Stampa questa pagina

..a metà strada, tiriamo le somme..

05 Mar
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

La presentazione ufficiale del primo itinerario "Cantastorie", avvenuta in data 31gennaio 2010, ha rappresentato per l'Ass. Cult. LocalLab il cosiddetto "giro di boa".

Ancora prima della  sottoscrizione dell'atto d'impegno, a fine luglio 2009, il progetto "Cantastorie" aveva già catalizzato l'attenzione a livello locale: la Fondazione Carnevale di Putignano, infatti, ha voluto coinvolgere l'ass. Cult. LocalLab nell'edizione estiva del Carnevale. Così, ancora alle prese con statuto e registrazione dell'Associazione, quasi senza renderci conto,  siamo stati letteralmente travolti dagli eventi e l'11luglio presentavamo al grande pubblico l' "Anteprima Cantastorie".

 Il Carnevale Estivo 2009 ci è valso come importantissimo banco di prova e ci ha iniziato al grande e complesso mondo dell'organizzazzione di eventi, settore al quale gli itinerari Cantastorie, data la loro peculiare natura a metà tra cultura e spettacolo, appartengono a pieno titolo.

Dopo questo primo scrollone iniziale e qualche giorno di mare, ci siamo messi immediatamente all'opera: a seguito dell'illuminante esperienza dell'" Anteprima" abbiamo realizzato in maniera più o meno verosimile l'effettiva portata del lavoro da sviluppare e siamo stati sul punto di darci alla fuga e alla latitanza.

Ma abbiamo ricacciato il panico lì da dove era arrivato e ci siamo rimboccati le maniche, dedicandoci in primo luogo alla fase di studio e ricerca per la messa a punto del primo itinerario che si voleva proporre, il Percorso Animato per Bambini. E' stato come scrivere una sceneggiatura: pensare la storia e deciderne i tempi, le pause e gli intermezzi; ideare i personaggi, e scegliere le locations.  

Altra questione importante  era scegliere i nostri collaboratori: la guida, gli animatori, i musicisti, i teatranti, le comparse, lo scenografo, spiegare loro l'anima del progetto e stabilire il metodo di ritribuzione più adatto per i non professionisti.

Abbiamo felicemente accettato la proposta di alcuni ambienti in comodato d'uso, essendoci ormai assolutamente chiaro che avessimo bisogno di spazi: una sede operativa dove incontrarci, confrontarci, poter lavorare liberamente senza essere disturbati.  Spazi che successivamente hanno accolto il nostro infaticabile illustratore e creativo, nonchè tutto il materiale scenografico che l'Ass. è andata accumulando nei mesi. 

Il nostro impegno è stato premiato: l'idea, la coesione dell'equipe, il lungo lavoro di studio, coordinamento e gestione hanno dato i propri frutti. 

Il Percorso Animato Cantastorie ha avuto un successo che forse noi stessi non aspettavamo! Siamo stati  in grado di sostenere una notevole affluenza di pubblico, abbiamo proposto un itinerario cittadino, allegro e colorato che ha incuriosito i partecipanti e mantenuto sempre alto il loro livello di attenzione. Particolarmente lusinghieri sono stati i complimenti e i commenti ricevuti alla fine dell'evento da parte delle Istituzioni, da parte del pubblico adulto che ha lodato la qualità e la novità delle informazioni riportate, ma soprattutto - e di questo siamo particolarmente fieri!- il giudizio entusiasta del pubblico più esigente e spietato: i bambini! Non perdendosi nemmeno una parola della nostra carismatica guida, alcuni di loro, il giorno successivo a scuola, hanno raccontato ai propri compagni assenti dello "spettacolo irripetibile!" che malauguratamente  s'erano persi: del percorso tortuoso che avevano seguito in testa al gruppo, segnalato da indizi e bandierine colorate, delle storie singolari e simpatiche sulle antiche usanze e tradizioni  putignanesi di cui erano venuti a conoscenza, dell'assalto al folletto Gaguro, dello spettacolo del Cantastorie che li ha completamente rapiti! (Vedi l'album fotografico "Cantastorie. Percorso Animato")

Per questi bambini, per tutti coloro che vogliano parteciparvi e per noi stessi, vogliamo fortemente "Che lo spettacolo si ripeta!", perchè è stata soprattutto un'esperienza intensa e divertentissima!

In questo senso, confidiamo nell'interessamento manifestato da alcune docenti delle scuole elementari, che si sono dette particolarmente contente di poter riproporre il percorso  alle proprie classi, come attività extra-curriculare. Ma confidiamo anche in chi riconosce nella suggestiva formula "Cantastorie" un strumento valido ed innovativo di promozione del territorio e di diffusione della cultura. Noi, infatti, siamo già all'opera per il lancio del secondo itinerario "Cantastorie" al quale lavoreremo nei prossimi mesi e con il quale si concluderà la nostra esperienza "Principi Attivi". Avremo allora a disposizione due singolari itinerari turistici prêt-à-porter , ad uso e consumo di chi voglia visitare Putignano divertendosi, conoscerne il patrimonio culturale e farsi suggestionare dallo spettacolo. 

"Cantastorie" non è solo a Putignano: la formula è esportabile a tutti i nostri bei borghi cittadini. Preparare un itinerario "Cantastorie" su misura, vale a dire cucirlo addosso ad un territorio specifico e/o tararlo su un target particolare comporta un intenso lavoro propedeutico di studio e progettazione, e conta sulla forte coesione, disponibilità e competenza che sta alle spalle della squadra "Cantastorie" e che rende l'organizzazione e la realizzazione di ciascun itinerario semplice e snella. 

{jomcomment}
Letto 1857 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Marzo 2010 17:49