Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

RSVP – Puntata 7: Private beta, oggi start-up, giganti domani

25 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

[video:http://www.youtube.com/watch?v=sFI3WkMf_Pg 460x360]
Benvenuti a una nuova puntata di RSVP. Questa volta, voglio svelarvi in anteprima alcune delle più promettenti start-up dello scenario della Silicon Valley. E parlo di anteprima perchè si tratta di progetti che ancora non sono sul mercato, perchè sono in fase private beta. Per i non-nerd, private beta significa che un gruppo ristretto di utenti può provare un prodotto o un servizio prima ancora che questo venga rilasciato. Un po’ come quando qualcuno vi invita a cena e vi dice che è la prima volta che prova quella ricetta: voi fate da cavia, ma allo stesso tempo avete l’opportunità di gustarvi qualcosa di veramente nuovo.

Nella scorsa puntata di RSVP ho parlato di video pitch. RocketPitch.org è un marketplace gratuito e interattivo in cui gli aspiranti capitani d’azienda possono pubblicare il proprio video pitch e attirare risorse verso il proprio progetto imprenditoriale. Al tempo stesso, Rocketpitch è una social community per facilitare gli incontri tra imprenditori e investitori di tutti i tipi. Oltre ad essere una vetrina di video pitch in cui è possibile osservare e imparare, Rocketpitch offre uno spaccato davvero interessante dell’ecosistema imprenditoriale della Silicon Valley. È possibile registrarsi sul sito www.rocketpitch.org per essere invitati al lancio ufficiale del sistema.

Blipboard vi permette di trovare facilmente su Internet persone che hanno i vostri stessi interessi e di incontrarvi con loro nel mondo reale. Funziona come un social game che connette agli altri utilizzando le informazioni condivise in micro blog contenenti tag significativi. Tutto verte sui tag inseriti nei propri post, che permettono di raggruppare le persone in microgruppi di interese. Blipboard può essere utilizzato durante meeting e conferenze per identificare velocemente le persone con cui si vuole entrare in contatto. Oppure, è possibile utilizzarlo per avere informazioni sui punti di interesse in una città. La private beta è disponibile sul sito http://www.blipboard.com/.

Credete che aggiungere amici su facebook o mantenervi in contatto con persone che già conoscete sia l’ultima frontiera del social networking? Beh, anche io lo pensavo. Poi, ho sentito di Sumazi. Immaginate di avere un’idea che può cambiare il mondo e di aver bisogno dell’aiuto di altre persone che possono aiutarvi a realizzarla. Non sarebbe bello conoscere qualcuno in grado di darvi una mano a far arrivare il vostro progetto lontano? Sumazi è un’applicazione che vi permette di entrare in contatto con sconosciuti che invece dovreste conoscere, ovvero, la cosiddetta persona giusta al momento giusto. A differenza di Blipboard, che è reattivo, Sumazi è proattivo, ovvero vi suggerisce automaticamente le persone con cui dovreste entrare in contatto. Potete iscrivervi su http://sumazi.com/ per provare la private beta.

Proseguendo sul tema dei social network alternativi, uno dei maggiori trend, e quindi una delle tendenze anche più logorate, è quella dei gruppi tra persone che condividono uno stesso spazio fisico. Proprio per questo, esiste la definizione di YALBSN: Yet Another Location-Based Social Network. Sicuramente Mobubble non è un altro YALBSN, nonostante le premesse le abbia tutte. L’aspetto innovativo di Mobubble è che ha uno scopo preciso, che è quello della vendita di beni. In pratica, più che essere un social network, Mobubble è un marketplace che permette di acquistare prodotti o servizi che si trovano nei paraggi. Quindi, può essere un modo innovativo per riscoprire lo shopping in città: basta paseggiare in un quartiere e subito mobubble ti suggerisce che il negozio di scarpe dietro l’angolo ha uno sconto del 50%, o che sull’isolato che hai appena lasciato c’è una pizzeria che offre il 3x2. Ovviamente, il servizio è ancora in private beta, perciò prima di dovrete registrarvi su www.mobubble.com.

La morale di questo piccolo showcase è racchiuso nella filosofia imprenditoriale della Silicon Valley, che si ritrova anche nelle strategie di Google. Ovvero: non ha senso aspettare vent’anni per realizzare il servizio migliore del mondo. È molto meglio partire con un’idea, anche embrionale, e migliorarla man mano che gli utenti mostrano il loro interesse. Se funziona, bene. Altrimenti, è meglio abbandonarla e passare al prossimo progetto. Vi ricordo che RSVP sta per “Rispondete, per favore” (e quindi, rispondete!) o, se volete, per Ricreiamo la Silicon Valley in Puglia (e non solo). RSVP.
Letto 1907 volte Ultima modifica il Mercoledì, 25 Maggio 2011 10:06

Progetto collegato

tutte le news