Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: Ayaan Hirsi Ali paladina dell’Occidente. Come il postmodernismo critico è diventato uno strumento in mano ai neocon per alimentare lo “scontro di civiltà” di Annalisa Marroni

21 Giu
Vota questo articolo
(1 Vota)

Questioni di Frontiera


hirsi alidi Annalisa Marroni.* Ayaan Hirsi Ali è una scrittrice somala che, dopo essere arrivata in Occidente, ha deciso di abbandonare la religione musulmana e di combatterla con tutte le sue forze. Dipinta come una donna emancipata da certa stampa occidentale, ha iniziato a produrre libri e film che denunciano l’arretratezza dell’islam, una religione, a suo dire, violenta e maschilista. In questo modo è diventata, in breve tempo, un’esponente di spicco del vasto fronte anti-islamico in America: una ex-musulmana al servizio dello scontro di civiltà.

Un mese fa è uscito, in America e in Inghilterra, il suo ultimo libro: “Nomade”, edito in Italia da Rizzoli. Il sottotitolo della versione in lingua inglese: “Dall’Islam all’America: un viaggio personale attraverso lo scontro di civiltà” la dice lunga sulle posizioni della giovane scrittrice che è diventata, negli ultimi anni, un’accanita sostenitrice dei valori occidentali in chiave anti-islamica. Le tristi vicende personali dell’autrice hanno contribuito notevolmente a formare la sua visione.

Nata in Somalia durante la dittatura di Siad Barre è stata costretta a diversi spostamenti sin da bambina: ha vissuto in Kenia, Etiopia e Arabia Saudita, prima di rifugiarsi in Olanda nel 1992 dopo essere fuggita da un matrimonio combinato che le era stato imposto dalla famiglia. Eletta al parlamento dell’Aia nel 2003, ha in seguito collaborato con  Theo Van Gogh alla realizzazione del film “Submission” sulle violenze subite dalle donne musulmane. In seguito all’assassinio del regista è salita alla ribalta della scena mediatica internazionale per aver ricevuto diverse minacce di morte da parte di fanatici musulmani. Recentemente ha preferito abbandonare l’Olanda per gli Stati Uniti, dove adesso lavora.

Hirsi Ali è una donna che conduce una battaglia personale: le sofferenze e le difficoltà che ha dovuto affrontare durante la sua gioventù plasmano e influenzano la sua visione del mondo e dell’islam. Spesso e volentieri, leggendo le sue opere, si nota come il coinvolgimento personale le impedisca di affrontare questioni delicate come il ruolo delle donne nell’islam con il dovuto distacco. I suoi scritti sono pieni di accuse contro l’islam a cui manca, però, la profondità d’analisi necessaria per trasformare le sue critiche in efficaci istanze di cambiamento. Le pratiche da lei descritte come l’infibulazione, la reclusione, l’obbligo del burqa, la sottomissione forzata o le lapidazioni, pur essendo delle usanze che affliggono le donne nei paesi musulmani, non sono delle pratiche islamiche. Esse, infatti, non hanno un fondamento testuale nel Corano ma derivano da retaggi culturali dovuti alle tradizioni locali. È il caso dell’infibulazione che, pur essendo una pratica diffusa in molti paesi a maggioranza musulmana, non è affatto menzionata dal Corano; o del velo integrale, che è un’estremizzazione dell’invito coranico a coprirsi le parti belle.

La scrittrice, convinta delle sue posizioni, arriva fino a sostenere che l’islam non sia una religione per donne, come evidenziato nel sottotitolo alla versione italiana del libro. È indubbio che nell’islam, come nella maggior parte delle religioni monoteiste, il ruolo riservato alla donna sia marginale e che spesso continuino ad essere giustificati in nome della religione abusi nei confronti del gentil sesso. Tutto ciò è inaccettabile ma è inutile e quanto mai dannoso etichettare un’intera religione come misogina e violenta. L’islam non è monolitico e proprio per questo non viene né interpretato né vissuto nella stessa maniera nel mondo intero. Ciò che rende l’islam così vario e multiforme è l’assenza di un clero che codifica e dirige le pratiche religiose: l’unica autorità nell’islam sunnita è il Corano che, insieme alla Sunna (gli atti e i detti del Profeta Maometto) contiene i principi  ai quali il musulmano si deve attenere per essere un buon fedele. Ad eccezione dei versetti chiari, che riguardano soprattutto il diritto di famiglia, per la maggioranza si tratta di versetti che non prescrivono delle regole di condotta specifiche ma vengono lasciati all’interpretazione delle diverse scuole giuridiche.

Molto resta ancora da fare ma nei libri di Hirsi Ali non vengono menzionati i cambiamenti che scuotono i paesi a maggioranza musulmana e che, in alcuni casi, hanno permesso alle donne di migliorare le proprie condizioni sociali: ne è un esempio la Mudawwana marocchina (riforma della legge di famiglia del 2004) o la nascita del femminismo islamico. È impensabile che una scrittrice che si pone l’obiettivo di denunciare la situazione delle donne nell’islam sorvoli su certi argomenti. Le sue posizioni da ex-musulmana la rendono cieca nei confronti di tutti i tentativi di miglioramento che iniziano ad essere realizzati.

Attraverso i messaggi veicolati nei suoi libri Hirsi Ali non fa altro che acuire le incomprensioni legate ad un’immagine sbagliata dell’islam. Nella prefazione di “Nomadi”, infatti, Hirsi Ali non si limita ad attribuire all’islam la colpa di tutte le esperienze negative che ha vissuto: dalla povertà al tribalismo. Descrivendo le difficoltà  incontrate da molti immigrati che, giunti in Occidente, si ritrovano in una realtà completamente diversa da quella in cui hanno sempre vissuto, arriva ad affermare che gli ideali islamici sono totalmente incompatibili con quelli occidentali. In questo modo, però, non fa altro che dare nuova linfa al paradigma dello scontro di civiltà tanto caro all’American Enterprise Institute, il think-tank americano dove lavora.

L’islam non è uniforme ma è una religione viva che si modifica e si modella a seconda delle realtà con cui si incontra. Restano dei nodi da risolvere, delle pratiche da eliminare, delle interpretazioni della religione più radicali che mal si conciliano con i valori e il bagaglio culturale occidentale ma è troppo semplicistico catalogare la fede di più di un miliardo di persone come violenta e misogina. L’atteggiamento della scrittrice somala di ergersi a paladina dell’Occidente contro l’oscuro e arretrato islam, oltre ad essere molto dannoso, non serve a molto. In questo modo, infatti, Ayan Hirsi Ali non agevola un cambiamento nel modo in cui l’islam viene erroneamente interpretato ma, dando man forte all’immagine stereotipata dell’islam, si muove come una pedina nelle mani dell’establishment politico occidentale senza contribuire a migliorare la comprensione reciproca.

(Annalisa Marroni è uno dei ricercatori di Questioni di Frontiera)

Letto 2138 volte

Progetto collegato

tutte le news