Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

100 giovani per la pace: racconta la tua storia

21 Apr

per la paceDall'Associazione Terra del Fuoco, riceviamo e volentieri pubblichiamo un invito rivolto a tutte le organizzazioni giovanili  che "si ritrovano nei valori della giustizia, dei diritti umani, della solidarietà, della nonviolenza, della pace, della responsabilità e della libertà".

"Carissima/o associazione/gruppo,
in occasione della Marcia per la Pace Perugia-Assisi del prossimo 16 maggio 2010 ti inviamo una pagina in cui vi spiegheremo la nostra idea. Ci piacerebbe essere protagonisti con te di questa avventura.

Stiamo scrivendo una bella storia.

A scuola ci hanno insegnato che la parola coscienza si scrive con la “i”, peccato che una volta diventati grandi nessuno ci abbia chiesto di scriverla; ci hanno insegnato ad attraversare quando il semaforo si faceva verde, poi abbiamo visto che chi passava col rosso arrivava prima dall’altro lato della strada; ci hanno insegnato che il voto del compito in classe era assegnato in base al numero di errori, non al nome scritto in alto a sinistra.

Erano davvero una cosa da piccoli gli insegnamenti della nostra maestra? Noi pensiamo che non sia così, che non debba essere così, che non lasceremo che sia così.
Troppo spesso le parole sono contenitori stagni, svuotati da ogni significato; troppo spesso abbiamo la sensazione di essere una generazione fatta crescere in cattività, dove la gabbia è rappresentata prima di tutto dal tubo catodico.
Troppo spesso ci catalogano come la generazione che davanti alla sofferenza che guardiamo in televisione semplicemente: cambia canale; forse chi ci cataloga si dimentica che noi siamo cresciuti con le immagini degli immigrati clandestini che arrivavano nelle nostre città, prima con le navi dall'Albania, poi i gommoni dall'Africa.

Si dimenticano che abbiamo visto i fuochi delle bombe che cadevano a poche centinaia di chilometri da casa nostra, proprio dall’altro lato del mare: nei Balcani. Che anche noi abbiamo protestato contro la costruzione di un nuovo muro: quello costruito da Israele sulla terra dei palestinesi.

Si dimenticano che ognuno di noi sa benissimo dove si trovava il giorno in cui ha visto venir giù le torri gemelle, perché eravamo coscienti di assistere all’inizio di un nuova guerra, contro un nemico senza divisa e passaporto, cresciuto nell’ombra, nella nostra ombra: il terrorismo.

Si dimenticano che siamo anche la generazione che ha sognato Seattle, che ha animato Genova, che ha lottato contro la deriva della scuola-azienda e che per tanti anni si è ritrovata in uno slogan: un altro mondo è possibile.

Se dovessi pensare ad una parola con la quale riassumere il sogno della nostra generazione userei “cittadinanza”. In tutta Italia c'è un universo che ha deciso di non arrendersi, di non accettare di essere trattati come semplici spettatori e che tutti i giorni prova a rendere concreta quella voglia di cittadinanza attiva, non arrendendosi all'idea di essere sempre una minoranza culturale in questo paese.

Dal 13 al 15 maggio 2010 ci incontreremo a Perugia nel Forum della pace. Tre giorni di lavoro e di approfondimento. E poi, domenica 16 maggio, parteciperemo alla Marcia per la pace Perugia-Assisi.

Vogliamo provare a costruire un momento d’incontro tra tutte quelle realtà di giovani che in Italia si ritrovano nei valori della giustizia, dei diritti umani, della solidarietà, della nonviolenza, della pace, della responsabilità, della libertà che sono al centro della prossima Marcia per la pace Perugia-Assisi. Volontariato, associazionismo, terzo settore, mondo dell'impresa, giovani amministratori, giovani migranti, seconde generazioni: settori diversi del mondo dei giovani, di quella che ci piace definire la società responsabile. Ci piacerebbe che la Perugia-Assisi diventasse un incubatore di idee da cui ripartire. Vorremmo che la Marcia della pace non fosse solo un occasione per manifestare ma un punto di partenza da cui provare a ricostruire un tessuto sociale vivo e pronto a reagire alla crisi che stiamo vivendo, fatta prima di tutto della mancanza di un etica condivisa. Ci ritroviamo nella parole di Don Luigi Ciotti quando ci richiama al bisogno che la nostra società ha del “noi e non dell'io”.

Esiste una storia che stiamo vivendo e una storia che vorremmo scrivere. Insieme a voi vorremmo individuare le cento storie di persone che in giro per l'Italia stanno reagendo a questa situazione provando a costruire un paese e un mondo migliore.
Il tempo che precede la Marcia Perugia-Assisi ci serviranno per cercare le realtà che vogliamo coinvolgere. Vogliamo creare un gruppo includente, una vera e propria “carica dei cento-uno” nella quale non coinvolgere solo le realtà che troveremo noi ma anche tutte quelle realtà che si sentiranno parte di questa storia e della nostra sfida, e che si aggregheranno.

Ci vogliamo immaginare come una palla di neve, capace di aggregare realtà e persone che si ritroveranno nei nostri principi e che sapranno fare della cittadinanza una parola chiave del loro operare.

Ci aiuterà una piattaforma digitale posta sul sito www.perlapace.it nella quale si troveranno delle schede dettagliate per tutte le realtà, ma anche un blog dove tutti potranno esprimersi a partire dalla nostra idea di cittadinanza.

Nelle giornate di Perugia, prima della Marcia, il gruppo giovani scriverà un documento programmatico sulle strade che vogliamo percorrere insieme per costruire una società e un mondo migliore. I 100 giovani si troveranno, parleranno e discuteranno sui temi che definiremo insieme e in un'assemblea plenaria voteranno i punti fondamentali per la creazione del documento.

Ci piacerebbe provare a declinare il nostro bisogno di cittadinanza partendo dai 7 valori posti al centro della Marcia Perugia-Assisi. Non ci appartengono i respingimenti come le classi per migranti.

Vogliamo parlare di pace partendo dai nostri territori, provando ad accogliere le persone che arrivano da territori di guerra; penso in particolare all'Africa, o da posti dove vengono perseguitati per le loro idee come avviene in Iran. Crediamo che la pace vada costruita con i Rom che vivono nelle nostre città in condizioni di vita disumane, e nei confronti delle quali abbiamo atteggiamenti razzisti e non di inclusione.

Vi chiediamo di compilare la scheda seguente con il nome del vostro gruppo o della vostra associazione e la proposta di una storia da raccontare, da proporci o di darci un suggerimento!

Stiamo raccogliendo le storie e solo con il vostro aiuto raggiungeremo il nostro obiettivo!

E' un obiettivo molto ambizioso ma insieme sarà più facile.


Per l'associazione Terra del Fuoco
Il presidente
Oliviero Alotto"


Scrivi la tua storia a: 100giovaniperlapace(chiocciola)terradelfuoco.org

Io sottoscritto/a....
membro/rappresentante dell'associazione/ente.....
residente a………….
dichiaro di voler presentare durante il Forum della Pace la storia di.....

Scrivi la storia che vorresti presentare in una decina di righe.

Per info
Terra del Fuoco – Associazione di promozione culturale
C.so Trapani 91/b – 10141 Torino (TO)
Tel. +39 011 3841039 – Fax +39 011 3841031
www.terradelfuoco.org – info(chiocciola)terradelfuoco.org
C.F. 97608230013 – P.I. 08330110019

Letto 2509 volte Ultima modifica il Mercoledì, 21 Aprile 2010 10:41

Aggiungi commento




Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA