Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Lu circu du Salentu

24 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

 [video:http://www.youtube.com/watch?v=XITGKtOgTsw 425x344]

 

Lu circu du Salentu

In occasione del Bollenti Spiriti Camp (6-7 febbraio 2010) l’associazione culturale Terramara è stata una tra le tante a proporre i suoi lavori allestendo un suo spazio divenuto luogo d’incontro sperimentale in cui idee vecchie e nuove alternate a proposte d’ogni tipo si facevano largo tra la gente e, l’immaginazione di ogni singolo individuo diventava immaginario collettivo.
Sposare il vecchio al nuovo è la prerogativa principale di Terramara.
Una responsabilità fuori da ogni misura tant’è che, a pochissimi giorni dal Camp, ancora si discuteva con gli organizzatori della manifestazione su come si potesse evolvere lo spettacolo ideato da Davide Monaco che in stretta collaborazione con i maestri della Compagnia di Scherma Salentina doveva far conoscere la danza-scherma in un luogo in cui era ancora avvolta nel mistero, oltre a farla ri-vivere fuori da ogni contesto a cui essa intimamente si lega.
Ma nessuno si è mai perso d’animo e, accettando la sfida perché chi scrive pensa che la tradizione migliore sia quella che riesce a raccontarsi senza annoiare, abbiamo cambiato registro passando da uno spettacolo studiato e messo in piedi per il teatro (questo era il luogo ideale, inizialmente) ad un’ esibizione d’intrattenimento in uno spazio aperto, cercando di essere quanto più fedeli possibile al rituale da cui la danza scherma deriva, ma re-inventando la tradizione sconvolgendone i dogmi.
È così che quello che inizialmente era uno spettacolo che si proponeva di portare in scena storie di vita popolare con un certo spessore emotivo, passando dalla narrazione alla danza, dal canto al teatro di burattini, si è trasformato in una performance che vede sempre come protagonisti principali la scherma salentina e i maestri danzatori, uniche pietre miliari viventi, sotto un altro punto di vista: quello di chi assiste alla ronda (cerchio) di scherma senza capirne il codice, senza conoscerne gli usi e i costumi della cultura a cui essa appartiene, senza conoscere gli schermitori che ormai da più di trent’anni si danno appuntamento alla “Notte di San Rocco”.
È in questa occasione che la tradizione con i suoi passi e le sue regole si mischia e si confonde col gioco delle parti tra presente e futuro: una volta preservati i nostri usi e costumi non bisogna impedire di usarli e di vestirli. Solo così la nostra tradizione o quello che ne è, si rianima e ri-diventa qualcosa di terribilmente vivace, una forza dinamica e travolgente, lontana dalla staticità pedante di sterili ortodossie.
Certo che, se avessimo avuto, durante il Camp l‘opportunità di proiettare “il passato” (ancora presente, in quanto in sussulto durante la notte di San Rocco!!!) alle nostre spalle, durante l’esecuzione performativa, sarebbe stato assolutamente d’alto impatto visto che, molti tra gli astanti, che avevano atteso a lungo il nostro intervento, avvenuto subito dopo l’interessante discorso di Nichi Vendola, s’aspettavano qualcosa dal sapore estivo.
Ma chiedere altro ai ragazzi che hanno organizzato il BSCamp, mi sembrava inopportuno, quasi come chiedere la luna.
Ed ecco la trovata originale in sostituzione al video proiettore, ai colori estivi, ai suoni del tamburello: un pagliaccio, una bici in miniatura, un gran megafono per dire alla gente che la danza scherma è viva e non è morta, che non si trova nei musei esposta come una mummia (bastava osservare i maestri di danza scherma), che può prendere varie forme passando dalla strada alle piazze e da queste ai teatri e dai palchi più prestigiosi divenire tematica principale di film documentari dando la possibilità di essere fruita.
Il pagliaccio fa da tramite, è il momento di pausa da riempire; è stato l’anello mancante che è riuscito a legare un momento forte della serata come l’intervento di Nichi Vendola al BSCamp all’esibizione dei maestri della Compagnia di Scherma Salentina.
Un miracolo di Terramara che è riuscita nell’intento di far aumentare suspence durante la giornata di sabato, dopo la massima attenzione per il nostro Presidente della Regione .
È così che, il fenomeno (per alcuni ancora il rituale) della “ronda di scherma di San Rocco” si è trasformato nel “Circa du Salentu” con l’intervento del domatore di animali (in chiave metaforica, il capo ronda, il maestro), gli animali protagonisti (in questo caso gli schermitori, al servizio della tradizione), il clown impacciato, a sua volta allievo e strillatore.
Il rituale della “Notte di San Rocco” rivissuto a Bari è stato spiegato attraverso le movenze dei maestri schermitori e a viva voce dal clown che, una volta imparato a danzare si è introdotto burlescamente nella ronda cimentandosi nella danza scherma.
Dunque, nessuna mummificazione del passato ma un gioioso, ed ironico rigenerarsi in forme nuove ed inattese, cogliendone i segni ed i personaggi più vicini al nostro immaginario per re-inventare forme nuove di contenuti antichi.
Da qui, la nostra sorgente creativa!!!

Letto 1491 volte

Progetto collegato

tutte le news