Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Relazione Semestrale - Progetto "Food Solution - beta version" - Food Solving s.r.l

23 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

La relazione semestrale ricalca la sezione C.3 (fasi e attività tramite le quali si svolge il progetto) del formulario di candidatura presentato. Descrive le fasi del progetto e le attività realizzate e che intendiamo realizzare, con indicazioni sui contenuti, la tempistica e le risorse.

Per i tempi d'esecuzione facemmo riferimento ad un diagramma di Gantt in cui il viola rappresentava le milestone, il blu il percorso critico, e l'azzurro il percorso normale. Li riportiamo così come presenti nel progetto originale, alcune piccole variazioni esistono, ma sono trascurabili, in quanto non influiscono sulla realizzazione del progetto nell'insieme.

1.       Gestione del progetto

Responsabile e coordinatore dell'attività: Vittorio

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La formazione on the job, pianificata per una migliore realizzazione dell'attività, è in corso di svolgimento per ogni singola attività. Nell'ambito della "gestione del Progetto", essa si avvale delle risorse gratuite fruibili dai corsi "Data, Models, and Decisions", "Project Evaluation" e "Project Management" del MIT (Massachusetts Institute of Technology).

Descrizione dell'attività: la gestione del progetto segue le  5 componenti classiche del project management, in accordo con il PMBOK (Project Management Institute. Guida Al Project Management Body of Knowledge. 3a ediz.. Project Management Institute, 2003):

a.       fase di allestimento e avviamento del progetto (initiating);

b.       fase di pianificazione e progettazione (planning);

c.       fase di esecuzione o produzione (executing);

d.       sistema di monitoraggio e controllo (controlling);

e.       fase di completamento e rilascio dei risultati (closing)

Le fasi di allestimento ed avviamento del progetto hanno interessato già i due mesi precedenti l'inizio effettivo, per adempiere tutto quanto necessario ad intraprendere il progetto stesso. Nel primo mese di attività l'impegno principale è stato ridefinire fasi e responsabili, mediante un confronto serrato con Giuliano, Mariagiovanna e Roberto, raccogliendo spunti, perplessità, idee, difficoltà, fonti, materiale, con lo sforzo di rendere il tutto organico nella definizione dei compiti e dei ruoli. Rispetto al progetto originale, la categoria "chance", di competenza di Mariagiovanna, è stata affidata a Roberto, e la categoria "sustainable lifestyle", di competenza di Mariagiovanna, è stata affidata a Vittorio. Abbiamo provveduto alla registrazione del progetto e della società tra i membri della Comunità di Bollenti Spiriti, presentando il gruppo ed il progetto. L'intero partenariato è stato messo a conoscenza dell'inizio del progetto. Abbiamo fissato, coerentemente con le necessità di analisi, studio e pianificazione, come obiettivo di "inaugurazione" della piattaforma, la metà del periodo progettuale. La piattaforma sarà, infatti, attiva immediatamente dopo la scadenza dei 6 mesi (23 Gennaio 2010), il 1 Febbraio 2010. Sulla scorta di alcuni post del forum, inerenti alle problematiche di retribuzione delle risorse umane nelle società di persone e di capitale, abbiamo richiesto una rimodulazione del Piano Finanziario. Richiesta accettata, al seguito della quale abbiamo provveduto, come richiesto, alla presentazione del Piano Finanziario. Ridefinito il piano operativo, abbiamo cercato conferma della disponibilità a collaborare da parte dei consulenti esterni, di cui raccogliemmo manifestazione di interesse a collaborare: Domenico dell'Anno (comunicazione), Marianna Fuiano (psicologia). Ad essi si aggiungerà Luca Preziusi (giornalista pubblicista), per sopraggiunte esigenze. L'obiettivo principale del progetto è, infatti, un servizio (web-based), di conoscenza ed informazioni utile la strategia innovativa di piccole e medie imprese pugliesi operanti nell'agroalimentare. La legge 7 marzo 2001, n. 62, intitolata Nuove norme sull'editoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2001, definisce un prodotto editoriale come "il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici". Questa disposizione, combinata con quelle contenute nella legge sulla stampa (47/1948) secondo cui "nessun giornale o periodico può essere pubblicato se non sia stato registrato presso la cancelleria del tribunale, nella cui circoscrizione la pubblicazione deve effettuarsi", comporta la necessità di registrazione, presso il Tribunale, di ogni sito Web presente sulla rete Internet che hanno contenuto giornalistico, con aggiornamento periodico delle notizie. Abbiamo valutato, per questo, necessario procedere alla registrazione presso in Tribunale (registrazione che è in corso), i contenuti della piattaforma che verrà attivata diventano, così, una vera e propria rivista elettronica a sostegno della strategia innovativa aziendale di piccole e medie imprese. La rivista si chiamerà "Food Solution", e per sei mesi sarà gratuita ed in versione "beta", ovvero di prova, con l'obiettivo di un collaudo e di un perfezionamento del servizio, grazie ad un confronto con il partenariato, con gli esperti e con gli utenti. Luca sarà, così, il direttore della rivista.

Si è, poi, aperta una riflessione su una predisposizione del servizio tale da renderlo appetibile e fruibile in diversi contesti. La rivista elettronica avrà così una tripla veste: blog, portale e newsletter. Il blog presenterà ogni giorno un nuovo "post", un nuovo articolo, da una delle quindici categorie selezionate, ed è calibrato per i lettori quotidiani. La struttura a portale, presenterà "aperta" l'ultima notizia, con tutti i titoli precedenti a seguire, così da permettere una consultazione più organica, utile per chi, ad un dato momento, vuole fruire comodamente del pregresso. La newsletter avrà funzione di portare "a domicilio" accenni alle notizie pubblicate. Il sistema delle Tags Cloud permetterà, poi, una differente consultazione, direttamente per parole chiave, ovvero per assonanza tematica. E' stata definita la lunghezza e la cadenza indicativa dei post, così come la strutturazione grafica. Nello sviluppo della sezione "sustainable lifestyle", abbiamo ritenuto opportuno rinominare la rubrica "EcoFood and sustainability", così da avere un titolo maggiormente rappresentativo degli argomenti trattati. La pianificazione dell'impostazione nelle singole categorie, è stata definita in funzione dei contenuti previsti. Lì dove la comprensione da parte dell'utente necessiti di un background teorico, si alterneranno articoli teorici ad articoli veri e propri, allo scopo di poter realizzare un flusso più di conoscenza che di informazioni. Per rubriche più informative, cercheremo di far parlare le fonti ed i testimoni. Un sunto dei post, con link al post completo sul sito www.foodsolving.it, verrà pubblicato quotidianamente su questo blog. Per cui dal 1 Febbraio 2010, una buona parte della relazione delle attività sarà, praticamente, in tempo reale.

Prodotto finale: relazione di attività.

2.       Implementazione delle diverse categorie di servizi previsti nella piattaforma/rivista elettronica

§         "finanzia la tua R&S"

Responsabile e coordinatore dell'attività: Giuliano

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Applied Economics for Managers (15.024); Communication for Managers (15.280); Investments (15.433).

Descrizione dell'attività: tutto sulle opportunità, sui fondi, sui bandi a sostegno della R&S, comprese le piccole misure, a portata di micro- e piccole imprese. Il servizio chiarisce le criticità ed i vantaggi dei diversi "percorsi" praticabili, così da poter pianificare la propria ricerca e sviluppo, e potergli dedicare in maniera efficace e mirata risorse umane e finanziarie.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: articoli, blog e portali (PON-RIC; Sistema Puglia; First Aster; Cordis; Obiettivo Europa) che offrono un ventaglio di opportunità alle imprese per agganciare importanti risorse e per accrescer e/o implementare i processi di R&S.

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: Il Project Management, cenni alla disciplina; La sfida della progettazione; Community Programs; Le aree della Convergenza; FP7; Il Programma INTERREG; EU Regional policy; L'internazionalizzazione delle imprese come fattore di sviluppo; Il risparmio energetico come fonte aggiuntiva di reddito per le imprese (GREEN IT); Il Programma FIT  a sostegno della Ricerca e Sviluppo nelle imprese; Nuove tecnologie e indagini di mercato come leve di sviluppo delle PMI; I Consorzi FIDI del sud (CONFIDI); Altra Economia - un mercato in controtendenza; Le banche e il credito insufficiente verso le PMI; Bando per lo start up delle microimprese - Regione Puglia.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "voices of the consumers"

Resp. e coord. dell'attività: Mariagiovanna e consulente esterno (Marianna)

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Listening to the Customer (15.821); Social and Political Implications of Technology (STS.462); Consumer Culture (21W.730-3).

Descrizione dell'attività: un servizio che focalizza l'attenzione sui comportamenti dei consumatori per una innovazione client oriented più consapevole. Come la gente compra, quello che compra, quando e perché. Elementi di psicologia, sociologia, antropologia ed economia in schede che esemplifichino le "leve" del complesso processo decisionale.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: la rivista dell'Elsevier "Trends in Food Science & Technology"; la rivista dell'Elsevier "Food Quality and Preference"; Journal of Nutrition Education and Behavior; la rivista dell'Elsevier "Food Policy"; la rivista dell'Elsevier "Physiology & Behavior"; la rivista dell'Elsevier "Appetite"; la rivista dell'Elsevier "Technological Forecasting & Social Change"; la rivista dell'Elsevier  "Technology in Society".

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: voices of the consumers, food choises, food that fight cancer, food prices, superfood, food qualities, sales promotions and food consumption., food choice motives and bread liking of consumers, embracing hedonistic and traditional values, underlyning trend in demand, influence of distribution channel, food retailing methods, nutritional labelling, nutritional claims, cultural meaning of food, exploring global consumer attitudes toward nutrition information on food labels, food convenience, overview of food market, sensory quality relevant in food choices, fast health food.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "technovation"

Resp. e coord. dell'attività: Mariagiovanna

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione on the job prevista: Technology Strategy (15.905); Introduction to Technology and Policy (ESD.10); Engineering Risk-Benefit Analysis (ESD.72).

Descrizione dell'attività: le innovazioni tecnologiche di frontiera direttamente sul diagramma di flusso produttivo; le categorie che abbiamo scelto per classificare lo stato delle tecnologie alimentari sono concepite sulla base di quelle che sono le principali sfide future in questo settore (Jongen W.M.F and Melenberg M.T.G.. 2005. Innovation in agri-food system. Wageningen Academic Publishers).

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: la rivista dell'Elsevier "Trends in Food Science & Technology"; Journal of Food Protection (International Association for Food Protection); Journal of Food Science  (Wiley InterScience); la rivista dell'Elsevier "International Journal of Food Microbiology"; International Journal of Food Science & Technology (Wiley InterScience); Food Microbiology "Food Microbiology"; Critical Reviews in Food Science and Nutrition (Taylor and Francis Ltd).

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: tassonomia degli interventi innovativi nelle tecnologie alimentari, scienza e tecnologia in azione, trattamenti termici alternativi, cheese technovation, mild technologies, wine technovation. biotecnologie, bread technovation, ingredienti funzionali, fresh cut technovation, additivi alimentari, olive oil technovation, cold technology, milk technovation, packaging, pasta technovation, low fat technology

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "international profiles"

Resp. e coord. dell'attività: Vittorio e consulente esterno (Marianna)

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Technology and Culture (21A.340J); Documenting Culture (21A.337J); Culture, Embodiment and the Senses (21A.260).

Descrizione dell'attività: un servizio con i profili dei gusti dei consumatori dei cinque continenti, curiosità, i cinque sensi, le differenze che hanno fatto la fortuna o meno di un prodotto, le tendenze nei maggiori macrocomparti dell'industria alimentare, per un approccio lungimirante all'export, ed una marcia in più nelle relazioni internazionali.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: blog aventi la tematica "food" in diversi Paesi dei cinque continenti; associazioni dei consumatori in diversi Paesi dei cinque continenti; il testo "Il cibo come cultura" di Massimo Montanari (Editori Laterza, 2006); la rivista dell'Elsevier "Food Research International"; la rivista dell'Elsevier "Appetite"; .

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: Food trotter; Regional food culture and development; African Food culture; China Food Blog; Scaffali Giapponesi; Geography of food; Scaffali Statunitensi; Exploring global consumer attitudes toward nutrition information on food labels; Scaffali Australiani; Food industry and economic development in the Asia Pacific; Scaffali Giapponesi; USA Food Blog; Scaffali Inglesi; Italian Food Blog; Scaffali Sudafricani: Associazioni dei consumatori

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "SME's innovative needs"

Resp. e coord. dell'attività: Roberto e Giuliano

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Organizing for Innovative Product Development (ESD.933J); Financing Economic Development (11.437); Global Markets, National Policies, and the Competitive Advantages of Firms (15.223).

Descrizione dell'attività: coglie dai documenti dalle Piattaforme Tecnologiche europee e delle diversi nazioni, dalle pubblicazioni del Direttorato Generale "Enterprise & Industry" della Commissione Europea e da riviste specializzate, le news sui bisogni di innovazione delle piccole e medie imprese, la spina dorsale dell'industria agroalimentare.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: Articoli divulgativi sui migliori innovatori, riviste specializzate (Quaderni Agenzia Regionale per le Tecnologie e l'Innovazione - ARTI Puglia; Report del Parco Scientifico Centuria; progetto SMEs-NET - Small and Medium Enterprises Networking European Food Quality and Safety Stakeholders portato avanti da Federalimentare; Piattaforma Food for Life; Italian Food for Life; Dossier dell'Associazione Scienza e Tecnologia dell'Emilia Romagna - ASTER))  momenti di approfondimento e di formazione promossi da soggetti con adeguato background nella gestione dell'innovazione attraverso i quali individuare eventuali strumenti e figure professionali utili sia alle PMI che hanno già un approccio attivo all'innovazione nel settore agroalimentare e sia alle PMI che si apprestano ad approfondire l'implementazione dei risultati della Ricerca nell'impresa o non ne sono a conoscenza.

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono:    Il forum della Ricerca e dell'innovazione (evento che si tiene ogni anno nel mese di maggio); L'innovazione che risponde ai bisogni del mercato (analisi di casi); L'impresa innovativa; Il posizionamento aziendale; L'audit aziendale;           Rilanciare la ricerca scientifica e tecnologica; Iniziative di formazione per il personale delle PMI;   Interviste ai migliori innovatori; Interviste ad esperti di processi di trasferimento tecnologico; Le news da consultare; Le scelte strategiche delle imprese nella gestione dell'innovazione; Analisi di casi aziendali di successo; Come aumentare la partecipazione delle PMI nel processo di formazione del personale adibito alla ricerca; Un possibile Modello di Co-Operazione tra Ricerca, Innovazione e (Piccola e Media) Impresa (PMI) per lo Sviluppo Economico e la Competitività Industriale; Centri di "eccellenza" sul territorio - "intermediazione"-ricerca-pmi.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "sustanaible lifestyle"

Resp. e coord. dell'attività: Vittorio e consulente esterno

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Technology in a Dangerous World (STS.069); Sustainable Economic Development (11.947); Planning for Sustainable Development (11.366J).

Descrizione dell'attività: pur rientrando nei comportamenti del consumatore e nelle prospettive future, merita un trattamento a se per l'importanza che riveste; il servizio aggiorna sulla sensibilità dei consumatori attenti alle ricadute ambientali delle proprie scelte quotidiane, sulle prospettive di produzione "sostenibile", un terreno in cui è ancora possibile differenziarsi.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: la rivista dell'EDP Sciences " Agronomy for Sustainable Development"; la rivista dell'Elsevier " Journal of Rural Studies "; la rivista dell'Elsevier "Environmental Science and Policy"; unisg; gli articoli di Leo Hickman per il giornale "The Guardian";

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: organic vs conventionally: risorse ambientali e risorse commestibili; ecological footprint; ecological food print: carne; organic HACCP: km0; tradizione una via per la sostenibilità?; ecological food print: cereali; sustanaible in technology; technology fo sustainable development; green gnam gnam; ecological food print: cereal; green wash; il valore della biodiversità.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "innovation management"

Resp. e coord. dell'attività:  Giuliano

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Marketing Management (15.810); Managing Innovation: Emerging Trends (15.352); Managing the Innovation Process (15.351)

Descrizione dell'attività: le imprese potranno beneficiare di un set di servizi utili per realizzare con successo progetti di innovazione tecnologica correlati ai loro prodotti e/o processi; ad essi si accompagneranno brevi schede teoriche, per un approccio più consapevole ai contenuti del servizio, e le best practices nella gestione della ricerca e sviluppo.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: articoli scientifici (Etzkowitz H., Leydesdorff L., 2000; Malerba F., Orsegnigo L., 2000; Boccaletti, 2001; Coccia, 2002) e divulgativi sullo sviluppo dell'Economia dell'Innovazione (Camagni, 1994; Lerici, 1997), sulla gestione dell'innovazione con una particolare attenzione al passaggio dall'idea innovativa al suo trasferimento in azienda (trasferimento tecnologico). 

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: Cenni sulla Gestione dell'Innovazione; L'identificazione di innovazioni tecnologiche di prodotto e di processo; Come valutare il potenziale di mercato dell'innovazione; Comprendiamo la valenza dello studio di fattibilità; Dall'idea innovativa alla sua applicazione pratica; Ricerca e Innovazione: le condizioni per competere; Progettare e seguire le fasi di un processo di trasferimento tecnologico; Monitorare le best practices aziendali; L'innovazione gestionale e organizzativa (il capitale umano); Il project costing; La formazione del personale interno; L'opportunità di aggregarsi (i soggetti di interfaccia); La cultura deve cambiare; Misurare le performance dei manager (gestione); Tendenze e risultati

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "osservatorio normativo"

Resp. e coord. dell'attività:  Roberto

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Patents, Copyrights, and the Law of Intellectual Property (15.628); Law for the Entrepreneur and Manager (15.647); Innovative Businesses and Breakthrough Technologies - The Legal Issues (15.616).

Descrizione dell'attività: una rubrica su innovazione, R&S e conformità legislativa sul mercato interno ed internazionale, giocando tutto sul parallelismo proposto secondo il quale la legislazione starebbe all'industria alimentare, come le linee bianche stanno al campo da gioco; un modo per comprendere i rapporti tra competizione ed obblighi di legge, tra opportunità e rischi.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: Banche dati normative (Pluris - Cedam Utet giuridica, Platinum Utet giuridica, DeJure giuffrè editore); articoli scientifici e divulgativi sulle nuove disposizioni internazionali, nazionali e locali in merito a tematiche di rilevante interesse per le imprese (sicurezza alimentare, tutele, responsabilità di impresa; etichettatura, etc...). Riviste specializzate, quotidiani giuridici, codici commentati, siti Web.

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: Sicurezza alimentare; Verso una corretta prassi igienica; Il pericolo per la sicurezza pubblica e i delitti del codice penale; Le frodi alimentari; Regolamenti comunitari in materia degli alimenti di origine animale e vegetale; Tutela commerciale del consumatore;     Etichettatura e pubblicità; La nuova proposta del Reg. Ce sulle informazazioni alimentari ai consumatori; Etichettatura e marchi di fabbrica; Etichettatura dei prodotti senza glutine; Controllo dei prodotti alimentari ed autocontrollo aziendale; Sistema sanzionatorio degli illeciti; Profili di responsabilità nell'impresa alimentare; Codex Alimentarius Commission; Normativa alimentare in rete.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "future changes and lead market"

Resp. e coord. dell'attività: Vittorio

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Writing on Contemporary Issues: Imagining the Future (21W.730-5); Solving Complex Problems (12.000); Collective Choice I (14.296J).

Descrizione dell'attività: rende fruibili contenuti di studi molto specifici sulle prospettive future nel campo della salute, dell'evoluzione demografica, degli stili di vita.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: le monografie del DG SANCO sui future challenges, "research strategic agenda 2007-2020" e "lead markets documents" della European Technological Platform Food for Life, "A lead market initiative for Europe - COM(2007)860 (21.12.2007)" del DG Enterprise and Industry; la rivista dell'Elsevier "Futures"; la rivista dell'Elsevier "Research Policy"; la rivista della North Holland "Technological Forecasting & Social Change"; siti e documenti della FAO, del WHO, dell'EFSA, della FDA, dell'Unione Europea

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono:    FoodEurope Lead Market Area; Cibo Globalmente Riscaldato; I sei lead market scelti; Salute e Consumatori: Sfide Future; Future challenges in food safety; Food ethics; Future Food Business; Ritorno al Futuro; future trend in food technology; future of food: globalisation; Agricolture to 2050; Barcelona Process; Sviluppo sostenibile; Piattaforme europee; Future Food Shocks; Tradizionalmente futuro.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "nomi, cose e città" (i percorsi dell'innovazione)

Resp. e coord. dell'attività: Mariagiovanna

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Food and Power in the Twentieth Century (STS.429); Introduction to Media Studies (21L.015); Technology and Culture (STS.075J).

Descrizione dell'attività: seleziona un innovatore, ne descrive l'esperienza ed il mondo in cui vive; un modo simpatico di presentare esperienze di successo, allargare la panoramica sul mondo della offerta di innovazione nel settore, ed incentivare il networking.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: siti internet dei maggiori portatori di interesse delle quattro eliche dell'innovazione (imprese, istituzioni, enti di ricerca, società civile) a livello internazionale.

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: brevi report sui principali luoghi, sulle realtà più dinamiche, sulle personalità più carismatiche, per una rubrica, citando Isaac Newton "sulle spalle dei giganti".

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "comunica i tuoi successi"

Resp. e coord. dell'attività: Vittorio e consulente esterno (Domenico)

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Principles and Practice of Science Communication (STS.014); Expository Writing - Food for Thought: Writing and Reading about Food and Culture (21W.730-2); Social and Political Implications of Technology (STS.462).

Descrizione dell'attività: propone strategie di comunicazione adatte a questi specifici contenuti, abbiamo, infatti, rilevato che un cruccio, non di rado, è quello di realizzare innovazioni che non sono però adeguatamente apprezzate; suggerisce piani d'investimenti comprensivi dei costi di comunicazione, seguendo così l'innovazione in tutti le fasi, anche con opportunità low cost.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: Il marketing agroalimentare. Mercato e strategie di commercializzazione di Antonio Foglio (FrancoAngeli Edizioni 2007) ; la rivista dell'Elsevier "Food Quality and Preference"; la rivista dell'Elsevier "Structural Change and Economic Dynamics".

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: comunica i tuoi successi: comunicare valore; ICT; big on web; pubblicità; marketing levers; big on tube; dissemination; rivendicazioni; marketing management; comunicazione e segmenti di mercato; creare valore, soddisfazione e fedeltà; corporate social responsibility (CSR); strategia dei testimonial; buzz marketing; marketing olistico.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "patent"

Resp. e coord. dell'attività: Roberto

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Inventions and Patents (16.652); Inventions and Patents (3.172); Entrepreneurial Marketing (15.835).

Descrizione dell'attività: la "vetrina" dei brevetti, con una serie di suggerimenti utili per la gestione di questa delicata "categoria" di prodotti.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: articoli scientifici e divulgativi sulle nuove disposizioni internazionali, nazionali e locali in merito a tematiche di rilevante interesse per lo sviluppo e la diffusione di una cultura della proprietà intelletuale e per la tutela della stessa. Riviste specializzate (Il Diritto Industriale ed. Ipsoa, diritto penale e processo ed. Ipsoa), quotidiani giuridici, codici commentati, Siti Web (www. epo. org, http://ep.espacenet.com, www.wipo.int, www.uibm.gov.it).

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: premesse e contesto storico; La relazione tra crescita economica, ricerca & sviluppo e IP; Brevetti, ricerca & sviluppo e nuove tecnologie; L'invenzione biotecnologia; la logica del funzionamento dei brevetti; Il ciclo dell'invenzione; Esempi di brevetto (meccanico - elettronico- chimico farmaceutico); Il deposito della domanda di brevetto italiana; La contraffazione del brevetto: le varie tipologie; I vari modi per tutelare un brevetto; Come evitare di violare i brevetti altrui; Strategie di licensing; Le convenzioni internazionali di brevettazione; La titolarità e la remunerazione degli inventori; I brevetti nel contesto europeo verso l'istituzione di una giurisdizione unificata.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "new products"

Resp. e coord. dell'attività: Vittorio

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: : Prototypes to Products (SP.724); Marketing Strategy (15.834); Organizing for Innovative Product Development (ESD.933J).

Descrizione dell'attività: i nuovi prodotti sviluppati e lanciati nel mondo dalle multinazionali e dalle imprese prime imprese di settore, le news dagli scaffali di tutto il mondo, per avere "il polso" dei trend di settore, per capire su cosa lavorano le R&D delle grandi realtà.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: Developing New Food Products for a Changing Marketplace di Aaron L Brody, John B Lord (CRC Press, 2007); la rivista dell'Elsevier "Journal of Food Engineering"; la rivista dell'Elsevier "Livestock Production Science"; la rivista dell'Elsevier "Technovation"; la rivista dell'Elsevier "Trends in Food Science & Technology";

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: food design; new ready-to-eat products; product life cycle; organizing new product development; new cereal based products; riposizionamento di prodotti esistenti; new fuctional products; creatività: thinking differently; new drink products; strategie; marketing drive for new product; new snack products; organization for new product development; new cheese products

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "modest proposal"

Resp. e coord. dell'attività: Vittorio

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Planning Communication (11.914);

Descrizione dell'attività: riporta un parere autorevole su un tema attuale nel dibattito di settore, un editoriale con cui confrontarsi, su argomenti di frontiera.

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: miscellanea.

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: tematiche condivise con il Food Village (vedi Follow up), spunti di innovazione da condividere o condivisa.

Prodotto: contenuti della piattaforma

§         "chance"

Resp. e coord. dell'attività: Roberto

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione dell'attività: propone occasioni, appuntamenti, fiere, eventi, opportunità di partenariato, ma anche fonti di aggiornamento, link utili, altri tool interessanti ed i servizi "concorrenti".

Tra le principali fonti oggetto di analisi e studio, per lo sviluppo di questa rubrica: portali e riviste specializzate da cui poter estrapolare e riportare tutto ciò che il mercato offre. Il web è, senza dubbio, il principale fornitore di tali contenuti (Sistema Puglia, portali web delle Camere di Commercio nazionali ed internazionali, delle Università e di tutti quei soggetti che sono adibiti alla diffusione dei risultati della ricerca).

Le tematiche selezionate per essere affrontate nei primi articoli della rubrica sono: Filiera olio quali opportunità per il made in Italy; Le opportunità che porta la crisi; Nuovi orizzonti per l'olio extravergine di oliva; Brasile: diritto d' impresa ed investimenti; Agenda iniziative ed eventi: fiere, convegni, workshop e seminari; Opportunità commerciali dal mondo;            Investire in Vietnam; Guida ai mercati; Est Europa: diritto d'impresa ed investimenti; India: diritto d'impresa ed investimenti; Russia: diritto d'impresa ed investimenti.

Prodotto: contenuti della piattaforma

3.       implementazione della piattaforma (tecnicismo del portale)

Responsabile e coordinatore dell'attività: Giuliano e consulente esterno

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Principles of Digital Communications I (6.450); Principles of Digital Communication II (6.451); Integrating eSystems & Global Information Systems (15.565J).

Descrizione dell'attività: sviluppato interamente su ambiente operativo GNU/Linux, il sistema informativo offrirà di fatto un portale multitematico e multiutente; lo scambio delle informazioni avverrà attraverso un web server Apache operante in crittografia SSL e validità delle chiamate verificata da mod_Security. L'archiviazione delle informazioni sarà affidata ad un server PostgreSQL ed elaborata da applicativi web sviluppati in Perl e PHP. Il portale gestirà inoltre l'invio delle newsletter informative via posta elettronica e SMS, sempre attraverso soluzioni GNU/Linux. Il sito web, come già precedentemente indicato, sarà fruibile sia in modalità blog che in modalità portale così da lasciare libera scelta all'utente di selezionare la modalità di consultazione preferita. E' stata implementata una maschera per l'accesso al portale La procedura di registrazione, durante tutto l'arco del progetto, non sarà necessaria. E' però prevista come una delle possibili strategie attuabili per permettere la remunerazione del servizio. Sul sito, un apposito spazio permetterà ai lettori di esprimere un giudizio sui contenuti, sulla grafica, sulle rubriche, sul linguaggio, sulla frequenza degli aggiornamenti. Tale scelta, assieme al servizio di customer satisfaction, ci permetterà di verificare l'interesse delle tematiche affrontate, di affinarle e di introdurne, eventualmente, delle nuove, in un ottica di ascolto e scambio continuo con gli utenti del servizio.  

Gli articoli consultabili saranno suddivisi per categoria (a titolo di esempio chanche, new products, sme's innovative needs, etc...). Parallelemente alla consultazione di un articolo è possibile prendere visione delle key words degli stessi (tag cloud) attribuendo un font più grande alla parole più importanti. Si è prevista, inoltre, la possibilità di condividere gli articoli pubblicati sulla piattaforma in diverse lingue straniere. Nel breve periodo (scadenza progetto) sarà possibile consultare gli articoli di maggiore interesse anche in lingua inglese, con lo scopo di allargare a tutte le lingue la consultazione così da rendere i contenuti fruibili a tutti i possibili stakeholders interessati, creando un interscambio proficuo anche con realtà internazionali specializzate. Il portale web www.foodsolving.it sarà attivo a partire dal 01 febbraio 2010. 

Prodotto: realizzazione della piattaforma

4.       Definizioni della partnership, dei canali preferenziali per la fornitura del servizio e della comunicazione

Responsabile e coordinatore dell'attività: Mariagiovanna e consulente esterno (Domenico)

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: IT and Business Transformation (15.598); Managerial Psychology (15.310); Organizational Processes (15.311).

Descrizione dell'attività: ampliamento della partnership e raggiungimento di protocolli d'intesa con tutti quanti possono collaborare a veicolare il nostro servizio agli utenti finali, alle aziende; definizione di un idoneo piano di comunicazione per i risultati progettuali, per la piattaforma e per i servizi.

Il logo aziendale è in corso di registrazione presso la Camera di Commercio di Foggia. Il piano di comunicazione è allo studio, in tal senso sono in corso di realizzazione prodotti grafici ed audiovisivi. L'obiettivo è arrivare al maggior numero di utenti possibile nel corso dei primi sei mesi di vita del magazine. Essendo un prodotto/servizio on-line anche il piano è calibrato su questo canale di comunicazione, d'altra parte il fine è arrivare con i nostri contenuti a chi già utilizza il computer come strumento di informazione. Il messaggio chiave è: "Food Solution, diversamente commestibile, diversamente utile". E', infatti, un servizio diretto ad imprese con produzioni alimentari, che non mira a sostenere in maniera diretta l'attività produttiva aziendale, ma ad essere di supporto stimolando la strategia innovativa aziendale. In due parole: diversamente fruibile. Il principale canale di comunicazione sarà, quindi, internet, nelle sue diverse declinazioni ed accezioni: mailing list, newsletter, youtube, blog, social network. Il piano di comunicazione si avvale della collaborazione di Domenico dell'Anno, laureato in Scienze della Comunicazione a Perugia, con master in regia e direzione della fotografia dell'Accademia di Cinema e Televisione Griffith,  autore di prodotti audiovisivi, documentari, corti e videoclip.

Il partenariato è stato contattato nell'autunno per mettere al corrente tutti dell'inizio del progetto. E' già stata richiesta disponibilità per un incontro tra Aprile e Maggio al fine di raccogliere critiche e suggerimenti sul servizio erogato.

I canali preferenziali sono le associazione di produttori, le associazioni di categoria ed i distretti produttivi. A tali rappresentanze offriremo di distribuire gratuitamente il servizio a tutti gli associati. Per il contatto attendiamo, però, il lancio del servizio; è, infatti, importante avere un prodotto da mostrare.

Prodotto: relazione di attività e report di protocolli d'intesa

5.       Fornitura del servizio gratuitamente alle aziende

Responsabile e coordinatore dell'attività: Mariagiovanna

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione dell'attività: effettuare l'erogazione del servizio, risolvere i problemi che si presentano di concerto con i consulenti esterni, ottimizzare le procedure, raccogliere i reclami.

Passati i 30 giorni dalla data di inaugurazione del servizio, quando ci saranno mediamente 2 post per ciascuna categoria, inizieranno ad essere inviate le newsletter, e ad essere pubblicizzato il servizio. La fruizione gratuita sarà garantita lasciando interamente accessibili i contenuti, "in chiaro". Un sistema di generazione di password gratuite ed accesso con registrazione potrebbe, infatti, appesantire l'accesso alla versione "beta" del magazine, che è poi quella che ci consente di ottimizzare il servizio. Non si renderà, così, necessario attivare una procedura di risoluzione problemi legata all'accesso con password.

Prodotto: fornitura efficace e gratuita del servizio

6.       Attività di customer sactisfation e conseguente feedback con rimodulazione del servizio

Responsabile e coordinatore dell'attività: Roberto

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Listening to the Customer (15.821).

Descrizione dell'attività: la grande attenzione che riveste la soddisfazione del consumatore o cliente nei confronti di un bene o servizio è stata motivata sempre più negli ultimi anni dal fatto che essa costituisce "una delle componenti primarie del modello di gestione aziendale ottimale"; in uno scenario altamente dinamico e competitivo, come quello attuale, sicuramente si può affermare che per perseguire obiettivi e comportamenti strategici ambiziosi è necessario che il management si impegni affinché l'impresa migliori la capacità di accrescere, rispetto ai concorrenti, il livello di soddisfazione del cliente: customer satisfaction, intesa come "disciplina di gestione che esplicita le capacità dell'impresa di generare valore per i clienti, anticipando e gestendo le loro aspettative e dimostrando competenze e responsabilità nel soddisfare i loro bisogni" (Valdani E.-Busacca B., Marketing strategico, Etas Libri, Milano, 1995).

La soddisfazione deriva dall'esperienza d'uso del servizio ed è strettamente collegata con la percezione che l'utente ha del servizio e con le sue motivazioni personali. La soddisfazione percepita rappresenta la differenza tra le attese e le percezioni. Il confronto tra attese e percezione si basa su quello che è definito il modello di conferma delle aspettative. Le aspettative vengono valutate come standard di riferimento di cui l'utente si serve per stimare la qualità del servizio offerto. In sostanza, se le percezioni coincidono con le aspettative, le aspettative sono state confermate e l'utente è soddisfatto. Nel caso opposto, invece, si dice che le aspettative sono state disattese e l'utente è insoddisfatto.

Nel definire il modello di riferimento per l'indagine di Customer Satisfaction si devono considerare le specificità che i servizi  possiedono. Infatti, i servizi sono contraddistinti e si distinguono dai beni da alcune caratteristiche peculiari, quali:

  • l'intangibilità, poiché non è possibile valutare un servizio prima del sua erogazione. Ne consegue che il servizio, prima della fruizione, è solo un insieme di informazioni; Anche se alcune parti del servizio possono essere tangibili, nella sua globalità esso non lo è e questo rende difficile la sua valutazione da parte del fruitore. Inoltre, proprio per la caratteristica di intangibilità i servizi non si possono immagazzinare, non si possono brevettare e il princing risulta difficile.
  • l'eterogeneità o non standardizzazione, poiché il servizio erogato può svilupparsi di volta in volta con modalità e risultati completamente diversi; Le differenze non sono legate solo alle diverse tipologie dei fruitori, ma anche, per lo stesso fruitore, ai momenti e alle situazioni;
  • la contestualità tra produzione e consumo, ossia la tra l'attività di produzione dell'erogatore ed il consumo da parte del cliente, conseguenza di tale caratteristica è la deperibilità del servizio.

In generale, le indagini di Customer Satisfaction sono volte a rilevare e misurare sia la soddisfazione di un utente/cliente derivante dall'utilizzo di un bene o dalla fruizione di un servizio che la rispondenza tra il livello della qualità del servizio percepita e quella attesa.

Al fine dei effettuare la rilevazione della Customer Satisfaction e possibile utilizzare modelli che si basano sul misurazioni indirette (Cuomo, 2000) e modelli che si basano su misurazioni dirette (Iasevoli, 2007). Trai numerosi metodi diretti utilizzabili  si è scelto di utilizzare in questo lavoro, il modello SERVQUAL, sviluppato da Parazuraman, Zeithmal e Berry. Il SERVQUAL è uno strumento atto a valutare la soddisfazione del cliente attraverso il calcolo della discrepanza tra percezioni ed aspettative; ciò risulta particolarmente efficace se si considera che la misurazione che si vuole effettuare riguarda una grandezza soggettiva (la soddisfazione), e non oggettiva, per la quale non esiste un sistema di riferimento uguale per tutti gli intervistati. Dunque, il metodo del SERVQUAL si fonda sulla definizione del concetto di qualità del servizio espressa dallo scostamento esistente tra la qualità attesa dall'utente e la qualità percepita rispetto ad un determinato servizio.

Diventa molto importante, allora, determinare e comprendere quali siano i fattori che influenzano le aspettative dell'utenza ed anche le caratteristiche che compongono la qualità per rilevare in modo mirato le percezioni del servizio.

Prodotto: relazione di attività

7.       Follow up

Responsabile e coordinatore dell'attività: Vittorio e Giuliano

Mesi

I

II

III

IV

V

VI

VII

VIII

IX

X

XI

XII

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Formazione: Multidisciplinary System Design Optimization (16.888); Practical Information Technology Management (15.568A); Management Information Systems: Generating Business Value from Information Technology (15.568B).

Descrizione dell'attività: Una prima importante occasione di guardare al prosieguo della realtà imprenditoriale e del progetto nato grazie al sostegno del bando Principi Attivi è stata la partecipazione alla competizione Start Cup Puglia 2009. E' stata, infatti, un'occasione per mettere ordine nel caos entusiasmante di idee dell'inizio attività.

Per cominciare, ci piace racchiudere lo scenario futuro a cui guardiamo nella proporzione:

responsabilità sociale di impresa : bussola = innovazione : strumento d'intrapresa.

L'impresa, a regime, è concepita in cinque sezioni operative, che offrono servizi e prodotti diversi per grado di innovazione e distanza dalla concreta operatività aziendale: un servizio per la sete di innovazione quotidiana delle PMI agroalimentari (Food Solution); un servizio per lavorare insieme (Food Consultants); un servizio per vivere l'innovazione (Innovation and Project Management); un servizio per tutelarne i frutti (Patenting); un servizio per sognare assieme (Food Village). Più nel dettaglio:

"Food Solution" è un servizio "web-based" di informazioni e conoscenza a sostegno della strategia innovativa aziendale di PMI, ed è il progetto circa cui questo elaborato relaziona.

"Food Consultans" è un servizio di consulenza, analogo ad uno studio di consulenza associato, tecnico, commerciale e giuridico, a basso grado di innovazione ma vicino alle aziende.

"Innovation and Project Management", un servizio con idea portante la "filiera corta" nel settore della R&S "esternalizzata" dalle aziende. Ci proponiamo come unici referenti per piccole azioni di R&S: dalla ricerca di finanziamenti alla realizzazione sperimentale, ed oltre.

"Patenting" si occupa di tutto ciò che è tutelabile dalla proprietà intellettuale. Proviamo a farci le ossa con una serie di nostre idee.

"Food Village" è un think tank, un contenitore di pensiero sull'innovazione in campo agroalimentare ma anche uno spazio aperto di proposte, problematiche, di presentazione di istanze e soluzioni.

L'opportunità di registrare il portale/blog/ piattaforma come rivista elettronica, appartiene ai risultati di questa fase progettuale, che ad oggi è incentrata nel risolvere il problema della remunerazione legata alla fruizione della rivista.

Prodotto: documenti vision e strategic agenda

Letto 2315 volte

Progetto collegato

tutte le news