Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: Archivi della Memoria ( In questa pagina troverete gli abstract dei progetti di ricerca delle edizioni 2010 dei Seminari che si sono svolti a Bari presso la sede di Eurocomp e all’Università “Tor Vergata” di Roma )

14 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Questioni di Frontiera


Luoghi, voci e visioni della provincia italiana – e delle “province” dell’Impero: dall’America Latina passando per i Balcani. Il seminario si rivolge a chi vuole approfondire i temi della cultura e delle tradizioni popolari, le letterature migranti e quelle “apolidi”, fuori dai canoni. Vogliamo riaprire gli archivi, trovare gli autori del Novecento che sono stati dimenticati. Ma indagare anche sulle relazioni pericolose fra tradizione e marketing culturale. Le fonti e i modelli, come sempre, sono strabiche e plurali: le scritture letterarie e non solo, il cinema e i fumetti, la musica: c’era una volta il folk, con qualche zampata rock.

Partecipa al seminario, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

_____________________________________________________________________________________________

In questa pagina troverete gli abstract dei progetti di ricerca delle edizioni 2010 dei Seminari che si sono svolti a Bari presso la sede di Eurocomp e all’Università “Tor Vergata” di Roma (Facoltà di Lettere). Di ogni progetto si presenta un breve sommario e cliccando sul titolo è possibile visualizzarne l’abstract. (www.noaweb.it)

Seminari su Frontiera e Identità / Tor Vergata 2010

Letteratura della migrazione: dai Balcani in Italia ai Balcani di Paolo Pettinato – progetto di ricerca vincitore

Le frontiere, l’identità e le prospettive del South Stream pensate con le menti di quei poeti, romanzieri e saggisti che dalla penisola balcanica sono saltati in quella affianco, messa in mezzo al mar Mediterraneo. Dall’Albania Anilda Ibrahimi, Artur Spanjolli, Gezim Hajdari e Ron Kubati, dalla Bosnia Bozidar Stanisic, dalla Croazia Vesna Stanic, Melita Richter e Sarah Zuhra Lukanic, dalla Romania Mihai Mircea Butcovan: potrebbero essere in questi autori le risposte alle nostre domande. E forse, in questa strada letteraria, avremo il privilegio di incontrare e ri-pensare la letteratura e la relazionalità.

Criminalità di frontiera e letteratura apolide – I femminicidi a  Ciudad Juarez in 2666 di Bolaño di Annarita Favilla

2666 è “Il romanzo” di Bolaño, quello che cercò di portare a compimento durante gli anni vissuti in Spagna, mentre la malattia lo consumava. E’ un delirio, e insieme un referto autoptico dei morti latinoamericani di ogni tempo; lo sfondo della narrazione è l’immaginaria cittadina di Santa Teresa: un crocevia criminale tra Messico e Usa, nella quale cominciano a spuntare ovunque cadaveri di giovani donne. Ma Santa Teresa è in realtà Ciudad Juarez, dove a partire dal ’93 cominciano ‘i femminicidi’ e dove il giornalista Gonzáles Rodríguez conduce la sua inchiesta rischiando da oltre dieci anni la pelle. 2666 è un esempio di letteratura di frontiera, sulla frontiera, ma anche un’opera che si pone al di là di ogni confine, nella quale il lettore ritrova i propri deserti e i proprio cimiteri.

In clandestinità. Racconti e testimonianze dalle carceri libiche di Carlo Scopa

Sulla base delle testimonianze rilasciate dagli immigrati sopravvissuti al viaggio e delle poche notizie trapelate sui campi di detenzione libici, ideare un racconto sulle esperienze di una delle tante vittime ignote. Un racconto inventato ma che si contrapponga in maniera critica e volutamente provocatoria con le realtà italiane e libiche. Proprio questi due stati, cercando di dimenticare i passati rapporti coloniali, sono gradualmente diventati compartecipi di tali tragedie.

Il ritorno dei dialetti nella globalizzazione: il caso friulano di Ilaria Bortot

Più andiamo verso la globalizzazione più scopriamo di appartenere a mondi più piccoli e ci leghiamo a loro. Cultura locale e riti antichi diventano necessità da riscoprire per rendere migliore il nostro presente.Già negli anni Sessanta Pasolini diventa profeta di questa tendenza, concentrandosi sulla riscoperta del dialetto e del mondo contadino a cui appartiene.Approfittando di quanto detto da Pasolini e delle sue origini, friulane come le mie, vorrei analizzare la situazione attuale nella parte alta del Friuli, la Carnia, dove alle diverse generazioni sono state applicate politiche linguistiche molto diverse: dalla negazione del dialetto alla sua improvvisa riscoperta.

Gianni Amelio e la “quadrilogia della migrazione” di Myriam Pettinato

Con letteratura della migrazione intendiamo una categoria letteraria che raggruppa testi scritti in virtù del fenomeno migratorio, in particolare laddove esso produca nuove visioni e apra prospettive inedite nell’osservazione della realtà sociale e culturale di origine e d’arrivo e delle questioni identitarie. La maggior parte degli autori italiani della migrazione sono scrittori che, giunti da altrove, impiegano l’italiano come lingua letteraria. Ma in questo quadro è possibile inserire anche il regista Gianni Amelio. Oltre ad aver vissuto l’esperienza dell’emigrazione paterna e la propria, egli impiega il tema della migrazione per indagare i mutamenti intervenuti nella realtà sociale e culturale italiana  a partire dalla migrazione interna degli anni ’50-’60, fino a toccare il nesso colonialismo-emigrazione-immigrazione (Lamerica). Si può anzi individuare una “quadrilogia della migrazione” nella quale l’approccio neorealista si lega a quello migrante per imprimere una prospettiva sopranazionale al quadro socio-culturale e politico dell’Italia attuale.

Il mondo dai sentieri che si biforcano di Luigi Coluccio
Per trovare la via d’uscita di un labirinto (apparente?) – ci ricorda il vecchio bibliotecario cieco argentino – bisogna tenere, ad ogni angolo, ad ogni spiazzo, sempre la sinistra. E se dovessimo ri-calibrare (ri-scrivere?) il tutto per i sentieri-labirinti della nostra epoca? Dall’ “assetto di ferro” della Guerra Fredda si è passati allo scarto della realtà “pre-costituita” in questo primo scorcio del Terzo Millennio. L’asimmetria regna sovrana. Sembra che i poeti, quindi, ce l’abbiano fatta. Ma cosa resterà dopo il banchetto dei regnanti? Quale utopia ci sarà dona
Letto 1419 volte

Progetto collegato

tutte le news