistenza nella ricerca di lavoro e studio all’estero. Allo stesso tempo, però, questo potrebbe risultare uno svantaggio perchè potrebbe non generare quella responsabilità o processi alla base di un progetto partecipato costruito intorno ad un bene comune. Nello specifico, è tangibile che la comunità, pur avendo uno strumento a disposizione, non partecipa concretamente alla gestione dello stesso, non sentendosi parte di un processo di autogoverno e perdendo, probabilmente, numerose possibilità di crescita collettiva.
Al tramonto, dopo aver apposto le nostre firme sull’ #Adribus, alcune band locali e scuole di danza ci hanno omaggiato della loro musica, nello splendido scenario della piazza centrale di Gorizia.
Non potevamo chiedere di meglio dall’inizio di questo viaggio, da domani inizia il nostro percorso insieme agli altri 19 ragazzi, non vediamo l’ora!!
Keep follow our adventures !!
Letto 2119 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Settembre 2013 14:34