Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Sì, lo Voglio ha una “relazione finale” con la sposa di Putignano! ;-)

27 Gen
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sì, lo voglio, la Puglia è fashionSì, lo Voglio è un progetto di marketing territoriale che intende promuovere Putignano come la Capitale dell’abito da Sposa dando visibilità alla lunga tradizione che il paese vanta nel settore degli abiti da cerimonia. Il progetto si propone di mettere a valore l’enorme capitale sociale che negli anni si è accumulato nel sud-est barese nel settore tessile abbigliamento e, specificatamente dell’abito da cerimonia, utilizzandolo come leva di promozione territoriale, capace di incidere sulle dinamiche dello sviluppo turistico dell’entroterra Barese e di tutta la Valle d’Itria. Sfruttando le opportunità derivanti dallo sviluppo dell’intera filiera sposa e dall’innesco di proficue sinergie con altri settori economici (agro-industria, artigianato), si ritiene possibile ottenere un incremento del valore aggiunto con benefici vantaggi sull’economia del territorio. Per far questo è necessario uscire dagli schemi che considerano i comparti economici a sé stanti e cominciare a programmare interventi integrati che coinvolgano più attori, tutti coralmente impegnati al raggiungimento di un obiettivo di sviluppo che apporti benefici vantaggi a tutto il territorio. Un progetto ambizioso, la proposta di un nuovo modello di business che travalichi  i confini settoriali, geografici, la presa di  coscienza della perdita di centralità del  prodotto professata nella old economy e, il conseguente spostamento della creazione di valore aggiunto verso altri requisiti come la capacità di differenziarsi dalle concorrenze (di costo, dumping, contraffazione), di rappresentare un territorio con tutte le sue peculiarità, di generare emozioni legate all’acquisto, di intercettare clienti lasciando in porto le ormai vecchie reti distributiva o commerciale preferendo invece calare nell’oceano del mercato un’altra rete dove i bit corrono più veloci della materia, dove prima transita l’informazione, il commento, una storia e solo alla fine una transazione di acquisto.   

Un progetto innovativo in fase di start up non  poteva prescindere da un accurato piano di azione che immaginasse interventi su più ambiti, con diverse fasi realizzate da risorse specifiche dedicate.

Le attività svolte si possono annoverare in due macro aree: quelle tese a incidere sul contesto, preparatorie, di prossimità,  sono azioni di back office, mentre una volta creati i presupposti bisognava orientarsi al mercato, proporsi all’esterno, creare una serie di attività di relazione e di contatto verso destinatari potenziali interessati alle nostre proposte.

Le attività realizzate

Ci possiamo conoscere? Vista l’innovatività della proposta era necessaria un‘ azione di diffusione capillare tra i portatori di interesse, portatrice di cambiamento,  capace di definire con il contributo di tutti gli operatori una nuova strategia di sviluppo territoriale adeguata alle nuove sfide. Un’attività che è stata svolta parallelamente alla definizione del piano di azione, frutto sempre di continua condivisione con i soggetti che ne sarebbero stati i protagonisti dai cui preziosi feedback abbiamo continuamente attinto. Strumento essenziale per raggiungere questo obiettivo è stato il questionario somministrato alle aziende sposa del SLL di Putignano, che oltre a darci il polso del comparto ha contribuito a stabilire il primo approccio, avere la possibilità di presentare il progetto ai titolari delle imprese, fare in modo che si sentissero coinvolti e diventassero protagonisti del progetto, ma anche la possibilità di reperire informazioni utili, pareri, contributi all’iniziativa. Un percorso graduale, nel rispetto dei fisiologici tempi di metabolismo dell’innovazione, ha permesso un proficuo passaggio da un’iniziale scetticismo a una conquista di fiducia. Imprenditori già pionieri dell’internazionalizzazione e dell’uso delle nuove tecnologie, che, complice anche la crisi notoriamente catalizzatrice di cambiamenti, hanno percepito la necessità di uscire dalle vecchie logiche del fare business, aprendo a nuovi modelli di organizzazione, di vendita, e mettendoci a disposizione quel bagaglio di esperienze di cui sono gelosi depositari. Ne è scaturito un report frutto di un’ attenta analisi del settore sposa e una serie di strategie di azione condivise.  

ComunicAzione, dalla proposta all’azione Definita la strategia si è passati all’azione, mettendo in campo le attività di comunicazione utilizzando diversi strumenti. Obiettivo non è stato banalmente, per quanto da qualcuno auspicato, promuovere l’abito da sposa o una collezione di un’azienda piuttosto che di un’altra. In linea con la nostra mission di fornire un servizio di service, non volevamo proporre soluzioni in outsourcing aggiuntive a quanto già le aziende realizzano autonomamente, ma piuttosto realizzare una comunicazione istituzionale di Distretto, che descrivesse un legame tra l’abito da sposa e il territorio dove si produce.  Operativamente questo si è tradotto con la realizzazione di:

- un sito internet (URL: www.silovogliosposare.it) bi-lingua (italiano e inglese) giusto connubio tra creatività e tecnologia: una buona veste grafica con uno stile coerente all’oggetto, realizzata rispettando i principi del web marketing per assicurare la navigabilità, usabilità, funzionalità e accessibilità. Il sito internet è strutturato in maniera dinamica mediante la creazione di una galleria animata in flash inserita in home, e altre tre macroaree “la capitale dell'abito da sposa” “La Puglia sposa i sensi”  “Sposa i marchi” che mediante l’inserimento di foto accompagnano in un viaggio virtuale  nella favola del matrimonio tra le tipicità della Puglia.

La realizzazione di un sistema di gestione dei contenuti permette l’inserimento di news che, insieme alla pagina fan di facebook,  conferisce maggiore dinamicità, assicura l’ incremento delle visite grazie all’indicizzazione dei testi inseriti. Il sito, infatti, è stato ottimizzato per i motori di ricerca, ogni elemento è indicizzato e le keywords e tutti i meta tag utili per l'indicizzazione cambiano dinamicamente da pagina a pagina.

 - una brochure bi-lingua (italiano e inglese) come strumento di promozione off line, la realizzazione di un adesivo che, insieme ad una presenza capillare su blog, forum e social network, ed un servizio di front office, ha permesso la realizzazione di una campagna di viral advertising, una comunicazione diffusa rivolta al target individuato, giovani in età da matrimonio desiderosi di visitare la Puglia. Un'evoluzione del passaparola a  completamento di una strategia comunicativa, cominciata già con il naming,che scalando le maglie della rete ha contagiato gli utenti.  

La Puglia sposa i sensi In fase di realizzazione ci siamo da subito proposti di esplorare nuove frontiere della comunicazione che utilizzano tecniche evocative che coinvolgono i sensi. Tutte le azioni di Sì, lo voglio sono ispirate ai principi del marketing esperienziale: abbiamo focalizzato l’attenzione alla sfera del sensibile, all'esperienza del consumo, cercando di renderla unica, piuttosto che sul prodotto, un approccio alla comunicazione che ingloba anche aspetti della percezione. La Puglia, con i sui sapori, odori, le sue bellezze naturali mozzafiato, con il mood di cui è portatore, l’enfasi del particolare colto dalla quotidianità, si presta a essere un laboratorio naturale di questa strategia comunicativa che si rivolge alla componente soggettiva più emotiva, esulando dalla razionalità tradizionale nel processo di scelta e di acquisto. Luoghi d’incanto e location memorabili, la sposa, il bianco nei suoi molteplici aspetti che ad essa richiama, l’atmosfera da sogno che evoca il matrimonio, hanno permesso di descrivere uno scenario come un racconto, una narrazione favolosa.

Mi piace, ti sposo…l’idea L’iniziale diffidenza del “primo appuntamento” si è trasformata col tempo in sodalizi, si spera, duraturi. Fuor di metafora, la strategia commerciale prevista nel piano marketing prevedeva la realizzazione di partnership con aziende della filiera sposa del territorio: l’ampliamento di contatti commerciali a fronte di un riconoscimento provvigionale. Per i rivenditori di abiti è previsto un sistema di incentivi a fornirsi dalle aziende di Putignano mediante “un assaggio di Puglia”: in proporzione all’entità dell’ordine è riconosciuto un soggiorno nella nostra regione per toccare con mano il comparto sposa e assaporare le bellezze e tipicità del territorio. Proficui anche i rapporti con le istituzioni, risultato per il cui raggiungimento abbiamo investito molte energie,  perché riteniamo che debbano svolgere un ruolo da protagonisti del cambiamento e non da passivi spettatori di decisioni altrui. Si sono gettate le basi per forme di collaborazioni che potranno evolversi verso la creazione di un’agenzia di sviluppo territoriale, di un marchio di Distretto dell’abito da sposa di Putignano egida di un prodotto di qualità espressione del Made in Italy, di un sistema di incoming capace di attrarre flussi anche di nicchia, come quella individuata da Sì, lo voglio, purchè volano economico e strumento di attrattività e destagionalizzazione.

Per tutta la vita!

 

Per l’esperienza acquisita, riteniamo che il follow up sarà garantito se operiamo in un‘ ottica di sistema e comunque considerando come interlocutori le aziende che si sono dimostrate ricettive alle nostre proposte.  Il nostro intento è dotarci di una specializzazione nel settore e fornire servizi  capaci di supportare le aziende in attività a valore aggiunto (si veda elenco allegato). Per quanto riguarda l’attività di incoming riteniamo che una proposta incentrata sul matrimonio completa e arricchisce l’attrattività di un territorio che per molti aspetti è già di pregio, destagionalizza i flussi, sostiene il settore turistico e diversifica il reddito de settore moda. In una terra caratterizzata da trulli, masserie, importanti beni culturali, il Carnevale più antico d’Europa, enogastronomia, la “proposta matrimonio” non pretende di vivere di autonomia propria, ma integrandosi con le bellezze del territorio e i suoi prodotti tipici può intercettare una nicchia interessata ad un turismo insolito che trova motivazioni diverse dalla solita vacanza. Che poi se si considera il profilo, coppie in età da matrimonio attratti dalla Puglia, è  una nicchia piuttosto allargata. La differenza però della nostra proposta di turismo rispetto ad altre, consiste nella definizione precisa del target che ci permette di calibrare in maniera puntuale l’offerta rispetto alle esigenze e gusti dei clienti, quasi fornendo un prodotto personalizzato.

La realizzazione di tutto questo è legato alle sorti del comparto. Requisito essenziale quindi è che il tessile abbigliamento ritorni al centro del dibattito dei portatori d’interesse. E’ necessario pensare azioni di contesto che favoriscano l’insediamento di imprese, incidere sulla capacità del territorio di attrarre risorse umane ed economiche , intervenire sul capitale umano e in attività di formazione per non disperdere le professionalità diffuse, senza trascurare la salvaguardia del patrimonio e capitale sociale acquisito nel tempo, la cui valorizzazione può diventare essa stessa volano di sviluppo e attrazione del territorio.  In tutte queste attività siamo certi di poter dare il nostro contributo, potendo proseguire così il progetto. Noi abbiamo gettato le basi, adesso con l’apporto di tutti, potremmo continuare il percorso avviato.

Signore e Signori

               Vogliate pronunciare con noi…

Sì, lo voglio…la Puglia è Fashion!

Letto 1919 volte Ultima modifica il Lunedì, 31 Gennaio 2011 10:19

Progetto collegato

tutte le news