Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

RELAZIONE FINALE

10 Giu
Vota questo articolo
(1 Vota)

Con il nostro progetto abbiamo realizzato un centro specialistico per la prevenzione ed il contrasto alla violenza in qualunque forma essa si manifesti, che ha sede nella città di Andria e che non si pone confini territoriali, vista la scarsità di servizi simili nel territorio circostante, operando pertanto anche nei comuni dell’intera provincia BAT e nei comuni limitrofi della provincia BA.

L’obiettivo principale del Centro Antiviolenza “RiscoprirSi…” è prevenire e contrastare il fenomeno della violenza, creando intorno alla vittima, principalmente donna o minore, una rete di sostegno, assistenza, protezione e sicurezza che la porti verso l’autonomia e il recupero del proprio benessere psico-sociale, creando un linguaggio condiviso che miri alla promozione di un cambiamento culturale basato sul rispetto, sulle pari opportunità e sulle pari dignità attraverso una serie di eventi e modalità innovative rivolte ad informare e sensibilizzare i servizi e i cittadini del territorio.

Esso nasce ufficialmente il 19/02/09 come Associazione di Promozione Sociale e dopo la prima fase formativa, di organizzazione e di sistemazione della sede, il 12/06/09 si presenta alla città mediante evento pubblico.

L’associazione è iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale dall’11 Settembre  2009 al n. 141/BA ed è in fase di iscrizione all’albo comunale delle associazioni (richiesta protocollata il 31/03/10) ed in fase di autorizzazione al funzionamento (richiesta protocollata il 30/07/09).

Il Centro Antiviolenza “RiscoprirSi…” conta come Associazione al suo interno 27 socie, alcune delle quali operative all’interno del centro stesso. Le attività sono portate avanti prevalentemente dalle socie fondatrici, con l’ausilio delle figure professionali necessarie che operano gratuitamente, garantendo la professionalità e la specializzazione del servizio, necessari in tale ambito di intervento.

Da Ottobre 2009 partecipiamo al Coordinamento Regionale dei Centri Antiviolenza della Puglia e siamo in fase iscrizione alla lista nazionale Rete dei Centri Antiviolenza.

Dal 19 Gennaio 2010 il nostro servizio è stato inserito nella mappatura del Servizio Nazionale 1522 come da approvazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri DPO 000589 P-2.34.1 – Dipartimento per le pari opportunità. Nel mese di Gennaio 2010, l’Assessore alla Solidarietà della Regione Puglia, Elena Gentile, ha segnalato, ai Partners europei, in riferimento al Progetto Daphne, il Centro RiscoprirSi… e il relativo progetto come Buona prassi.

 

Il 15/06/09 inizia ufficialmente le attività previste, quali:

  • gestione delle emergenze,
  • ascolto telefonico 24 ore su 24 (0883/764901-380/3450670),
  • attività di sportello (lunedì 09:00-13:00, martedì e giovedì 15:00-19:00),
  • sostegno psicologico e counselling individuale e di gruppo,
  • percorsi volti al potenziamento di autonomia e di autostima,
  • creazione di progetti individualizzati,
  • promozione della rete tra i diversi servizi del territorio,
  • assistenza legale,
  • formazione, sensibilizzazione e prevenzione,
  • attività di ricerca sul complesso fenomeno della violenza.

Sono garantiti: ANIMATO, RISERVATEZZA e GRATUITÁ.

Le attività sono realizzate in collaborazione con:

  • Regione Puglia,
  • Comune di Andria (in particolare Assessorato alla Sicurezza e ai Rapporti con le forze dell’ordine, Assessorato alle Politiche Giovanili, Assessorato alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, Assessorato ai Servizi Sociali, Assessorato alle Pari Opportunità),
  • ASL-BAT,
  • Università degli Studi di Bari,
  • AISSF – Associazione Italiana Scienze Sociali Forensi,
  • Agenzia per l’Inclusione Sociale,
  • Centro Antiviolenza “Giulia e Rossella”,
  • Centro Risorse contro la dispersione scolastica e la frammentazione sociale in zone ad alto rischio di criminalità.

 

Visto che tale servizio non ha precedenti nella città di Andria (nonostante l’alto tasso di criminalità e violenza che Andria presenta e che spesso sfocia in situazioni di emergenza e di grave rilievo) e nel territorio circostante, e che tale problema è stato in passato completamente inesplorato, abbiamo voluto investire molto sulla pubblicizzazione del nostro servizio mediante affissione e distribuzione di manifesti, locandine e materiale vario in quanto riteniamo che l’informazione sia il primo passo verso la prevenzione.

Le attività di informazione del nostro servizio sono state compiute anche a livello delle istituzioni e dei servizi presenti sul territorio in quanto riteniamo indispensabile la collaborazione sinergica di tutti i diversi “attori” coinvolti a diverso livello in tali situazioni e la promozione della consapevolezza della gravità di tale fenomeno. A questo scopo abbiamo organizzato vari eventi, alcuni in collaborazione con altri servizi del territorio, e partecipato a corsi di aggiornamento, conferenze, convegni e manifestazioni varie che ci hanno permesso anche di conoscere e farci conoscere dai vari servizi del territorio.

 

Sensibilizzazione e prevenzione:

- Organizzazione e realizzazione dell’evento “Non solo…8 Marzo”, una serie di manifestazioni itineranti nei diversi comuni della Provincia BAT, promosso dall’Assessorato delle Politiche Sociali, della Famiglia e Pari Opportunità, in collaborazione con varie associazioni del territorio, dal 28 Febbraio 2010 all’8 Marzo 2010.

- Interventi di informazione e formazione sul tema della violenza presso Istituti Superiori di vari comuni della provincia BAT e della provincia BA.

- Allestimento di uno stand informativo durante il Bollenti Spiriti CAMP, presso la Fiera del Levante di Bari, organizzato dall’Assessorato Regionale alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva il 6 e il 7 Febbraio 2010.

- Allestimento di uno stand informativo ubicato a Canosa di Puglia (BT) in piazza Vittorio Veneto, il 6 Gennaio 2010.

- Allestimento di uno stand informativo ubicato a Corato (BA) in piazza Cesare Battisti, il 6 Gennaio 2010.

- Allestimento di uno stand informativo ubicato ad Andria in viale Crispi, il 24 Dicembre 2009.

- Intervento nel corso del programma televisivo “Questioni: Chiesa e Società – Donne e non-violenza” andato in onda il 17 Dicembre 2009 su Teledehon.

- Intervento presso l’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Sociali “Saverina De Lilla” (Bari) nell’incontro “Bollenti Spiriti…a scuola”, il 15 Dicembre 2009.

- Intervento nel corso della Convegno “Il disagio occulto in ambito familiare, lavorativo e sociale”, il 25 Novembre 2009 presso la Scuola Media Salvemini di Andria, in occasione della giornata Internazionale ONU contro la violenza sulle donne.

- Realizzazione dell’evento “Quello che le donne non dicono…”, il 25 Novembre 2009 presso il Palazzo Ducale di Andria, in occasione della giornata Internazionale ONU contro la violenza sulle donne, strutturato in: conferenza per presentazione progetto di ricerca “Madame VIOLENZA: chi è COSTEI?”, proiezione video informativi, mostra-mercato di prodotti artigianali realizzati da un gruppo di donne andriese, musica dal vivo e degustazione prodotti tipici pugliesi.

- Presentazione ufficiale delle attività il 12 Giugno 2009 presso l’Istituto Professionale Statale per i Servizi Sociali “Colasanto” di Andria,

- Allestimento di uno stand informativo al Principi Attivi CAMP, organizzato dall’Assessorato Regionale alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva, il 9 Maggio 2009 presso la Fiera del Levante di Bari.

 

Formazione, aggiornamento e creazione della rete

- Da Ottobre 2009 a tutt’oggi parte attiva del Coordinamento dei Centri Antiviolenza della Regione Puglia per interventi per la programmazione triennale 2009-2011 per prevenire e contrastare il fenomeno della violenza contro le donne presso l’Ufficio Regionale politiche per le persone, le famiglie e le pari opportunità;

- Percorso formativo “Sensibilizzazione alla prevenzione, al riconoscimento e alla rilevazione dei segnali di maltrattamento e abuso sessuale” nell’ambito del Progetto RI/AMA organizzato dal Comune di Andria (Marzo - Maggio 2010).

- Convegno “Servizi sociali take away?” organizzato dall’ordine degli assistenti sociali della Puglia tenutosi presso l’Hotel Excelsior di Bari (24 Marzo 2010);

- Convegno “II Piano regionale Politiche sociali 2009-2011” organizzato dal CSVSN il 26 Febbraio 2010 presso la Parrocchia Sant’Andrea Apostolo – Andria;

- Convegno Internazionale “La violenza contro le donne: analisi del fenomeno e stato dell’arte dei servizi (programma Daphne III)” il 25 Febbraio presso la sala Murat- Bari;

- II conferenza Regionale delle Politiche Sociali in Puglia “Puglia sociale. Nessuno Escluso” - 17 e 18 febbraio 2010 presso la Villa Romanazzi Carducci- Bari.

- Conferenza dei servizi “La violenza all’infanzia, un problema di salute pubblica: percorsi della rete G.I.A.D.A tra assistenza e tutela” il 9 Febbraio 2010 presso l’Aula De Benedictis - A.O. Consorziale Policlinico di Bari.

- Tavoli di concertazione del Piano di Zona.

- Incontro tra Associazioni di Volontariato del territorio provinciale e Assessorato Provinciale alle Politiche Sociali e Pari Opportunità, in collaborazione con il Centro di Servizio al Volontariato presso la Sala Consiliare della Provincia Barletta-Andria-Trani (01 Dicembre 2009).

- Corso di formazione “Lotta contro l’abuso e il maltrattamento su donne e minori e sistema integrato dei servizi sociali” organizzato dalle associazioni di volontariato “Solidarietà e sviluppo” e “Donne e solidarietà” di Corato (Settembre-Dicembre 2009);

- Seminari formativi per il contrasto e la violenza sulle donne Femminile Plurale – Una rete inter-istituzionale contro la violenza sulle donne” tenutisi a Foggia presso la Caserma Miale – Foggia organizzati dall’Università degli Studi di Foggia – Centro Internazionale Interdisciplinare per gli Studi di Genere (Novembre 2009).

- Convegno “Il Soccorso Sociale immediato per situazioni di emergenza e urgenza che si riscontrano sul territorio” organizzato dall’Associazione Migrantes di Andria, tenutosi presso auditorium PG. Frassati ad Andria (6 Novembre 2009).

- Incontro “Audit…per confronto ed implementazione delle linee guida sull’abuso infantile. La violenza all’infanzia: percorsi assistenziali nella rete dei servizi sanitari” organizzato dal Consultorio Familiare di Corato Az. USL BA/2 presso sede del Consultorio (20 Ottobre 2009).

- Giornata di studio “Piano dei Tempi e degli Spazi” organizzato dall’Assessorato Provinciale alle Politiche Sociali e Pari Opportunità in collaborazione con l’Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali tenutasi presso il polo logistico di Barletta (16 Ottobre 2009).

-Corso di formazione La gestione di un Centro Antiviolenza organizzato e gestito dall’Osservatorio Giulia e Rossella Centro Antiviolenza di Barletta (Maggio-Luglio 2009).

 

Ci riteniamo estremamente soddisfatte del lavoro svolto. Ad oggi infatti contiamo circa 30 richieste di aiuto da parte di vittime di violenza gestite mediante le attività di sportello (accoglienza, supporto psicologico, attività di rete di servizi e accompagnamento) e di sostegno legale (informazioni relative a diritti e opportunità legali; gratuito patrocinio e aiuto nelle pratiche legali). Inoltre abbiamo da poco concluso un progetto educativo/riparativo per percorso di messa alla prova per n. 2 minorenni su incarico del Tribunale per i Minorenni di Bari.

Tuttavia ricordiamo che numerose sono state le difficoltà a cui abbiamo cercato di far fronte. Alcune di esse riguardano la nostra poca esperienza nel campo organizzativo e di gestione di un servizio completamente nuovo per il nostro paese e della poca conoscenza del nostro territorio. Altre invece riguardano la poca sensibilità, informazione e consapevolezza della gravità del problema violenza che ha reso il nostro lavoro molto difficile.

Inoltre, visto che le attività offerte dal nostro servizio sono gratuite per l’utenza (come da disposizioni normative nazionali ed internazionali in merito) la difficoltà maggiore è relativa al reperimento di risorse economiche per coprire gli ingenti costi di gestione del centro. Nell’intento di far fronte a tale difficoltà ci siamo impegnate e continueremo a farlo nella progettazione di iniziative varie partecipando a diversi bandi comunali, regionali e nazionali.

Nello specifico:

- Presentazione del progetto “A(r)miamoci di noi”, progetto di autodifesa femminile, al bando promosso dalla Coop Estense (Marzo 2010).

- Presentazione del progetto “LAB@DONNA” alla Regione Puglia per avviso pubblico della Consigliera di Parità relativo al contributo per la realizzazione di progetti che operano nel mercato del lavoro e che si ispirano al rispetto del principio di non discriminazione e della promozione di pari opportunità, in collaborazione con vari enti presenti sul territorio andriese: Servizi Sociali del Comune di Andria, ASL-BAT e Associazione “Migrantes” (Novembre 2009).

- Presentazione di cataloghi progettuali di sensibilizzazione e prevenzione alla violenza alle scuole di ogni ordine e grado di tutti i comuni della provincia BAT e di alcuni comuni della provincia BA (Settembre 2009).

 

 

Il nostro progetto è diventato un servizio specialistico per tutte le situazioni di violenza, nonché punto di riferimento per i servizi, per gli amministratori e per la cittadinanza non solo della città di Andria ma anche dell’intera provincia BAT e dei comuni limitrofi della provincia BA. Inoltre abbiamo ricevuto importanti riconoscimenti quali: l'ingresso nella mappatura del circuito nazionale 1522 e la segnalazione dell’Assessora Regionale alle Politiche Sociali ai Partner del progetto Daphne per buone prassi.

Purtroppo per diversi motivi non siamo riuscite a concludere ufficialmente la nostra prima ricerca, “Madame VIOLENZA: chi è COSTEI?”, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Statistiche della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli Studi di Bari, con il Comune di Andria e con l’Agenzia per l’Inclusione Sociale, che intendeva compiere una valutazione iniziale sul fenomeno violenza nella città di Andria, valutando come si è evoluto il fenomeno nell’ultimo anno e quale è la percezione che la popolazione ha del fenomeno della violenza. A tali scopi abbiamo proposto il progetto nelle scuole di Andria che per vari motivi di organizzazione non hanno fornito alcuna disponibilità in merito. Inoltre abbiamo distribuito i questionari ai vari servizi del territorio che hanno espresso la loro difficoltà nel reperimento dei dati da noi richiesti a causa dell’assenza di database specifici in merito. Rispetto alla popolazione campionaria abbiamo iniziato la distribuzione porta a porta dei questionari, tuttavia sin da subito abbiamo rilavato la difficoltà a parlare di tale argomento, la diffidenza e paura nei confronti del nostro servizio e la poca disponibilità a collaborare a tale ricerca. Tutto questo ha reso e rende più difficile il già complicato lavoro di ricerca causando un rallentamento notevole in termini di tempo.

 

 Principi Attivi per noi ha significato la concretizzazione di un sogno che portavamo avanti già da un po’ di tempo che non riuscivamo ad avviare a causa della mancanza di risorse economiche. Per noi una possibilità di metterci in gioco, di investire nelle nostre risorse per il nostro futuro, una possibilità di lavoro, di mettere a frutto le nostre conoscenze, competenze ed esperienze ma anche una possibilità di offrire un futuro migliore a chi, vittima di violenza, ha perso ogni speranza.

Inoltre per noi ha rappresentato la possibilità di conoscere il nostro territorio, di avvicinarci al mondo delle istituzioni e della politica, di superare quelli che ritenevamo essere nostri limiti (es. parlare in pubblico, incapacità di gestione, ecc.). E’ stato quindi un percorso importante di crescita sia a livello professionale che a livello personale.


Letto 3033 volte

Progetto collegato

tutte le news