Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

AREAROSSANI_la galleria dei progetti sulla Rossani è on line.

14 Lug
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

 

Esiti del call for projects

 

X-scape e Rossorossani hanno chiesto a studenti e giovani professionisti che avessero elaborato nel corso dei loro studi ricerche e progetti riguardanti l’area della ex-caserma Rossani di Bari, di condividere le loro riflessioni nella galleria virtuale di AreaRossani. (qui il call for projects)

 

I lavori sono stati pubblicati il 13 luglio 2010 nella galleria virtuale “AreaRossani” (http://www.xscape.it/arearossani)  accessibile dalla home page del sito www.xscape.it e www.rossorossani.altervista.org, corredati da un testo esplicativo, così come ci sono stati inviati dagli autori, senza alcuna selezione né censura.

L’obiettivo del call for projects è quello di raccogliere le riflessioni sinora prodotte all’interno dei corsi universitari e non solo sulla caserma e sul suo intorno. Per questa ragione X-Scape e Rossorossani hanno deciso di lasciare aperta la galleria virtuale da ulteriori contributi, che è possibile inviare all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Al momento ci sono pervenuti 13 progetti di architettura e urbanistica e 1 progetto di graphic design. I progetti sono arrivati principalmente da Bari, da studenti e laureati del Politecnico di Bari. Un solo autore, anch’esso barese proviene dal Politecnico di Torino.

12 lavori sono stati elaborati all’interno dei corsi di laurea di Architettura, Edile-Architettura e Disegno Industriale del Politecnico di Bari, uno è stato esposto in occasione di una conferenza stampa del Comitato per il Parco Polifunzionale Rossani nel 2006, un altro ancora è stato redatto per l’occasione.

 

I progetti

 

Spesso i progetti intervengono sulla Caserma Rossani all’interno dello scenario di riorganizzazione del fascio ferroviario; tutti ne riconoscono la nodalità rispetto al sistema infrastrutturale urbano. Nel progetto di tesi di Marvulli- Giacomobello-Loisi-Marzullo-Occhinegro-Romanazzi la Rossani diventa uno dei nodi in cui si sperimenta la costruzione di un nuovo paesaggio ferroviario: una nuova stazione ponte, sulla suggestione del progetto per la Stazione Tiburtina di Roma, che diventa l’elemento connettivo e di definizione dello spazio pubblico. Così come nel progetto di Caputo-Fiorito-Dell’Orco-Binetti la Rossani diventa un nuovo Hub multimodale, annegato nell’atmosfera metafisica, tipica dei progetti provenienti dalla scuola di progettazione barese.

 

Riflettono alla scala della città i progetti dei gruppi Lamanna-Tomei, Bufo-Castelletti-Calicchio-Di Gennaro-Lerede  e Oteri-Puglisi- Stancarone-Rotondo, redatti nel 2007 durante il corso di Progettazione Urbanistica del prof.Leonardo Rignanese, e propongono la riqualificazione dell’area Rossani attraverso piccoli interventi di ridefinizione morfologica del tessuto urbano adiacente e la creazione di grandi spazi pubblici e verdi, in continuità con la rete degli spazi pubblici esistenti.

 

Le elaborazioni all’interno del corso di Disegno Assistito dal Calcolatore coordianto dall’arch. Christiana Maiorano, riportano il progetto alla scala umana: approfondiscono il tema delle connessioni fisiche e visive e della percezione dello spazio quotidianamente attraversato (Paolillo-Rienzo-Santarella e Terrone), giocando con la tecnica del fotomontaggio.

Il tema del recinto è caratterizzante anche nel lavoro di tesi di Lucio Riccobono, vincitore del Premio Archiprix 2010, dove l’intervento assume caratteri monumentali con riferimenti espliciti ai modelli e ai caratteri della tradizione architettonica mediterranea, ma non senza la ricerca di soluzioni a problemi “contemporanei” di tipo infrastrutturale e ambientale.

 

 

Il tema del parco polifunzionale in cui si concentrano grandi funzioni di carattere universitario e culturale è affrontato dal Gruppo Alfa (Di Bitonto, Cusanno, Iannone, Livrieri); e sullo scenario della Rossani come centro della rete culturale barese, i laureati di Disegno Industriale Chimenti-Lorusso-Taveri propongono un progetto di ricerca sull’identità visiva della caserma e sull’immagine della cultura a Bari.

Ciocia e Rienzo sperimentano mix di funzioni, spazi e densità per rendere la nuova Rossani uno spazio vissuto in tutte le ore del giorno. Con un ironico esercizio grafico, Del Mastro invece si cimenta con il riuso degli edifici esistenti, senza snaturare la memoria del luogo, individuando gli usi possibili dei contenitori e degli spazi. Giocando con le immagini Andriola e Pirro visualizzano alcuni futuri possibili della Caserma: parco della cultura, dei bambini, dell’energia pulita.

 

 

I numeri

14 progetti pervenuti

13 architettura e urbanistica

1 graphic design

13 progetti da Bari

1 progetto da Torino

12 redatti all’interno di corsi universitari

1 progetto vincitore Premio Archiprix 2010

3 tesi di laurea

 

Le parole chiave:

Hub, Rete, Nodo, Connessione, Nuove Centralità, Multimodalità, Polifunzionalità, Qualità, Integrazione, Identità, Memoria, Mixitè, Spazio Pubblico.

 

Letto 2565 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Novembre 2011 17:55