Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Dal dire al fare: relazione finale di QuAGRIfoglio

12 Feb
Vota questo articolo
(2 Voti)
QuAGRIfoglio, ricerca, sperimentazione e didattica
QuAGRIfoglio, ricerca, sperimentazione e didattica

Le colture in serra rappresentano un importante comparto produttivo all’interno del settore orto-florovivaistico, con una forte rilevanza economica. Nel bacino del Mediterraneo le colture protette interessano, stando alle stime, una superficie di oltre 40.000 ha, in larga misura però a basso contenuto tecnologico. Infatti, di pari passo con il progressivo espandersi delle colture sotto serra, sta crescendo anche il livello di innovazione che interessa diversi aspetti: dalle tipologie costruttive, agli impianti di climatizzazione, alle tecniche di coltivazione. Concrete applicazioni nel mondo dell’agricoltura le sta trovando l’impiego del fotovoltaico dove l’energia è prodotta per mezzo di pannelli fotovoltaici che costituiscono il “tetto” della serra. Nell’ambito del progetto finanziato da Principi Attivi, QuAGRIfoglio ha utilizzato l’energia elettrica prodotta dalla particolare copertura, per la sperimentazione sulla produzione di colture innovative più adatte e redditizie per le serre fotovoltaiche, tenendo anche presenti i potenziali benefici apportati alla crescita delle colture da questa innovazione tecnologica, attraverso test condotti in modo indipendente. Il progetto ha utilizzato inoltre l’attività con le piante coltivate per fare scuola in modo diverso. Avvalendosi infatti, di uno spazio dinamico quale la serra, QuAGRIfoglio ha permesso alle scolaresche coinvolte di apprendere in modo attivo e partecipe, cercando di far emergere capacità e fornendo competenze utili nell’ottica di un apprendimento di nozioni al fine di un orientamento formativo.

QuAGRIfoglio, con la collaborazione del partner Growenergy, ha allestito le campate della serra fotovoltaica con impianti irrigui ed elettrici differenti (es. fog, pioggia, capillare, ecc…) in previsione della messa a dimora di diverse tipologie di colture. L’interesse verso le nuove tecnologie nel campo agricolo ci ha portato ad adibire un’area della serra anche a colture idroponiche ed aeroponiche, dove specie orticole come il basilico e la lattuga ci hanno fatto registrare importanti risultati. Nelle due fasi di sperimentazione, dati rilevanti sono stati ottenuti anche da due specie di funghi, Pleurotus ostreatus (Jacq.) e Pleurotus eryngii (DC.),e una specie floricola come Strelitzia reginae (Aiton). Questi primi dati sperimentali, si propongono di rappresentare il “trampolino di lancio” per lo sviluppo del settore fotovoltaico nell'orto-florovivaismo in serra visto il sensibile risparmio economico e il grande rispetto dell'impatto visivo ed ambientale.

QuAGRIfoglio ha realizzato inoltre dei laboratori didattici in serra che mirano ad integrare ed ampliare l’offerta formativa della scuola elementare e media, approfondendo argomenti solo abbozzati dai programmi didattici ministeriali.

Prima dell’inizio delle vere e proprie fasi di sperimentazione, è stato effettuato il disegno sperimentale che prevedeva valutazioni preliminari relative alle caratteristiche pedoclimatiche di diverse colture e ai differenti substrati utilizzati per la piantumazione delle colture scelte. Questa fase è stata fondamentale per ricercare le colture che più si prestano alla coltivazione in questa particolare tipologia di serra; altre colture meno adatte perchè particolarmente bisognose di illuminazione sono state comunque inserite nel piano sperimentale poiché sarà fornita loro la luce di cui necessitano attraverso un sistema di luce artificiale praticamente a “costo zero”, in quanto la serra è completamente autosufficiente per quanto riguarda le richieste elettriche. Sono state inoltre effettuate delle analisi di laboratorio sui substrati scelti e sull’acqua di irrigazione per un ulteriore controllo della coltivazione. Durante le fasi di sperimentazione è stato continuamente effettuato un monitoraggio dei parametri relativi allo sviluppo e alla crescita delle colture impiantate, tenendo conto delle peculiarità di ogni tipo di coltivazione con relativa registrazione ed elaborazione scientifica dei dati ottenuti sul campo. Per quanto riguarda la didattica invece, QuAGRIfoglio ha elaborato e diffuso alle scuole del circondario un progetto che prevedeva dei laboratori didattici in serra per integrare ed ampliare l’offerta formativa della scuola elementare e media in materia di natura, ambiente e agricoltura. Nel corso dell’anno sono state accolte diverse scolaresche e affrontati con ognuna di esse, diversi argomenti, in chiave ludica ma allo stesso tempo scientifica.

QuAGRifoglio sta continuando le fasi di sperimentazione con le colture selezionate, come previsto dal disegno sperimentale realizzato all’inizio del progetto. E’ inoltre in fase di elaborazione dei primi dati ottenuti, e a breve effettuerà la diffusione delle conoscenze alla comunità scientifica. L’obiettivo di QuAGRIfoglio è riuscire a coinvolgere con i risultati ottenuti, il maggior numero di aziende agro-alimentari operanti sul territorio, oltre che a continuare ad accogliere scolaresche di tutte le età nei nostri laboratori didattici.

 

 

Letto 1598 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Febbraio 2013 10:05