Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

QUESTIONI DI FRONTIERA: Era scritto nel mio sangue che diventassi un antropologo di Beatrice Fiaschi (Beatrice Fiaschi ha partecipato ai Seminari di QF su frontiera e identità)

06 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Questioni di Frontiera

religiodi Beatrice Fiaschi*. Michael Herzfeld, antropologo di fama mondiale e insegnante presso la Harvard University, ha tenuto una conferenza per l’Università di Tor Vergata, parlando di fieldwork, cioè del lavoro sul campo che ha cararatterizzato il suo metodo di ricerca. Inizia con una riflessione generale sul senso della ricerca antropologica: “Oggettivo e soggettivo sono categorie inventate, sono convenzioni. L’antropologia le abbatte: l’altro studiato va a coincidere con noi che lo studiamo, in una sorta di osmosi identitaria. Se è meglio non coinvolgersi, allora si disporrà di una quantità inferiore di dati”, e prosegue spiegando le connessioni tra antropologia e identità: “Era scritto nel mio ambiente che diventassi un antropologo. Io sono britannico e ho vissuto in una famiglia bilingue, dove si parlava inglese e tedesco e si praticava una religione minoritaria rispetto a quella di Stato. Mi sono sempre interrogato sulla mia identità”.

Herzfeld ha lavorato molto in Grecia, in Thailandia e anche in Italia. Consiglia sempre ai suoi studenti di iniziare con un’esperienza all’estero, in un contesto poco noto e lontano da quello abituale, per mettersi effettivamente in gioco:  “Quando sono andato a lavorare in Grecia non capivo una parola di quello che dicevano, il primo ostacolo per il fieldworker è sempre la lingua. Ma la cosa interessante è proprio questo percepire le cose come estranee e familiari al tempo stesso, sentirsi esterni ma partecipanti, portare avanti una osservazione partecipata. Il nuovo ambiente in cui si lavora, in cui tutto è inedito, sfida l’antropologo a capire persone che sembrano non condividere i suoi stessi presupposti, apre la via ad un contatto profondo con l’altro e con se stessi”.

Ma la ricerca sul campo, certamente interessante e travolgente, ha anche momenti difficili e, perchè no, delle sconfitte. Spiega Herzfeld: “Ci sono momenti molto noiosi, per cui l’unica soluzione è armarsi di grande pazienza, c’è da costruire lentamente un rapporto di fiducia con chi ti vede ’straniero’ e magari crede tu sia una spia o un agente in borghese. Il fallimento del  progetto iniziale sicuramente delude, ma va interpretato come un dato, come una svolta inattesa sulla strada del successo finale”.

Molto significativa anche un’ultima riflessione del Professor Herzfeld sulla sua esperienza in Thailandia, che condensa in sé tutto il senso profondo del lavoro sul campo, una magica, anche se controversa, fusione con l’ambiente e viceversa: “Lavoravo in Thailandia ma non sapevo una parola di thailandese. Dopo un po’ di tempo, in maniera del tutto naturale ho appreso la loro particolare gestualità e tutte quelle norme di comportamento non scritte che sono però incarnate nel corpo e nello spirito autoctono. Non mi ero accorto di condividere il non verbale con loro, finchè un giorno al mercato un uomo mi disse che sembravo thailandese anche se parlavo poco e male la loro lingua e non avevo i tratti somatici del thailandese. Ma ne padroneggiavo la gestualità”.

(Beatrice Fiaschi ha partecipato ai Seminari di QF su frontiera e identità)

Letto 2005 volte

Progetto collegato

tutte le news