Stampa questa pagina

Che venti tirano: i nostri futuri progetti.

12 Giu
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

 

-          dal 27 giugno al 6 luglio 2010, Liegi (Belgio): " Take your place! Active young citizenship in public space”,Youth exchange.

 Questo progetto ha come finalità quella di far riflettere su come i ragazzi possono usare gli spazi pubblici.  (Progetto finanziato dal programma europeo (Gioventù in azione 2007 -2013). Allo scambio possono partecipare ragazzi dai 18 ai 25 anni.

 

-          Dal 8 al 17 ottobre 2010, Varsavia(Polonia): “GET OUT OF THE SHADOW!/ WYJDŹ  Z CIENIA !”,Youth exchange. Questo progetto ha come obiettivo quello di educare i ragazzi alla conoscenza dei diritti umani attraverso il teatro delle ombre. (Progetto finanziato dal programma europeo (Gioventù in azione 2007 – 2013) Allo scambio possono partecipare ragazzi dai 18 ai 25 anni.

 

-          Dal 15 settembre 2010 al 15 maggio 2011: “RICICLIAMO I MATERIALI, FABBRICHIAMO I DIRITTI” (Progetto finanziato dal programma europeo Gioventù in azione 2007 – 2013)

Il progetto si pone come obiettivo primario quello di mettere in stretta relazione due temi fondamentali per l’uomo:

1-       la tutela dell’ambiente circostante

2-        il rispetto dei diritti dell’ uomo.

Circa il primo punto il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare la cittadinanza sull’importanza del riciclo. Nel nostro paese da circa due anni viene effettuata la raccolta differenziata porta a porta ma la percentuale di raccolta è ancora molto bassa (circa il 7%). Questo perché, a nostro avviso, manca una campagna di sensibilizzazione. Ed è proprio questo ciò che noi vogliamo fare, cioè sensibilizzare la popolazione a questo tema partendo dai ragazzi.

Circa il secondo punto, troppo spesso si assiste in tv, sui giornali ad una continua campagna di esclusione sociale, di violazione dei diritti umani. Troppo spesso si sente parlare di immigrati come un qualcosa di pericoloso, di minaccioso per la nostra integrità. Il nostro scopo è quello di educare ai diritti umani,  di diffondere una cultura di rispetto e comprensione per l’altro.

 Il metodo di lavoro utilizzato sarà quello dell’educazione non formale, un metodo che favorisce l’apprendimento in maniera  attiva e partecipativa.

La parte finale del progetto prevede la realizzazione di una serie di oggetti realizzati con materiali di scarto (Tetrapack, plastica, carta, cartone ecc.)

Il progetto si svolgerà a Conversano e mira a coinvolgere ragazzi dai 15 ai 30 anni sia normodotati che disabili.

 

-          da agosto  a novembre 2010 : “Jóvenes Hispano - Italianos en Acción contra la Pobreza y la Exclusión Social” ((Progetto finanziato dal programma europeo Gioventù in azione 2007 – 2013)

 Il progetto nasce dall’unione tra la nostra associazione e l’associazione “Auryn” di Leon,Spagna già partner in altri progetti.

Esso consiste in un insieme di attività il cui fine è quello di accrescere la partecipazione dei giovani nella nostra società a tutti i livelli.

Il progetto si divide in due fasi:

1 fase: Concorso di idee che avrà come tema il rischio di esclusione sociale dei giovani: questa fase si svolgerà simultaneamente in Italia e in Spagna. I ragazzi dei due Paesi potranno inviare degli scritti, dei disegni o delle foto inerenti al tema.

Questa prima fase servirà da filtro per trovare i ragazzi che parteciperanno alla seconda fase.

 

2 fase: I migliori 15 lavori di ciascun Paese che arriveranno vinceranno un soggiorno di una settimana (fra ottobre e novembre) a Bruxelles e a Strasburgo per visitare i due Parlamenti Europei.

Durante questa settimana si realizzeranno inoltre una serie di attività che avranno come fine quello di far riflettere i giovani sul tema del progetto (azioni contro la povertà e l’esclusione sociale).

Alla fine di queste attività i ragazzi si incontreranno con vari parlamentari europei e italiani per esporre le proprie idee e proposte su questo tema.

Il progetto mira a coinvolgere ragazzi dai 15 ai 30 anni.

 

Per partecipare ai nostri progetti o per avere maggiori informazioni scriveteci a :

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 1639 volte