Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: L'Italia sadomaso e monciccina di Antonio Scurati

24 Apr
Vota questo articolo
(0 Voti)

Questioni di Frontiera

 

 

 

 

 

La stagione dell’amore, il reportage di Antonio Scurati, voleva essere un prolungamento dei pasoliniani “Comizi d’amore”. Un viaggio in Italia alla ricerca di storie sulla famiglia, i giovani, l’amore, il sesso. Il risultato è pieno di compiacimento. Prodotto dalla onnipresente Fandango, è stato trasmesso il 25 giugno 2009 nel format “La Storia siamo noi”. Ma noi chi? L’incipit è emblematico. Scurati si aggira al “Family Day” e chi t’incontra tra un milione e mezzo di fedeli (e non) accorsi alla manifestazione? Un integralista del “Circolo Lepanto” che spara a zero sui matrimoni gay, torcendo il bicipite della fede in favore della telecamera. Che scandalo signora mia.

A lasciare interdetti non sono tanto le risposte gagliarde e genuine degli intervistati quanto le domande inconcludenti dell’intervistatore, il suo stile amabilmente dilettantesco. L’embedded Scurati voleva confrontarsi con la pancia dell’Italia, lo stomaco del Paese che la sinistra si ostina a considerare brutto, scemo e cattivo, ma non è detto che, siccome di mestiere fai lo scrittore, sei anche un bravo giornalista. I migliori reportage sono quelli in cui ti documenti, prepari una scaletta di domande precise e meditate, invece guardando Scurati sembra che sia partito all’arrembaggio, improvvisando.

Eccolo a Casa Pound (gradevole la vista su Roma da questo palazzo di sei piani occupato cinque anni fa dai neofascisti). Si conversa civilmente con una banda di lupacchiotti under 30 che – interrogati su questioni focali come le relazioni sentimentali – danno risposte evasive a domande sciocche. So’ ragazzetti ma Scurati vuole parlargli da omo a omo: che fate se la vostra morosa vi cornifica? L’Onore è perduto per sempre se un keniota vi si concupisce la sorellina? Perché siete fasci, lo so, ma io no, parbleau, sono venuto a studiare i vostri valori arcaici con la curiosità di un entomologo: “I ragazzi erano molto colpiti dalla mia preparazione – ha commentato lo scrittore a Repubblica – erano convinti che fossi dalla loro parte. Sono rimasti molto stupiti quando ho detto che ero un uomo di sinistra”. Non sono gli unici.

L’ammore, l’amour, è il grande motore che fa girare il mondo, Scurati ci ha scritto pure su il suo ultimo romanzo di successo. Oggi l’Italia è priva di romanticismo ed è grazie a questa visione monciccina del nostro Paese che il reporter abborda una squadriglia di overquarantenni, filo di perle al collo, single senza figli, divorziate confuse e felici. L’intervista avviene ai margini di un happy hour. Mentre le stagionate gallinelle liberal raccontano la loro travagliata vita sentimentale con la serietà di una Kinsella, il reporter si rivolge alle signore come se avessero la terza media (con tutto il rispetto per chi ha solo quella), finché una del gruppo indispettita si alza e se ne va perché non ci sta a farsi cojonare.

Nel bestiario entrano ragazze ventenni con il piercing sul setto nasale che candidamente ammettono sì, era meglio quando i maschi facevano i Maschi, almeno si ricavava qualcosa; baldi trentenni che non dispregiano la verginità (più per imbranataggine che per scelta). Veniamo a sapere che gli uomini di oggi “hanno difficoltà ad affezionarsi”. Nelle balere di frontiera, granitici sessantenni ballano il liscio e fanno non si sa cos’altro. Una delle solite, pregnanti domande del reporter: “Da quanto tempo state insieme?” Neppure un cenno alla vita sotterranea dei nostri vecchi, quali saranno le loro pulsioni amorose? Scurati dovrebbe rileggersi i romanzi di Massimo Lolli, lì sì che c’è da godere con le ultrasettantenni.

Ogni tanto il documentario scuratiano prende una piega simbolica con inquadrature di alberi mossi dal vento. Spiega il direttore Giovanni Minoli: “mi ha interessato il ritmo narrativo di Scurati. Un ritmo dilatato che permette di cogliere dettagli che molte volte significano molto di più delle parole”. Sarà un regia sperimentale ma resta da scoprire il mistero delle cime degli alberi, il senso di quel vento senza una direzione.

Siamo alla Statale di Milano. Scurati incontra un compagno di lotta e tirature, lo scrittore Giuseppe Genna (anche nel documentario di Pasolini c’erano ospiti illustri che però si chiamavano Alberto Moravia e Oriana Fallaci). Il tema diventa quello, sbellicante, del BDSM. Altro che Family Day, il bondage è la vera rivelazione dei nostri tempi, la nuova rivoluzione dei costumi! Genna parla di doppia e tripla identità, e voilà, lo psicorelativismo è servito.

Scurati traduce in popolaresco le nuove dottrine: “Quindi se prendi una donna con forza da dietro digrignando i denti quello è BDSM?”. Uno studente che ha appena pubblicato un manuale desadiano dichiara che in Italia ci sono milioni di Schiavi e Padroni. Scurati dice “milioni?” e sembra perdersi nella vastità dell’argomento. E quelli che si nutrono di tacco tredici in tv, allora? Il popolo dei tanga e dei lustrini tra uno spot e l’altro? In confronto al BDSM di Genna, una sola puntata di “Ciao Darwin” è molto, molto più porno.

Quando alla fine intervista il malcapitato monsignor Fisichella, Scurati tocca le vette del giornalismo watchgod: “monsignore,  non crede che il clero e gli omosessuali abbiano almeno in comune l’impossibilità di avere figli?”

Dinanzi a una geniale intuizione come questa Fisichella lo guarda perplesso.

“Temevo che si irritasse – ha confessato Scurati – ma se è successo lo ha nascosto molto bene”. In realtà più che l’irritazione Fisichella ha trattenuto una risata. Con qualche rimpianto per Pasolini che l’Italia la raccontava così com’era, né bigotta né puttaniera.

Letto 3923 volte

Progetto collegato

tutte le news