Stampa questa pagina

L’Agrogreen Service sfida la Lenticchia di Altamura: sei diversa dalle altre?

26 Nov
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

 [video:http://www.youtube.com/watch?v=lEA-HuY_MZw 425x344]

L’Agrogreen Service vuole andare a fondo e capire se la “Lenticchia di Altamura” è veramente diversa dalle altre! Quando si vuole esprimere una preferenza per un determinato prodotto intervengono quattro dimensioni per descriverne la qualità: la dimensione sensoriale, la dimensione salutistica, la dimensione tecnologica e la “convenience” (rapporto costi/benefici). Tra tutte quella più delicata è quella sensoriale che abbiamo deciso di studiare per capire se la nostra lenticchia è veramente diversa da quelle di importazione estera.
L’analisi sensoriale è una disciplina scientifica che consiste nella valutazione delle caratteristiche di un prodotto attraverso gli organi di senso (vista, udito, olfatto, gusto e tatto). Tutti i giorni, inconsapevolmente, facciamo una sorta di analisi sensoriale nel compiere le nostre azioni; ad esempio nell’acquisto di un’automobile, nel riconoscere una canzone, nel riconoscere un cibo che ci piace.
Nell’industria alimentare è sempre più richiesto l’impiego di un gruppo di assaggiatori (panel) che sia in grado di descrivere oggettivamente le caratteristiche organolettiche di un prodotto. Il ruolo del panel è quello di anticipare i pareri del consumatore. La lenticchia di Altamura è sicuramente un prodotto che punta ad un target di consumatori medio-alto quindi in grado di apprezzare le differenze sensoriali.
L’Agrogreen Service in collaborazione con lo chef Michele Lorusso e delle aziende agricole produttrici effettueranno il panel test della “lenticchia di Altamura”. Se avete voglia di far parte nel nostro gruppo di “assaggiatori” vi aspettiamo domenica 29 novembre alle 19,30 presso l’Always pub di Atamura in via Ofanto, 15.

Letto 2632 volte