Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Le linee guida della Biennale Puglia 2008

25 Apr

 La cultura come industria  La XIII Biennale si inserisce in quegli avvenimenti culturali che segnano un territorio, indicano contemporaneamente un culmine e un punto di svolta. Molte tra le città organizzatrici di biennale hanno percorso una strada fatta di creatività come motore dello sviluppo non solo sociale e culturale, ma anche economico.

La strada è quella approfondita da Richard Florida, che fissa nelle tre T - Talento, Tolleranza, Tecnologia - il mix che ha dato la possibilità di svilupparsi ad alcune aree geografiche più che ad altre. (Richard Florida L'ascesa della nuova classe creativa 2002). Il processo di globalizzazione, facilitato dal rapido sviluppo delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione, può creare le condizioni per un rinnovato dialogo fra le varie culture e civiltà, poiché – come dichiara l’Unesco - “I diritti culturali sono parte integrante dei diritti umani, che sono universali, indivisibili e interdipendenti”. In questa ottica diventa necessario un passo ulteriore: rafforzare la cooperazione, con lo scopo di dare a tutti i Paesi la possibilità di stabilire industrie culturali di qualità. Industrie che siano vitali e competitive a livello locale e internazionale. 

La cultura raramente viene considerata nel suo aspetto economico e di sviluppo, che non va confuso con la pura e semplice mercificazione, bensì con la produzione di reddito, con la circolazione delle idee e dei brevetti, con la realizzazione di scambi che possano generare un segmento di mercato capace di creare occupazione e, con essa, un vero e proprio indotto economico. E di far avanzare le civiltà verso il progresso intellettuale e, dunque, civile.

La creatività giovanile e il Mediterraneo, quindi,  sono i perni fondamentali su cui far ruotare il futuro del Mezzogiorno. Le professioni creative, a partire dai “mestieri dell'arte”, possono trainare un intero territorio verso lo sviluppo economico, come dimostrano molte esperienze europee. Questo è stata compreso da tempo nelle principali capitali della creatività mondiale. La cultura dell’accoglienza, la cultura del confronto tra civiltà e la creatività sono i principali fattori della produzione del mondo globalizzato. Possono essere il lato ambiguo, quando la cultura si mercifica e banalizza. Ma sono soprattutto un investimento a redditività differita, perché continuano a lavorare sotto pelle per anni.

I numeri della cultura. Secondo le conclusioni dello studio indipendente commissionato dall’esecutivo europeo (The Economy of Culture, 2004): "La cultura nel 2003 ha contribuito per il 2,6 per cento al Pil dell’Unione europea e il suo apporto ha registrato tassi di crescita superiori a quello dell’industria chimica, della gomma e della plastica (2,3%). Inoltre il settore ha impiegato, nel 2004, 5,8 milioni di lavoratori, pari al 3,1% del totale della forza lavoro nei 25 paesi dell’Ue, superando il totale della forza lavoro di Grecia e Irlanda. Un giro d’affari che ha toccato i 654 miliardi di euro nel 2003 superando quello del settore delle tecnologie d’informazione e comunicazione, che nello stesso anno ha registrato un giro d’affari di “soli” 541 miliardi di euro.

Tra il 1999 e il 2003 il comparto è cresciuto il 12,3% in più rispetto all’andamento generale dell’economia europea." I dati di questo studio sono suffragati da ricerche regionali e/o locali in  Italia e all'estero e da pubblicazioni di studiosi di economia della cultura: ormai diversi territori italiani hanno un monitoraggio e una analisi dei cambiamenti portati attraverso l'economia della conoscenza al tessuto socio economico. In alcuni casi, come per Bologna Capitale della Cultura nel 2000, si tratta di dati legati al prima e al dopo di un grande evento culturale.  L'energia creativa La Biennale è una manifestazione multidisciplinare, che propone creazioni che vanno dalla musica alle arti visive, dal teatro al video, dalle arti applicate alla letteratura, sino alla gastronomia: questo permette di avere un panorama multiforme, senza barriere tra le discipline artistiche, nuovo e inconsueto per i visitatori. C’è in essa un’energia creativa, una carica data dalla presenza contemporanea di centinaia di giovani, artisti e mediterranei che si relazionano con il territorio, che difficilmente si può quantificare ma che rende l’evento memorabile.

Le relazioni tra chi partecipa alla Biennale sono un patrimonio fondamentale per costruire percorsi professionali e artistici nell'economia creativa. Questo vale anche per gli enti organizzatori: lavorano alla Biennale più di 100 tra ministeri, enti locali, associazioni e istituzioni culturali mediterranee con cui è possibile costruire rapporti durevoli. Scambi professionali, gemellaggi, coprogettazione e/o coproduzione di opere artistiche, scambio di buone pratiche, intrecci formativi sono alcuni esempi di possibili collaborazioni. Il grande flusso di contatti, informazioni e collegamenti è un’opportunità che non è destinata ad esaurirsi nei dieci giorni della manifestazione, al contrario stimola la necessità di creare una rete e di avviare attività collaterali per l’intero anno. Tutto questo potrà favorire la nascita di un tavolo fra le Istituzioni dell’Europa e del Mediterraneo, uno strumento che sia volano per lo sviluppo delle culture giovanili e la definizione delle politiche economico-sociali.

Coniugare la creatività con il mondo del lavoro e con il mercato è uno degli obiettivi in programma. “Kairos /la nostra diversità creativa” per la Biennale Puglia 2008 Può essere espresso con il termine greco “Kairos” (momento giusto, opportunità, tempo in cui il cambiamento è possibile” il leitmotiv della Biennale Puglia 2008. Ed è “Kairos / la nostra diversità creativa” il tema che ha guidato i 104 soci e partner della Bjcem (6 Ministeri,  14 fondazioni, musei e istituti culturali, 37 enti locali, 37 Associazioni e ONG), nella scelta degli oltre 700 artisti tra i 18 e i 30 anni, provenienti da 46 paesi dell’Unione Europea, dei Balcani, del Medio Oriente e della Riva Sud del Mediterraneo che esporranno alla Biennale. 

La sfida è impegnativa, ma certamente affascinante: si provi a immaginare l’intero spazio urbano per 10 giorni destinato allo scambio di produzioni culturali giovanili dell’Europa e del Mediterraneo: un luogo di incontro diffuso, che favorisca non solo le relazioni artistiche, culturali e sociali, ma la creazione di una nuova rete di economie grazie alla possibile realizzazione di nuove iniziative ed alla  circolazione delle giovani produzioni culturali.   Una vetrina di valore incomparabile, dove l’arte e il suo mercato s’incontrino virtuosamente.

Fortemente voluta dal Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, la 13ma edizione della Biennale – dopo i successi di Bologna, Roma, Torino e Napoli – è organizzata dagli Assessorati regionali allo Sviluppo Economico - dall’Assessorato al Mediterraneo,  in collaborazione con l’Assessorato alla Trasparenza e con l’Assessorato al Turismo.  Main sponsor Seat Pagine Gialle. 

Contatti:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.biennalepuglia2008.org
Fiera del Levante – Pad 152 (Regione Puglia),
Lungomare Starita 70123 Bari (Italy)
Tel. +39 080 5351515-16-17  
Letto 1211 volte Ultima modifica il Mercoledì, 30 Aprile 2008 16:24

Aggiungi commento




Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA