Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

DAL DIRE AL FARE: PRO.P.O.S.T.A. PUGLIA

09 Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

  Il prodotto finale realizzato da MeridieS è un atlante storico-informatico degli insediamenti pugliesi dal Quattrocento ai nostri giorni: si tratta, per la precisione, di un sito web che elabora le informazioni archiviate in una serie di banche dati.

 

1° FASE: Ricerca bibliografica

La prima fase del lavoro è consistita nella raccolta e interpretazione delle fonti e della bibliografia relative al territorio pugliese. Le fonti utilizzate sono di diversa natura: enciclopediche, descrittivo-narrative, fiscali, ecclesiastiche, politico-amministrative e demografiche e appartengono a periodi storici diversi, andando dal ‘400 fino ai giorni nostri con i censimenti ISTAT.

Punto di partenza è stato il Dizionario geografico ragionato del Regno di Napoli di Lorenzo Giustiniani, opera prodotta alla fine del ‘700, per la sua sistematicità e attendibilità; si è proseguiti con il Liber Focorum Regni Neapolis (strumento fiscale di metà Quattrocento), le Descrizioni del Regno di Napoli di Mazzella, Bacco, Scultore e Capobianco, l’opera pacichelliana, l’Atlante di Marzolla e i dati demografici dei censimenti ISTAT.

 

2 FASE: selezione e informatizzazione dei dati

Dal momento che ogni fonte censisce un numero diverso di toponimi e spesso fa riferimento all’intero Mezzogiorno, abbiamo dapprima selezionato i centri che rientrano nei confini della Puglia attuale e successivamente costruito un data-base per ogni fonte. Nei limiti del possibile, considerata la varietà della documentazione utilizzata, si è cercato di uniformare le banche dati mantenendo una struttura costante, costituita da un numero variabile di colonne che ospitano dati associati agli insediamenti pugliesi: qualità del centro, titolo feudale, famiglie nobili, parrocchie, confraternite, enti laicali eventualmente presenti, produzione, uffici, numero dei fuochi o degli abitanti (a seconda del periodo storico considerato dalla fonte) ed eventuali note.

La prima colonna di ogni tabella è costituita da un campo ID contenente un codice numerico che contraddistingue univocamente ogni insediamento e permette di riconoscerlo sempre, anche in caso di evoluzione del nome. Attraverso la colonna ID le tabelle sono in relazione tra loro e i dati delle diverse fonti sono interrogabili e confrontabili grazie alle potenzialità del software utilizzato (Microsoft Access). Ne risulta un ampio archivio, ricco di informazioni, flessibile e agilmente consultabile e interrogabile a seconda delle letture del territorio che si vogliono condurre.

In questa fase non sono mancati alcuni problemi relativi alla corretta identificazione dei centri, tanto per la presenza di toponimi desueti e talvolta in latino, quanto per i fenomeni di riorganizzazione del territorio.

 

3 FASE: puntamento e georeferenziazione dei centri su cartografia in ambiente GIS

Il passaggio successivo è stato il puntamento dei centri e la relativa georeferenziazione secondo parametratura riferita al Sistema WGS 1984 UTM 33N. Abbiamo usato due tipi di cartografia di base: il primo rilievo IGM post-unitario (scansionato, mosaicizzato e georefenziato), messo a disposizione dal Dipartimento di Scienze Storiche e Sociali dell’Università degli Studi di Bari, e l’ultimo rilievo degli anni ’40. Considerando la complessità dell’evoluzione dei confini comunali dei centri pugliesi nel tempo, in generale si è preferito seguire un criterio di puntamento per marker utilizzando shapefile point in ambiente GIS, piuttosto che l’individuazione areale di poligoni (shapefile polygon). Il ricorso a files poligonali è stato riservato a casi eccezionali di letture del territorio più compatibili con questo tipo di graficizzazione (si veda la carta dei feudi).

I punti che individuano ciascun insediamento sono stati centrati sulle chiese matrici usando un supporto IGM, la CTR (Carta Tecnica Regionale) della Regione Puglia risalente al 2007, e l’ortofoto della regione Puglia (2006). La CTR e l’ortofoto sono state scaricate dal SIT (Sistema Informativo Regionale, www.sit.puglia.it). Si è adottato il criterio della localizzazione del punto sulla chiesa matrice dal momento che essa rappresenta una delle tracce più antiche e allo stesso tempo più evidenti dell’insediamento. Questo criterio comporta un livello di approssimazione che si è deciso di esplicitare fornendo indicazioni sul grado di precisione del puntamento, secondo la classificazione ottimo, buono, scarso e puntamento ipotetico quando l’identificazione del centro è più problematica.

 

4 FASE: interrogazione del database ed elaborazione della cartografia

Una volta predisposto il data-base e terminato il puntamento dei centri, si è proceduto alla interrogazione dei dati secondo le letture del territorio che abbiamo ritenuto più significative (demografia, qualifiche onorifiche, feudalità, emergenze architettoniche, ecc.).I dati raccolti sono stati “lavorati”in modo da ottenere tabelle, rappresentazioni grafiche e cartografiche che forniscono un’immagine significativa di alcuni dei fenomeni riportati dalle fonti.

Il lavoro di lettura del territorio è proceduto parallelamente secondo due scale diverse: la scala regionale e quella comunale. L’atlante fornisce prima di tutto una serie di informazioni di base per ciascun insediamento, in secondo luogo propone letture di fenomeni a scala regionale ma anche approfondimenti su specifici centri. Obiettivo del progetto è quello di realizzare un prodotto sempre in progress dal momento che infinite sono le conoscenze del territorio e la documentazione ad esso relativa. In accordo con questo obiettivo, in prima battuta abbiamo analizzato il comune-campione di Molfetta con l’idea di proseguire il lavoro con l’analisi di altri centri. Punto di forza della nostra idea progettuale non è tanto la completezza del prodotto, impossibile da raggiungersi in così poco tempo, ma la proposta di un modello di analisi territoriale universalmente applicabile.

In aggiunta alle informazioni di base, nel caso di Molfetta abbiamo tracciato un profilo storico dalle origini ai giorni nostri, ricostruita l’ipotesi di espansione urbana nel corso dei secoli, localizzato gli antichi casali e puntato le emergenze architettoniche della città (chiese, torri), infine offerto un interessante repertorio iconografico e una corposa bibliografia.

 

5 FASE: Costruzione del sito web

Come da formulario di candidatura, lo strumento scelto per veicolare i contenuti elaborati nel corso del progetto PRO.P.O.S.T.A. PUGLIA è un sito web costruito con CMS (Content Management System) open source Joomla, il mezzo più adatto a consentire il continuo aggiornamento e una più ampia diffusione delle informazioni. Nella costruzione del sito sono stati applicati i criteri di usabilità e accessibilità (legge Stanca, DM 08/07/2005) e rispettate le norme sul copyright del materiale pubblicato.

Tutte le pagine web sono state scritte in XHTML 1.0 Transitional (per i contenuti), utilizzando CSS (per la presentazione); pertanto, questo sito potrà essere usato su tutti i browser web che supportano tali standard.

Il contrasto fra i colori di sfondo e quelli dei testi é stato scelto per garantire la leggibilità dei contenuti anche agli utenti ipovedenti o che percepiscono i colori in modo alterato.

Il sito si articola nelle seguenti pagine:

-              L’Associazione MeridieS: breve presentazione dell’associazione

-              Il progetto: descrizione del prodotto, con finalità, destinatari e piano del lavoro

-              I centri: elenco cliccabile degli insediamenti puntati e google map Puglia

-              Elaborazioni cartografiche: parte dedicata alla presentazione delle mappe

-              Le fonti: schede bibliografiche e files scaricabili

-              Bibliografia: elenco dei principali testi utilizzati con piccola sezione download

-              Sitografia: link ai principali siti di riferimento.

 

Per ogni insediamento, cliccando il relativo item nell’elenco dei centri, si apre una pagina in cui vengono proposte informazioni di base (altimetria, esistenza odierna, autonomia amministrativa, livello di precisione del posizionamento, ecc.), un grafico con lo sviluppo demografico e, dove significativo, l’evoluzione del toponimo nel tempo.

Nell’elenco è evidenziata Molfetta, il nostro comune campione, per il quale, come detto in precedenza, abbiamo sviluppato una sezione più ampia. L’intento è quello di condurre un’analisi approfondita di tutti gli insediamenti pugliesi, fino al completamento dell’elenco che a quel punto avrà ogni centro evidenziato allo stesso modo.

La pagina relativa alle elaborazioni cartografiche, invece, è articolata in sottopagine secondo i tematismi graficizzati nelle mappe e relativi alla precisione del puntamento, alla geografia feudale (con due diverse scale di rappresentazione), alle analisi demografiche e qualitative dei centri in età moderna, alle emergenze architettoniche più significative (castelli, cattedrali, santuari e luoghi di culto).

 Infine vogliamo segnalare che il Dipartimento di Scienze Storiche e Sociali dell’Università degli Studi di Bari, in quanto partner di progetto, ha accettato di linkare il nostro atlante al proprio sito in modo da promuoverne l’accesso da parte degli studenti.

 

 

 

Letto 1677 volte

Progetto collegato

tutte le news