Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: “L’Alleanza delle Civiltà” vuole risolvere il problema dell’immigrazione ma poi Zapatero si comporta come l’Arizona ( * di Annalisa Marroni )

02 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Questioni di Frontiera

viva zapadi Annalisa Marroni*. Dal 27 al 29 maggio a Rio de Janeiro si è tenuto il terzo forum della “Alleanza delle Civiltà”. L’ambizioso obiettivo di questo incontro, riassunto nello slogan Bridging cultures, building peace, è quello di migliorare le relazioni tra culture diverse per realizzare le condizioni di una pace duratura. Tra i conflitti che contrappongono le civiltà in questo momento storico, va superato principalmente quello che divide il mondo musulmano e quello occidentale, attraverso la promozione del dialogo e della comprensione reciproca. Quest’anno, per la prima volta, anche gli Stati Uniti di Barack Obama hanno deciso di diventare membri dell’Alleanza e, sebbene il cambio di rotta rispetto a Bush sia stato un segnale importante, probabilmente l’ingombrante presenza degli Usa non servirà a conferire maggiore credibilità al progetto. L’Alleanza delle Civiltà, nata nel 2004 per iniziativa del primo ministro spagnolo José Luis Zapatero e di quello turco Recep Tayyip Erdogan, è un progetto che ha dato vita ad un Gruppo di alto livello delle Nazioni Unite, grazie al sostegno dell’allora presidente Kofi Annan. L’Alleanza è in linea con un nuovo modello di politica globale che vede nel paradigma delle civiltà un elemento decisivo, capace di influenzare il dibattito sulla globalizzazione. Un tentativo che si pone oltre la centralità dello Stato, verso il coinvolgimento di  nuovi soggetti nella politica transnazionale: le civiltà e le élite culturali che in questa nuova ottica vengono chiamate a svolgere un ruolo chiave nel sistema politico. Ma nonostante l’ampia partecipazione, anche quest’anno duemila persone, tra leader politici e attivisti della società civile, giornalisti, organizzazioni internazionali e leader religiosi, l’Alleanza sembra più un palcoscenico da cui lanciare buoni propositi, piuttosto che un’organizzazione in grado di dare vita a delle azioni concrete di cambiamento.

Sebbene i conflitti globali e la polarizzazione delle società siano le questioni più rilevanti e necessarie da affrontare,  il forum di quest’anno si è focalizzato principalmente su questioni più soft come il ruolo dei media e, soprattutto, di internet nel modellare l’opinione pubblica, il problema della censura e l’importanza dell’istruzione come canale attraverso il quale trasmettere e incentivare il dialogo tra le culture. Uno degli argomenti all’ordine del giorno è stato quello dell’immigrazione sebbene, proprio secondo le parole di Jose Augusto Lindgren, un diplomatico brasiliano che si è occupato dell’organizzazione dell’evento: “È difficile pensare che l’Alleanza possa esercitare un’influenza sulle politiche governative, si può solo  sperare che il forum incoraggi una riflessione in questo senso”. Risulta complicato immaginare che l’Alleanza riesca in quest’intento visto che, in questo momento storico, stiamo assistendo ad un inasprimento delle politiche migratorie in gran parte dei paesi occidentali. Tra i fanalini di coda troviamo proprio la Spagna. Nonostante Zapatero sia stato tra i promotori dell’Alleanza, dopo la recessione economica che ha colpito il suo paese, ha  avallato delle politiche punitive contro gli immigrati, basate sul sospetto e le sanzioni. L’immagine di paese all’avanguardia nella difesa dei diritti di tutte le classi sociali che Zapatero aveva costruito durante il primo mandato sta iniziando a crollare definitivamente. La Spagna di oggi sembra, infatti, decisa ad allinearsi con le politiche repressive attuate dall’Arizona. Nello stato americano al confine col Messico è stata approvata una legge che consente di arrestare chiunque sia sospettato di essere entrato illegalmente dalla frontiera.

Eppure è proprio da queste politiche che l’Alleanza vuole prendere le distanze, stando alle parole di Lindgren, con la scelta del Brasile come luogo per lo svolgimento dell’incontro vista la recente politica di regolarizzazione degli immigrati privi di documenti. Grandi assenti nell’agenda del Forum sono stati i conflitti mediorientali che coinvolgono i paesi del Patto Atlantico, Stati Uniti in primis. Non si è parlato né del conflitto arabo-israeliano, né della guerra in Afghanistan né di quella in Iraq, sebbene costituiscano dei nodi nevralgici il cui scioglimento è essenziale per poter procedere sulla strada della pace mondiale. Sono infatti questi conflitti e i movimenti migratori provenienti dal Medio Oriente ad aver innescato e alimentato la contrapposizione identitaria tra musulmani e occidentali che si è accesa negli ultimi tempi in Francia, Belgio, Svizzera e altri paesi europei. Un punto cruciale che è stato, però, condensato solo all’interno di una delle tavole rotonde del 27 maggio sull’islamofobia. Diversi esperti del dialogo interculturale hanno espresso le loro riserve sull’efficacia dell’Alleanza delle Civiltà nell’affrontare le questioni più importanti per la realizzazione della pace. Questo progetto difetta infatti di concretezza. Secondo le parole di David Bosold: “Le iniziative dell’Onu come l’Alleanza delle Civiltà servono a rafforzare una politica simbolica, aperta alla discussione tra i leader politici. Sono principalmente tre i fattori che impediscono all’Alleanza di conseguire risultati concreti. Innanzitutto, l’incapacità di relazionarsi con la società civile nel mondo musulmano e in Occidente impedisce la nascita di un reale dialogo tra questi due poli. Inoltre, sebbene si proponga come un modello di politica globale comprendente anche attori non statali, è dominata dalle élite e non vengono effettuati sforzi per allargare la base. Infine, l’Alleanza si configura come un progetto interno all’Onu, in un periodo in cui le Nazioni Unite non svolgono più un ruolo decisivo negli affari internazionali. Se l’Onu non riesce ad essere credibile figuriamoci se può esserlo l’Alleanza delle Civiltà”. Ignorando le critiche, i politici sono già pronti per il quarto incontro che avrà luogo l’anno prossimo nel Qatar.

(Annalisa Marroni è uno dei ricercatori di Questioni di Frontiera)

Letto 1585 volte

Progetto collegato

tutte le news