Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

La truffa climatica che avvelena la Puglia e l’Italia

07 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

FreeReporter (la piattaforma trans-nazionale di giornalismo partecipativo dedicata ai temi dell'inquinamento e della salvaguardia dell'ambiente) e la comunità di timu collaborano ad una inchiesta giornalistica partecipativa che riguarda tutto il territorio italiano e che chiede ai cittadini di smascherare le aziende che inquinano e ammalano nel “rispetto” di una legge sbagliata.

Questa inchiesta parte dalla tua zona, da dove vivi: tutte/i possono contribuire!

In particolare se abiti dalle parti di Bari o di Brindisi leggi con attenzione, partecipa e diffondi!

Cerchiamo le testimonianze di chi vive a poca distanza dagli impianti inquinanti e a causa loro ha avuto problemi di vivibilità e di salute.

Ecco cosa puoi fare in poche semplici mosse:

1. Controlla nella mappa se nelle tue vicinanze è presente un impianto che usa falsi crediti CO2
2. Raccogli testimonianze dirette di persone che hanno subito danni alla salute riconducibili all’inquinamento eccessivo di quell'impianto
3. Documenta le emissioni nocive e i danni all’ambiente
4. Carica file video, audio, immagine o documenti e condividi le informazioni raccolte su timu

IL FENOMENO SOTTO LA LENTE

 

I maggiori produttori di CO2 nel nostro Paese (stiamo parlando delle centrali termoelettriche, delle acciaierie, degli impianti di raffinazione del petrolio e simili) invece che effettuare investimenti per abbattere le loro emissioni preferiscono acquistare sul mercato internazionale dei crediti messi in commercio soprattutto da aziende asiatiche.

Questo sotterfugio (per altro perfettamente legale) consente alle nostre aziende di continuare impunemente a produrre energia, acciaio, raffinati del petrolio e quant'altro mantenendo in attività impianti obsoleti e inquinanti. Ma questo non è tutto. Perché in primo luogo esistono forti dubbi sulla reale natura dei crediti acquistati dalle imprese italiane. Si tratta di crediti che non derivano dall'avvio di nuovi impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili (uniche attività che realmente garantirebbero che le compensazioni tra CO2 prodotta dalle nostre imprese e CO2 risparmiata avvengano realmente). In maggioranza i crediti acquistati dalle imprese italiane ha riguardato progetti per l’abbattimento di gas industriali come l’HFC-23 (trifluorometano) o l’N2O (protossido di azoto) in impianti industriali collocati in Cina e in India. Ma questi crediti hanno destato molte perplessità sui reali benefici da essi apportati nella lotta ai cambiamenti climatici, tanto che l'Unione Europea ha deciso di metterli al bando a partire dal maggio del 2013 definendoli una vera e propria truffa. Una truffa della quale i nostri industriali (sempre nel rispetto formale della legge) sono stati complici per anni.

I giornalisti di FreeReporter indagheranno sulla provenienza dei falsi crediti, su come le società se li sono procurati e dove si trovano gli impianti che ne fanno uso.

A ogni cittadin@ italian@ è data invece la possibilità di partecipare su timu. Un contributo che può servire a ricostruire il quadro dei danni all'ecosistema e alla salute che in tutta Italia sono stati subiti senza mai far notizia. Si può intervenire raccontando la propria esperienza o quella di persone conosciute. Anche dei semplici commenti possono esser utili per segnalare casi di degrado ambientale e problemi alla salute dovuti ai gas tossici emessi dagli impianti in questione.

I crediti del mercato compensativo delle emissioni di gas serra sono spesso crediti fasulli, ma il danno che l'inquinamento produce sulla nostra pelle e su quella dei nostri figli è drammaticamente reale. Allora non c'è che una sola cosa da fare: partecipare e smascherare questa truffa con i fatti.

Approfondimenti:

Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane - Un’opportunità sprecata (Legambiente, 2009)
Mal’Aria industriale - Il libro bianco sull’inquinamento atmosferico dalle attività produttive in Italia (Legambiente, 2009)
env-health.org
env-health.org/IMG/pdf/
EEN_Air_Quality_paper_final_11_may_06-2.pdf
cnr.it/cnr/news/CnrNews?IDn=2336
unfccc.int/kyoto_protocol/items/2830.php
eia.gov/cfapps/ipdbproject/iedindex3.cfm?tid=90&pid=44&aid=8

Crediti infografica: Elisa Corni

Letto 2027 volte

Progetto collegato

tutte le news