Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: Vivere a Bucarest. Un reportage dalla Romania (II) (di Clara Mitola)

28 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

3897036.a4f5627c.560di Clara Mitola. La skyline di Bucarest è il tempo che passa. È una storia di morti, di liberazioni, trionfi e cadute. La storia dei vivi e del progresso, sotto i tuoi occhi di abitante o di passante abituale, lungo un casuale percorso quotidiano. Dall’università di Bucarest in Piața Universității (sector 3), seguendo il boulevard Magheru fino in Piața Romana (sector 1), lungo i muri, sui palazzi, sulle croci ortodosse piantate al suolo, sulle barriere di plastica che dividono i cantieri urbani dal resto del suolo percorribile, si snoda un lungo corridoio architettonico di cemento che racconta gli scontri di piazza (le croci per i morti), le polemiche “revisioniste” (il rispetto per gli eroi dell’89), l’incuria, l’affarismo e una certa smaccata ansia di Occidente.

La presenza degli investimenti esteri è così importante e invadente che puoi vederla a occhio nudo nei palazzi e nelle sigle luminose che hanno in cima, nelle decine di metri quadrati di pubblicità srotolati sulle facciate di altri palazzi (abitati normalmente da persone che, in sostanza, non possono più aprire le finestre), nel fatto che la presenza di un Mac Donald quasi ad ogni stazione della metro (vale a dire ogni chilometro e mezzo) è un evento scontato.

La città vive rapida anche attraverso i passaggi stretti e i cantieri che si aprono ovunque, costantemente, a cambiarle i connotati. È una corsa al rinnovamento e di corsa procede anche la maggior parte della gente, per lo meno quella che ce la fa. I bucureșteni sembrano appartenere ad una particolare tipologia di romeni. Parlano svelto e non si fidano dei tassisti (uomini di ogni sorta, taciturni, spiritosi, spaventosi e tutti affamati di soldi), sono concentrati, impegnati, imprevedibili. Disinteressati a chi gli passa accanto e pronti a slanci inaspettati. In apparenza, sembrano costituire un gruppo ancora coeso e educato a un sistema comune, unificante, quando non si frantumano nella solitudine individuale. La solitudine vive a Bucarest, a volte più che altrove.

Da quando sono qui, la domanda che più spesso mi viene rivolta è perché, perché mai da ovest trasferirsi ad est, rinunciare al benessere per risalire controcorrente fino al post-comunismo in via di sviluppo. Sono contromano nei flussi migratori scavati da un andirivieni est-ovest ventennale! La risposta di solito sconcerta italiani e romeni. La risposta è una socialità differente, più problematica ma anche più vera, più “umana”. Certo, questo non ti fa partire, però a volte ti fa restare. È incredibile pensare che la presenza o meno del benessere possa funzionare al contrario, come uno strano contrappasso in cui, banalmente, più miserabile è la tua esistenza e maggiore è il rispetto che hai per quella degli altri (naturalmente quando ne hai). Ma non è tutto, perché in questo caso, nella miseria sporca e basilare come non ne conoscevo prima, nel mutuo soccorso, sembra esserci la reazione o lo sgomento che si provano di fronte ai cambiamenti più che radicali avvenuti nell’arco di soli vent’anni. Qui lo scarto generazionale non è solo questione di numeri, riguarda l’essere nati o no “in libertà”: è del tutto normale che i figli non conoscano affatto il mondo dei propri genitori, perché è un mondo che non esiste più.

Qualcuno dice che la Romania post-comunista non ha più morale né spina dorsale. Altri pensano che le storture della dittatura non saranno mai raddrizzate, che sono endemiche, considerando i sistemi adottati, le promesse di cambiamenti non realizzati, la classe politica e dirigente che proviene dalle seconde e terze file del Partito Comunista Romeno, quando non dai ranghi militari. In generale è la Rivoluzione del 1989 il luogo in cui si sviluppa il dibattito intorno al regime e si prendono le misure di quello che è rimasto. Qualcosa è rimasto, già nel semplice rifiuto, nel parlarne o nel non parlarne.

Un paio di mesi fa, in uno dei tanti cinema di Bucarest, è stato proiettato “Autobiografia lui Nicolae Ceaușescu” (regia di A. Ujică), vale a dire un documentario-collage di tre ore con filmati ufficiali e privati (perlopiù inediti) del conducator e della sua famiglia. Il filmato d’apertura mostra i coniugi di fronte al “tribunale” rivoluzionario, lo stesso che di lì a poco li avrebbe giustiziati. Ceaușescu inizia a parlare un romeno molto scorretto e l’intera sala ha cominciato a ridere. Il vero spettacolo è stata la reazione del pubblico. Anche al di fuori delle sale, se ti fermi a parlare con un passante o con la cuoca di una tavola calda, con un tassista o con il custode di un garage, “l’eredità” di Ceaușescu alla fine torna sempre, e non importa se prende le forme del rimpianto o dell’accusa. È un po’ come Casa Poporului, la Casa del Popolo, odierno palazzo del Governo (e anche sede del Mnac, il Museo Nazionale di Arte Contemporanea), l’antica residenza dei Ceaușescu. In qualsiasi punto di Bucarest ti trovi, se sei in alto, quasi di sicuro riuscirai a vederla, perché è al centro della città, perché è enorme e minacciosa, ingombrante e quasi indimenticabile.

(continua)

Letto 2570 volte