Stampa questa pagina

Relazione intermedia del progetto...“SVILUPPO DEL CONSUMO CRITICO NEI BAMBINI”

10 Ago
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

Come stiamo procedendo …

Il progetto “Sviluppo del consumo critico nei bambini” mira, come già sottolineato in precedenti relazioni, ad indagare le modalità di ricezione della pubblicità da parte dei bambini e l’effetto che essa esercita sulle loro percezioni e sui loro comportamenti di acquisto. Intende pertanto sviluppare nei piccoli e negli adulti un atteggiamento critico ed un’autonomia di giudizio nei confronti dei media, affinché da spettatori passivi diventino protagonisti attivi e realmente capaci di scegliere.

La metodologia di intervento, che si sta utilizzando in questo progetto e che risulta adatta agli obiettivi sopra citati, si basa su un piano di educazione ai media, realizzato attraverso una educazione non volta ad una censura dei media, bensì ad una comprensione profonda dei meccanismi e dei linguaggi che li regolano, in relazione anche ai contesti sociali e culturali di riferimento. Sta assumendo, pertanto, particolare importanza l’orientamento che il contesto scolastico rivolge in merito soprattutto al rapporto tra bambini e pubblicità. Non bisogna dimenticare infatti che nel confronto tra i bambini e la pubblicità, i primi sono i soggetti più vulnerabili di fronte all’azione dei media e rappresentano il futuro della società: la pubblicità ha trovato, proprio nei bambini il suo target ideale, sfruttando la loro facile influenzabilità e curiosità.

La volontà di operare nelle scuole, per la precisione nelle scuole elementari, si fonda sulla considerazione che il periodo scolastico è tempo di studio ma anche di confronto e sviluppo di modelli di comportamento. Esso rappresenta, quindi, il momento primario e privilegiato per la formazione e l'educazione dei giovani.

Il modello organizzativo proposto dal nostro progetto fa riferimento al programma “scuole per la promozione della salute” dell’OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità). L’obiettivo primario del progetto è migliorare e proteggere il benessere di studenti, insegnanti, personale non docente e in senso più ampio la comunità.

La scuola orientata alla promozione della salute é impostata secondo un modello sociale di salute che valorizza l'intera organizzazione scolastica e, nel contempo, concentra, tuttavia, la propria attenzione sull'individuo. Al centro di questo modello viene posto il giovane, visto come un individuo a pieno titolo, all'interno di un ambiente dinamico. Un tale approccio crea un contesto sociale di grande sostegno, che influisce sul modo di vedere, percepire e agire di tutti coloro che vivono, lavorano, giocano e apprendono nella scuola. Tutto ciò crea un clima positivo che nei giovani si ripercuote sulle modalità di relazione, sul processo decisionale e sull'adozione di valori e comportamenti.

La scuola da sempre si è posta come una primaria agenzia di socializzazione che permette una comprensione critica dei nuovi fenomeni culturali e, in particolare, di quelli relativi ai contenuti e ai linguaggi della comunicazione. Di conseguenza, la proposta didattica di una scuola moderna si allarga e si estende verso una “quarta dimensione” (oltre il tradizionale “leggere, scrivere e far di conto” ), che definiamo “competenza mediale”. Lo spazio dell’autonomia scolastica rappresenta un’opportunità privilegiata per realizzare percorsi di educazione ai media finalizzati all’acquisizione di alfabetizzazione, autonomia critica, competenza espressiva, esercizio dell’etica e della cittadinanza nel mondo dei media.

Questo progetto invita ad unire alla conoscenza formale della struttura dei linguaggi e alla capacità di analisi e di comprensione dei testi (area del sapere), la capacità produttiva concreta (area del saper fare), e quella di riflessione critica (area del saper essere).  In questo iter formativo la competenza cognitiva, tradizionalmente oggetto di qualsiasi programmazione didattica, si allarga anche a comprendere la sfera delle abilità, sia tecnico-produttive che critiche e rielaborative. Pertanto le aree di interesse che, durante il nostro progetto, stiamo affrontando sono relative ai condizionamenti, cioè la rete di interessi che ruota intorno ai media, ai linguaggi, cioè le tecniche usate dai professionisti dei media per costruire messaggi e produrre effetti, e all’ideologia, cioè i modelli di pensiero presenti in ogni azione comunicativa e spesso celati. Il progetto sta cercando di attivare una sperimentazione significativa nel settore della cosiddetta “educazione ai media ed in particolare alla pubblicità” rivolta soprattutto, nella sua applicazione, al mondo giovanile.

L’azione di monitoraggio è gran parte in itinere (rapporti periodici), consapevole che la logica del programma è quella dell’integrazione tra misure ed interventi diversi poggiati e orientati a target differenti (bambini, genitori, insegnanti) con una metodologia partecipata. Il monitoraggio non si sta limitando pertanto solo a verificare se le azioni stabilite vengono effettuate, ma vuole anche indagare sulle azioni stesse, per capire se gli effetti di queste sono coerenti con gli obiettivi del programma o se richiedono una ridefinizione. La metodologia della gestione progettuale, strutturata sul modello del “work in progress”, ossia lavorare per fasi, sta consentendo proprio di effettuare una analisi periodica precisa ed attenta per valutare l’impatto che ogni attività e metodologia ha sulle differenti tipologie di utenza (bambini, genitori, insegnanti) e verificare il raggiungimento di piccoli ma importanti traguardi prefissati.

E’ chiaro che gli obiettivi previsti dal progetto andranno consolidati nel tempo per impiantare un “circuito virtuoso” con ricadute significative sul sistema scuola, bambini e mezzi di comunicazione.

 

 

 

Referenti del progetto:

 

per la sede di Gioia del colle:

 

Dott.ssa Rosa Caterina Mosca

Specializzata in psicologia dell’organizzazione e della comunicazione

328/9157068

 

per la sede di San Giorgio Jonico:

 

Dott.ssa Emanuela Notarangelo

Laureata in psicologia della comunicazione e del marketing

346/4204844

 

 

Letto 2456 volte