Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Relazione finale del progetto: "Voci, sguardi, sapori tra itinerari rurali e marini nel sud salento".

27 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

[...] L’idea progettuale consiste nella riscoperta e riqualificazione dell’area del basso Salento, nello specifico Tricase e Castro; i due Comuni sono storicamente caratterizzati dalle attività rurali e marine. Il progetto intende approfondire le conoscenze degli ambienti come intreccio di culture materiali e simboliche, vero “museo della vita” carico di prodotti della storia e deposito di memorie, tradizioni, usi, costumi e creazioni artistiche. La ricerca di testimonianze e voci è intesa a scavare in profondità le attività che tradizionalmente hanno caratterizzato Tricase e Castro. Si focalizza l’attenzione su memorie, racconti, storie di vita, narrazioni del luogo...

Recuperare la memoria, la storia e i vissuti passati della comunità tricasina e castrense consente non solo di aumentare le proprie conoscenze ma di arricchire la propria cultura e la propria identità. Da qui, risulta necessario l’incontro con i narratori locali per comprendere quali sono i punti di forza e critici di professioni che un tempo rappresentavano il cuore di Tricase e Castro... [...]

La memoria è il modo con cui le collettività, legate da legami di affetto, dominano e sconfiggono l’opera del tempo”, che tenderebbe a distruggere e disperdere il loro patrimonio di pensiero. Il patrimonio che la memoria consente di conservare è rilevante ai fini di uno sviluppo identitario di una comunità. La memoria è una sorta di cura per la società contemporanea, contrassegnata da mutamenti incessanti, in cui le tradizioni e le radici hanno meno valore e si generano identità frammentarie e discontinue. A tal proposito, questo progetto è un’iniziativa che richiama l’attenzione, nonché la riflessione sulla memoria e le testimonianze della civiltà contadina e marinara.

Nella fase della formazione, le attività del laboratorio di ricerca didattica, rivolte agli studenti dell’Istituto Magistrale “G.  Comi” di Tricase, si sono svolte presso le aule dell’Istituto stesso. Il laboratorio ha avuto una frequenza assidua e tutti i partecipanti hanno collaborato in maniera attiva alla realizzazione del progetto. L’idea alla base del Laboratorio, era la riscoperta e la riqualificazione dell’area del basso Salento, nello specifico Tricase e Castro, comuni storicamente caratterizzati da attività rurali e marine. Con tale progetto si intendeva raccogliere materiale per approfondire le conoscenze delle tradizioni, degli usi, dei costumi e delle creazioni artistiche di questi luoghi.

Nel primo incontro, dopo la presentazione dei partecipanti, del tutor e degli esperti, è stato somministrato ai ragazzi un questionario per analizzare le loro conoscenze rispetto ai significati dei termini memoria, radici ed identità, le loro aspettative in merito al progetto e per accertare e valutare le risorse personali da investire nella nuova esperienza. 

In seguito si è chiesto ai ragazzi di ricercare attraverso testimonianze dirette, le ricette dei piatti tipici Salentini, le coltivazioni, i vecchi mestieri, i termini dialettali, i proverbi, gli aneddoti e i personaggi illustri di quei luoghi.

Nei successivi incontri i ragazzi, divisi in sei gruppi, hanno catalogato il materiale raccolto.

Il primo gruppo si è occupato di ricercare tipiche pietanze del Sud Salento e di raccoglierle in un libro di ricette. Tale raccolta è stata intitolata dai ragazzi stessi: “ LI SAPORI NOSCI ” e le ricette contenute sono: maranciane ripiene, mustaccioli, la murenna, ficandò, frasedde, pasticciotto leccese, cartaddate, municeddi, pittule, pampasciuni, zeppole.

Il secondo gruppo ha raccolto le bibliografie di personaggi illustri come: Don Tonino Bello, Papa Galeazzo, Maria Teresa Sparascio.

Il terzo gruppo si è dedicato a raccogliere e riportare in vita i vecchi mestieri come u mpaja segge, la munna, il costruttore delle pajare, l’arte di lavorare col telaio e la coltivazione della pastanaca.

Il quarto gruppo ha ricercato e catalogato su una rubrica vecchi termini dialettali persi nella memoria.

Il quinto gruppo, invece, ha ricercato e trascritto vecchi proverbi e aneddoti dialettali indicandone il relativo significato in italiano e riportato alla luce il vecchio calendario contadino.

Il sesto gruppo è andato alla ricerca delle costruzioni tipiche del basso salento come ad esempio i muretti a secco, le pajare, i frantoi ipogei, le masserie, le pescaie.

La raccolta del materiale ha permesso ai ragazzi di approfondire la conoscenza delle attività che tradizionalmente hanno caratterizzato Tricase e Castro. I racconti, le narrazioni dei nonni, degli zii e dei conoscenti del luogo hanno messo in risalto, ancora di più, i vecchi mestieri del settore primario e i relativi prodotti che ne derivano. Il recupero delle tradizioni di un tempo, come espressioni di un passato, costituiscono il pilastro della nostra identità personale e confrontandosi con il presente si mescolano ad esso fino ad integrarsi e divenire un particolare spazio mentale e affettivo. Recuperare la storia e i vissuti passati della comunità tricasina e castrense ha consentito non solo di aumentare le proprie conoscenze, ma di arricchire la propria cultura e la propria identità.  Dopo la ricerca e catalogazione del materiale raccolto, i ragazzi, divisi in due gruppi, hanno effettuato dei percorsi educativi andando a visitare i luoghi in questione e interagendo direttamente con i contadini e i pescatori.

Il primo gruppo di ragazzi ha effettuato un itinerario rurale e marino visitando i frantoi ipogei di Acquarica del Capo, Giuggianello, Uggiano la Chiesa e la splendida città di Castro andando al Centro Ittico Mare Vivo, alle Grotte, al Castello e raccogliendo le testimonianze di pescatori sulle attività marinare e sulle tecniche di pesca. Il secondo gruppo di ragazzi, invece, ha effettuato un itinerario rurale visitando la contrada “Palane” di Tricase e l’Azienda Agrituristica “Gli Ulivi” di Miggiano, dove hanno degustato prodotti tipici locali e conosciuto i sistemi di produzione e riqualificazione rurale e imprenditoriale di colture dei territori salentini, come quella delle olive.

Successivamente, nell’ultimo incontro, si è dato spazio all’ascolto e alla condivisione dei racconti dei ragazzi riguardo ai percorsi effettuati. Confrontandosi e scambiandosi informazioni e riflessioni, il gruppo dell’itinerario rurale ha sottolineato il contatto con la natura attraverso l’odore di terra, di stalla e degli animali, il gruppo dell’itinerario marinaro, invece, ha sottolineato l’odore del pesce e del mare, e  la frescura  delle grotte visitate. Viaggiando a ritroso, i ragazzi, si sono immersi in un passato non tanto lontano da loro ma fino a quel momento poco conosciuto, avendo così l’opportunità di comprendere quali erano i mestieri, le coltivazioni, le costruzioni tipiche che un tempo rappresentavano il cuore di Tricase e di Castro, contribuendo ad arricchire il proprio bagaglio culturale e la propria identità.

Gli allievi si sono dimostrati partecipi e attivi sia durante le lezioni in aula che nella fase di raccolta del materiale, dimostrando una buona capacità di ricerca, di selezione e di rappresentazione. Il gruppo è apparso molto motivato rispetto alle attività realizzate, esprimendo interesse ed entusiasmo per la possibilità datagli di approfondire le proprie radici culturali.

La metodologia utilizzata è stata quella della ricerca attiva per cui i ragazzi sono stati i veri protagonisti del progetto. Ciò ha permesso loro di recuperare storie, luoghi e personaggi della propria terra attraverso l’esperienza diretta o l‘ascolto di testimonianze.

L’attività in gruppo ha facilitato il coinvolgimento e la libera espressione di tutti i partecipanti dando la possibilità di condividere anche le esperienze personali. Alcuni ragazzi, infatti, hanno riportato nel gruppo i racconti dei propri familiari , come F. che ha descritto ai compagni la tecnica della costruzione delle pajare, tramandatali dal nonno e dal papà, o M. che ha raccontato dell’arte della potatura delle olive, o A. che ha narrato del mestiere del ‘mpaja seggie, mestiere che apparteneva al nonno e che consisteva nel riparare le sedie rotte attraverso un meticoloso lavoro. Questo ha dato la possibilità di comprendere  e osservare come la storia personale e familiare di ognuno possa diventare parte integrante dell’ identità del gruppo e quindi essere condivisa accettata e inserita nel proprio bagaglio culturale. Nonostante la suddivisione in gruppi non è mancata la coesione e il supporto reciproco, la collaborazione e lo scambio di informazioni tra i partecipanti dei sei gruppi. Gli allievi hanno espresso la propria soddisfazione rispetto alle attività svolte e si sono detti orgogliosi dei prodotti realizzati. I lavori che i ragazzi hanno realizzato nel corso del laboratorio, sono stati esposti nella Mostra “Testimonianze della vita contadina e marinara” che si è svolta il 26-27-28 novembre 2010 nell’Area Museale di Palazzo dei Principi Gallone di Tricase come testimonianza di una ricerca e di un percorso formativo che porta alla luce le tradizioni di un passato che ci appartiene e che va rivalorizzato. Infatti, come dice Marquez, la vita è quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla. Attraverso la riscoperta delle antiche tradizioni e mestieri, i ragazzi hanno così potuto comprendere i progressi del presente, infatti, oggi, non esiste più l’mpaja segge e la potatura delle olive viene fatta con tecniche diverse, allo stesso tempo i ragazzi, attraverso il laboratorio, hanno avuto l’opportunità di rivalorizzare il passato che, il più delle volte, rischia di cadere nel dimenticatoio.

Nella fase della ricerca sociale, l’obiettivo del lavoro di ricerca riguarda lo studio della comunità territoriale di Castro come ambito di intervento attivo per lo sviluppo locale, analizzando le influenze sociali ed economiche che il Mar Mediterraneo ha generato, in particolare, sulle coste del Mar Adriatico. Nello specifico è stata sviluppata un’analisi delle pratiche dei più disparati metodi di pesca, dell’organizzazione del mestiere di pescatore e la riscoperta della cultura mediterranea, al fine di ripercorrere le tracce di un passato ancora vivo nella scienza del mare, nell’arte della pesca, nell’ambiente e del cibo. Il lavoro di ricerca è stato effettuato su tre livelli distinti: le fonti bibliografiche e documentarie relative alle legislazioni e agli apparati organizzativi nazionali e locali che si interessano al settore della pesca; le interviste con soggetti e organizzazioni interessati direttamente all’ambito lavorativo della pesca: pescatori professionisti e aziende ittiche; reperimento, descrizione degli antichi attrezzi da pesca e conseguente allestimento mostra. Il report riporta l’analisi della struttura economico-organizzativa della comunità dei pescatori di Castro soffermandosi sull’aspetto culturale: si è cercato di individuare e ripercorrere il mondo del pescatore, le loro norme e i valori condivisi, attraverso i modelli di relazione intessuti tra loro. Di sfondo a tale descrizione si è cercato di non perdere di vista quelli che sono gli aspetti funzionali ed economici legati alla pesca. La cittadina di Castro ha un rapporto profondo ed intimo con il mare: è impossibile comprendere Castro e la sua storia, la sua cultura, i suoi abitanti ed i loro costumi, se non li si collega al mare, a quanto questo ha dato alla cittadina nel suo divenire nel corso degli anni.  Scorrendo la storia di questo paesino marinaro si trova un filo conduttore che inserisce la città in un contesto mediterraneo sia per la sua conformazione geografica che per i fattori economici: la pesca ha dato alla città benessere assicurando la sussistenza a centinaia di famiglie e contribuendo alla nascita e alla crescita di tradizioni, saperi empirici e culturali. II sapere dei pescatori/marinai, ultimi eredi che vivono il presente affondando la loro conoscenza nel passato prossimo e remoto, risulta essere fondamentale nell’ottica del presente. I pescatori sono inconsapevolmente cantastorie che tramandano i racconti ereditati dai padri e dai nonni, e i vissuti che questi ultimi avevano appreso a loro volta dagli "antichi".

A conclusione del progetto, venerdì 26 novembre 2010 alle ore 18.30 presso la Sala del Trono di Palazzo dei Principi Gallone della Città di Tricase, lo Staff ha organizzato una presentazione, relativa agli eventi autunnali del progetto “Voci, sguardi, sapori tra itinerari rurali e marini nel sud salento”.

Riprendendo proprio l’atmosfera caratterizzata da un forte senso di integrazione tra tradizione e modernità - gli eventi autunnali che si sono svolti il 26/27/28 novembre 2010 – hanno mirato alla presentazione interattiva dei percorsi realizzati attraverso: la proiezione del  film documentario “L’ECO memorie e testimonianze della vita contadina e marinara”; Workshop “Il sapere dei sapori: l’universo dell’olio di oliva. Qualità per la salute e prove d’assaggio”; Spazio espositivo delle aziende “Sapori e Gusti tra tradizioni e tipicità”, Mostra “Testimonianze della vita contadina e marinara”, Festa popolare, Tavolata, suggestioni, ricordi, poesie, canti, cunti
Letto 6175 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Gennaio 2011 19:51

Progetto collegato

tutte le news