Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: Il Socialismo soft del Presidente Obama di Maria Teresa Lenoci

02 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

obama-state-of-union-2009di Maria Teresa Lenoci.* Tutto ha avuto inizio durante la campagna elettorale per le presidenziali del 2008. L’allora senatore dell’Illinois Barack Obama fu tacciato dal rivale repubblicano John McCain di farsi promotore di idee “socialiste” . Dopo un tira e molla durato 14 mesi, a marzo Obama è riuscito a far approvare al Congresso la riforma del sistema nazionale sanitario. Una versione meno ambiziosa dell’opzione pubblica tanto ambita dal presidente, che avrebbe tolto alle compagnie di assicurazione private il monopolio del settore per consegnarne la gestione nelle mani dello Stato, ma comunque così incisiva da essere definita una “socializzazione delle cure mediche”. Per qualcuno Obama sta approntando un governo “all’europea”, altri suggeriscono che stia inaugurando una nuova era di “democrazia sociale”. Ma che tipo di socialista è?

Guardiamo alle statistiche. Gli americani non difendono più a spada tratta il capitalismo, e soprattutto non sono per nulla impauriti dal socialismo. Ovvero quello che la gente chiede è un “capitalismo più regolamentato e sostenibile” e Obama è divenuto il “brand” di questa nuova visione del mondo. Il socialismo di Obama non è quello “hot”, quello tanto temuto che ha preso piede in Unione Sovietica o a Cuba, è piuttosto una sua forma più soft, un progressismo sociale che segue la falsariga delle democrazie scandinave o del Centro Europa. È un pensiero che trova una profonda corrispondenza nel fabianesimo tardo-vittoriano britannico, in una idea di socialismo progressivo alternativa al capitalismo del laissez-faire. Dai discepoli inglesi della Fabian Society, essenzialmente i laburisti di Tony Blair, il nuovo corso americano riprende l’idea della ridistribuzione della ricchezza (sostituita all’Ottocentesca ridistribuzione dei mezzi di produzione) e della “giustizia sociale”.

La culla del socialismo fu la Rivoluzione Francese ma il socialismo di oggi, nato dalla “Congiura degli Eguali” di Babeuf, con Lenin ha asserito la necessità dell’abolizione della proprietà privata, per poi assumere varie forme: lo scientismo materialista nel XIX secolo, il progressismo cristiano nel XX, la realtà dei Kibbutz israeliani e ancora più recentemente entrando nell’agenda politica mondiale sotto forma dell’Ambientalismo. Verdi fuori e rossi dentro.

Obama non ama definirsi socialista, nonostante ormai lo facciano tutti, avversari e sostenitori. Egli è più che altro un tecnocrate e un pragmatico. Al di là delle ideologie, gli interessa far funzionare quello che nel suo Paese non funziona. Potremmo definirlo un “neosocialista”. Come il neoconservatorismo dei primordi, infatti, il neosocialismo di Obama tenta un approccio diverso alla politica interna, pone una grande fiducia nelle istituzioni non-governative (famiglia e società civile), cerca di sfruttare la ricchezza che deriva dal mercato per aumentare le misure di welfare e la giustizia sociale. Per Obama ogni passo avanti nella sua azione di governo è un “critical first step”, una sfida rischiosa ma anche uno scarto con le idee ormai anacronistiche di Reagan e l’eredità terribile e scomoda di Bush. Dai cambiamenti climatici alla tutela della salute, dai nuovi lavori verdi alla retorica contro gli squali di Wall Street, Obama può essere veramente definito il primo Presidente socialista degli Usa, nel senso che questa parola può avere in America.

(Maria Teresa Le Noci è uno dei ricercatori di Questioni di Frontiera)

Letto 2075 volte

Progetto collegato

tutte le news