Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Dalle parole ai fatti

13 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il progetto Piccole Muse si è occupato della progettazione e realizzazione di aule didattiche presso i musei salentini, di itinerari didattici, di spazi ludici, per la valorizzazione del patrimonio culturale ed ambientale, con una speciale attenzione per i bambini della scuola dell'infanzia e per i fanciulli della scuola primaria.

In una primissima fase del progetto, subito dopo la costituzione dell'Associazione, è cominciato il lavoro di presa di contatto con le realtà museali e scolastiche del territorio. Grazie al supporto della Fism di Lecce, partner di progetto, l'Associazione ha partecipato al Convegno annuale della FISM, tenutosi a Lecce nell'ultimo weekend di agosto 2009, nel corso del quale, alla presenza dei gestori e delle maestre di 90 scuola federate, è stato presentato il progetto e sono stati presi i primi contatti. A seguito di ciò, è stato contattato il Museo delle Tradizioni Popolari di Cerrate, che ha offerto la sua disponibilità ad accogliere le scolaresche e ad ospitare piccole mostre organizzate e gestite dai bambini. A fine settembre, in concomitanza con l'inizio dell'anno scolastico, è partita l'avventura vera e propria. Presso un numero limitato (per scelta degli organizzatori e per questione di disponibilità di tempo e spazi) di scuole aderenti al progetto, è stato dato l'avvio ai laboratori didattici. Il percorso è stato articolato attorno ai cinque sensi, è partito dalla visita di un museo (in momenti diversi per le singole scuole), è stato costruito e sviluppato attorno ad esso e alle sue "opere" (ma in contesto scolastico), ed è tornato allo stesso museo a distanza di qualche mese, dopo aver compiuto un viaggio fatto di racconti, storie, canzoni, manualità.

Il percorso organizzato e realizzato nelle scuole ha previsto 3 fasi:

Fase 1. I bambini hanno conosciuto il loro interlocutore ambientale attraverso un'esperienza esterna alla scuola che li ha coinvolti concretamente ed ha avuto un duplice obiettivo: gli alunni hanno esuarito il loro bisogno di curiosità all'interno del museo e sono stati portati portati ad una riflessione costruttiva. Presso il Museo delle tradizioni popolari di Casalabate- Cerrate (Le), i bambini hanno "toccato con mano" attrezzi agricoli, frantoi e macine per le olive e hanno potuto "rivivere" un'esperienza coinvolgente in alcune zone ricostruite della casa contadina, come la cucina, la camera da letto e la stanza della tessitura.

Fase 2. Rientrati a scuola, ai bambini è stata data la possibilità di "ricostruire il museo", attraverso laboratori didattici tematici incentrati sui cinque sensi:

1.             Gusto: Con l'utilizzazione degli strumenti utilizzati nel passato per la produzione del pane e della pasta, i bambini hanno impastato la "pasta fatta in casa" o i "pizzi cu le ulie". Semplici materiali, tra i quali farina, acqua, olive, sono stati sufficienti a far vivere una bella esperienza di manualità e di creatività. L'utilizzazione degli strumenti della tradizione popolare sono serviti, invece, a mantenere vivo e costante un nesso con il museo e le sue finalità.

2.             Olfatto: Questo laboratorio è stato integrato con quello sul gusto. Nelle scuole che disponevano di di una mensa, è stata cucinata la pasta e il pane impastati dai bambini che, prima del banchetto finale, sono stati guidati in un percorso che li ha aiutati a riconoscere i profumi di alcuni prodotti della loro terra.

3.             Vista: Ai bambini è stato proposto di provare a ricostruire la storia (già raccontata al museo) attraverso immagini, foto, disegni che ritraggono nonni, bisnonni, anziani parenti alle prese con attività tradizionali o strumenti, oggetti della tradizione popolare, ad ora in disuso o dimenticati.

4.             Udito: Con l'ausilio di esperti in didattica musicale, i bambini sono stati accompagnati in lungo viaggio tra le note e le antiche sonorità, con l'ausilio di strumenti musicali (tra i quali i tamburelli).

5.             Tatto: Attraverso una serie di materiali (plastilina, creta, etc.) i bambini hanno "ricostruito" il museo, le sue opere, le sue bellezze. Come per ogni altro modulo, la produzione da parte dei bambini è stata accompagnata da un cantastorie.

Fase 3.  Al termine dei laboratori i bambini hanno "ricostruito" il museo visitato all'inizio del percorso attraverso la produzione di manufatti, della galleria fotografica, di disegni, di filastrocche a tema. A questo punto del percorso didattico, i bambini sono ritornati al museo, ed hanno allestito un "nuovo museo visto con gli occhi dei bambini".

E così in questo scambio continuo tra museo e scuola, e non da meno tra bambini ed adulti, il progetto ha inteso valorizzare il patrimonio culturale locale e garantire un flusso di vivacità e entusiasmo intorno ad contesto e un argomento (quello dei beni culturali) troppo spesso poco attrattivo e coinvolgente.

Alla fine di questo progetto i bambini hanno:

1.             Appreso in modo efficace il ruolo dei cinque sensi;

2.             Appreso l'importanza del bene culturale;

3.             Fatto da tramite per la diffusione anche agli adulti di una nuova mentalità culturale.

Al progetto hanno partecipato Doriana Canovari ed Annalisa Nastrini, in qualità di socie dell'associazione, che si sono occupate della progettazione, realizzazione e gestione dell'intero progetto. Annalisa nastrini, in quanto dottoranda di ricerca in "Conoscenza e valorizzazione del Patrimonio Culturale" presso l'Università del Salento ed esperta del connubio risorse museali/infanzia, ha portato avanti una ricerca che verrà presto pubblicata con il titolo: "Infanzia e Risorse Museali: questioni pedagogiche e didattiche". Il progetto si è avvalso poi delle consulenze del Prof. Nicola Paparella, docente ordinario di "pedagogia dell'Infanzia", e il dott. Samuele Vincenti, dottore di ricerca in "pedagogia dello sviluppo", nella fase di progettazione dei percorsi didattici.

Letto 1130 volte Ultima modifica il Domenica, 13 Giugno 2010 21:05

Progetto collegato

tutte le news