Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Siamo arrivati al termine...ma il nostro progetto continua

03 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’idea progettuale, che mira a migliorare la qualità di vita dei malati di Alzheimer, è stata concretamente realizzata dal settembre 2009 ad agosto 2010 attraverso un servizio riabilitativo domiciliare, offerto gratuitamente a pazienti già diagnosticati con Malattia di Alzheimer ad un livello lieve-moderato nelle città di Giovinazzo, Molfetta e Bisceglie.

Quest’idea progettuale è stata promossa attraverso la distribuzione di locandine e brochure negli studi medici e farmacie e alla pubblicizzazione su mass-media come stampa e siti internet. Successivamente, è stata sostenuta anche dai Comuni di Molfetta e Giovinazzo, i quali hanno manifestato loro sensibilità istituendo sportelli informativi sperimentali e temporanei, che hanno permesso alle famiglie con congiunti affetti dalla Malattia di Alzheimer di conoscere e contattare l’Associazione per ottenere informazioni su di essa e per richiedere l’intervento domiciliare proposto.

 

L’Associazione “Alzheimer Project” ha offerto il proprio servizio (interventi riabilitativi e/o informazioni sulla malattia) nei COMUNI DI:

 

  •   MOLFETTA : 12 famiglie;

 

 
   

  •                  GIOVINAZZO: 14 famiglie;

 

 

  •     BISCEGLIE: 9 famiglie                      

 

Nello specifico, l’associazione si  è proposta  di aiutare il malato e le famiglie attraverso:

·         STRATEGIE DI SELF-MANAGEMENT con l’ausilio di supporti tecnologici appropriatamente costruiti volti a far RIACQUISIRE E/O PRESERVARE ABILITÀ FUNZIONALI ED OCCUPAZIONALI (quali vestirsi, lavarsi, svolgere piccole attività domestiche e di cucina), importantissime per il mantenimento di adeguati livelli di autonomia ed indipendenza;

·         INTERVENTI COGNITIVI (es. procedure di memorizzazione);

·         SOSTEGNO PSICOLOGICO per i malati e per i familiari;

·         DIFFUSIONE DI CORRETTE INFORMAZIONI SULLA MALATTIA;

·         PROMOZIONE DELLA RICERCA attraverso la diffusione dei dati raccolti su riviste scientifiche grazie al supporto dell’Università degli Studi di Bari.

 

Essenzialmente, gli obiettivi qualitativi che l’Associazione si è proposta di raggiungere sono PROMUOVERE E PRESERVARE LA DIGNITA’ DI VITA DEI MALATI DI ALZHEIMER.

 

Obiettivo primario è MIGLIORARE LA QUALITA’ DI VITA DEL PAZIENTE garantendo così uno status sociale degno di ogni essere umano. Il progetto, infatti, è stato creato per rendere i malati indipendenti da eventuali guide fisiche dei caregivers; in termini pratici questo si tradurrebbe in una maggiore autonomia funzionale che ha dei risvolti positivi anche sull’umore del malato e dei familiari.

In secondo luogo, attraverso la realizzazione del progetto sono stati raggiunti ulteriori obiettivi di massima importanza:

 

·                        mantenere il più elevato livello di autonomia compatibile con la propria condizione clinica;

·                        incrementare risposte adattive ed esercizi fisici;

·                        ridurre comportamenti devianti;

·                        migliorare il tono dell’umore e dell’autostima del paziente Alzheimer;

·                        permettere di realizzare attività (come vestirsi, lavarsi, apparecchiare, svolgere piccole attività di cucina e domestiche)   che dal punto di vista cognitivo richiedono numerose capacità spesso compromesse;

·                        migliorare l’immagine e lo status sociale;

·                        generare nuove forme di occupazione in ambienti domestici;

·                        ridurre il continuo ed estenuante lavoro di supporto dei caregiver;

·                        migliorare il tono dell’umore e ridurre lo stress del caregiver.

 

FASI DEL PROGETTO

Il servizio riabilitativo domiciliare si è composto dalle seguenti  fasi:

1)  Incontro con il paziente e il caregiver per un’anamnesi preliminare  e per la   somministrazione dei seguenti test neuropsicologici:

·         Mini Mental State Examination (M.M.S.E.; Folstein, Folstain, & McHugh,1975;) strumento per lo screening della demenza. Contiene prove di orientamento spaziale, temporale, linguaggio, calcolo e memoria a breve termine.

·         Instrumental Activity of Daily Living (I.A.D.L. Lawton & Brody, 1969); indaga  l’autonomia dei pazienti in otto attività strumentali del vivere quotidiano come,ad esempio, la capacità di usare il telefono; la capacità di fare acquisti; la capacità di preparare del cibo.

·      Activities of Daily Living (A.D.L.; Kats et al., 1970); valuta l’autonomia dei pazienti nelle attività di vita quotidiana (come,ad esempio, la capacità di fare il bagno; la capacità di vestirsi; la capacità di andare in bagno);

2)   Osservazione e valutazione del setting e delle capacità del paziente;

3)  Stesura del programma d’intervento ad personam con scelta delle abilità da ripristinare e da mantenere e delle tecniche cognitive da utilizzare;

4)   Suddivisione in piccoli steps della prescelta attività da far svolgere al paziente. Lo psicologo effettua una TASK ANALYSIS: una procedura che scompone l’abilità o il compito in atti semplici, concatenati tra loro e posti in ordine cronologico, che sono presentati in sequenza e con tempi sufficientemente adeguati al loro svolgimento.

5)  Valutazione del tono dell’umore del paziente Alzheimer attraverso il test HAM-D (Hamilton Rating Scale for Depression);

6)   Esecuzione di sessioni di BASELINE. Nello specifico la baseline è la condizione che non include la variabile che si vuole valutare, o meglio la tecnica di intervento che si vuole attuare. Questa indagine di base viene ottenuta mediante la registrazione della frequenza dei passaggi, previsti dalla task analysis, verificatisi correttamente o non verificatisi in tempi predefiniti.

7)  Esecuzione di sessioni di INTERVENTO: attuazione dell’attività riabilitativa prescelta attraverso l’utilizzo dei supporti tecnologici.

8)    Registrazione degli indici di felicità durante l’esecuzione delle attività;

9)   Analisi statistica dei dati raccolti e diffusione dei risultati attraverso pubblicazioni su riviste scientifiche grazie al supporto dell’ Università degli Studi di Bari.

 

 L’Associazione Alzheimer Projectsi propone di proseguire la collaborazione con i Comuni di Giovinazzo  e Molfetta(Assessorati alla Solidarietà Sociale), di perseguire gli  obiettivi precedentemente presentati e di realizzarne dei nuovi come:

·         ampliare il numero dei soci: condizione importante per poter offrire un servizio quantitativamente superiore;

·         accrescere, attraverso mezzi di comunicazione, le conoscenze circa l’Associazione ed il suo modus operandi;

·         diffondere informazioni rispetto alla Malattia di Alzheimer e demenze correlate;

·         organizzare corsi di formazione e seminari per familiari e volontari;

·         creare gruppi di ascolto per caregiver e  familiari;

·         ampliare il gruppo di professionisti per poter offrire un servizio multidimensionale (fisioterapisti, neurologi, educatori professionali etc).

 

 

 

 

Letto 2066 volte

Progetto collegato

tutte le news