Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questioni di Frontiera: Blair Redux. Tony è tornato ma gli inglesi non si fidano più ( di William Underhill)

05 Apr
Vota questo articolo
(0 Voti)

blairDi William Underhill. Il sorriso ampio. Le maniere semplici. L’eloquenza assoluta.  Può essere solo Tony Blair, di ritorno sulla scena politica britannica per la prima volta dopo aver lasciato Downing Street tre anni fa. Con le elezioni previste per quest’estate, Blair era fuori per promuovere il suo partito ed il suo successore, Gordon Brown, quando questa settimana ha fatto il suo “discorso di ritorno” in una riunione locale del Labour Club. Brown ha avuto “l’esperienza, il giudizio e il coraggio” di riparare l’economia, ha detto. Un tempo, sarebbe stato un benvenuto endorsement per tutti gli elettori del Partito Laburista. Dopotutto, Blair è stato il primo leader nella storia dei laburisti a portare il partito a tre vittorie consecutive alle elezioni. Ma qualunque sia il suo prestigio internazionale, il pubblico inglese ha definitivamente perso la sua ammirazione per Tony Blair.

Non solo per il suo controverso appoggio alla guerra in Iraq; ma anche per la sua chiara ricerca di denaro ora associata al suo progetto del “New Labour” che, in un periodo di ristrettezza economica, infastidisce gli elettori. Un sondaggio di Harris ha mostrato che quest’anno, mentre Blair è visto con favore dal 64% degli americani, solo il 27% degli inglesi condivide gli stessi accesi sentimenti. Come ha messo per iscritto un articolo del tabloid Daily Star di questa settimana “Blair sarà ancora popolare sul suo vecchio terreno già battuto, ma viene guardato in modo largamente riluttante dal resto degli inglesi. Le famiglie dei militari, i membri dei sindacati e la gente comune ora odiano il vecchio regime di Blair”.

E’ facile osservare come gli strateghi del partito possano voler mettere in campo le indubbie capacità comunicative di Blair. E’ stato Blair il modernizzatore che ha persuaso gli irriducibili del partito laburista ad abbandonare alcuni vecchi dogmi socialisti – come le industrie di proprietà statale – per contribuire a creare il “New Labour” che riprese il potere nel 1997 dopo 18 anni di governo conservatore. Ed è stato Blair a persuadere le agitate classi medie che sarebbe stato sicuro votare il partito laburista in quello stesso contesto – e a non abbandonarlo per la maggior parte dei suoi 10 anni a Downing Street.  Al fulcro del suo incarico ha spinto gli indici di soddisfazione al di sopra del 70% (sebbene la sua immagine sia precipitata al termine del mandato dopo che aveva dichiarato l’entrata dell’Inghilterra nella Guerra in Iraq).

Infatti, la ricomparsa di Blair potrebbe contribuire a spiazzare i conservatori, che stanno lottando per rimanere in testa ai sondaggi. Nel ricostruire il sostegno per i Tories, il leader del partito David Cameron ha cercato di proporsi come “l’erede di Blair,” un centrista dogmatico, in sintonia con la moderna Gran Bretagna. E’ un messaggio difficile da vendere da quando Blair è tornato sul podio a denunciare le politiche conservatrici. Eppure in questi giorni Blair ha a che fare con un pubblico più scettico. Nel 1997, il nuovo primo ministro era il rappresentante convincente di un nuovo inizio politico: quasi due decenni di governo conservatore – e la cultura del denaro erede dell’abbraccio thatcheriano al libero mercato – era finita in mezzo a un vortice di critiche contro i deputati conservatori, accusati di scambiarsi soldi per ottenere influenza. Blair promise un governo che sarebbe stato “più bianco del bianco”.

La Storia ci ha offerto un racconto diverso. L’era di Blair è stata segnata da scandali finanziari così come dalle accuse che il partito abbia effettivamente venduto dei posti nella Camera dei Lord a dei ricchi sostenitori. Le rivelazioni dell’ultimo anno circa le diffuse violazioni dei conti delle spese parlamentari hanno intensificato una diffidenza verso i politici in generale. I punteggi, compresi quelli dei due leader di partito, sono stati rafforzati per compensare le richieste più eccessive. Cameron (che ha accusato i contribuenti di essersela squagliata davanti all’isteria provocata dalla crisi nel Paese) la scorsa settimana ha ammesso di odiare “chiunque pensa che i politici siano squallidi maiali interessati solo al guadagno personale”.

Anche lo stesso team di Blair è sembrato uscirne infangato. Tre dei suoi alleati più stretti – tutti ex membri del suo gabinetto – sono caduti in disgrazia dopo che la scorsa settimana un attacco giornalistico ha rivelato il loro entusiasmo nel vendere i propri contatti da insider in cambio di denaro. Uno, l’ex segretario alla difesa Geoff Hoon, ha detto a un reporter televisiva sotto copertura che voleva trasformare i suoi contatti in “qualcosa che, francamente, faccia soldi”. Ora sono tutti sospesi dal partito parlamentare.

Il primato finanziario di Blair potrebbe deporre a suo sfavore. Secondo alcuni resoconti, ha guadagnato più di 30 milioni di dollari da quando si è dimesso dalla carica di primo ministro, mettendosi in viaggio nel circuito delle conferenze internazionali e lavorando come advisor per alcuni clienti come il governo del Kuwait e per una compagnia petrolifera coreana con interessi in Iraq. Un recente sondaggio ha mostrato che il 59% delle persone crede che siano guadagni troppo elevati. (Oltretutto, 8 persone su 10 pensano anche che abbia mentito nella sua dichiarazione durante l’inchiesta ufficiale sulla Guerra in Iraq che si è svolta all’inizio di quest’anno).

Anche se il suo modo di fare soldi fosse legale, appare ancora ripugnante per molti sostenitori del Labour – specialmente quelli della vecchia guardia che non hanno mai accettato la visione centrista del partito di Blair. Kevin Maguire, un editorialista del Mirror, che sostiene i laburisti, scrive che: “Lasciare il parlamento tre anni fa per guadagnare 20 milioni di sterline fa torcere lo stomaco. Blair sarebbe dovuto restare a vivere il proprio sogno del New Labour in una grande casa del Paese con un campo da tennis.”

Il problema è che gli strateghi del partito sanno che lasciare Blair totalmente fuori dalla campagna, apparirà in qualche modo come un voler rinnegare il record di partito. (E’ stato lo stesso dilemma che ha affrontato Al Gore quando ha dovuto decidere se lasciare che lo screditato presidente uscente, Bill Clinton, facesse campagna per lui). Sono previsti molti discorsi prima delle elezioni, attese per l’inizio del mese prossimo. Il Partito Laburista deve solo sperare che il vecchio fascino di Blair superi i nuovi risentimenti.

Traduzione di Giorgia Avaltroni

Letto 1741 volte

Progetto collegato

tutte le news