Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

myHermes: la partenza del progetto

15 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

myHermes: la partenza del progetto

 

 Ciao a tutti ancora una volta!

 

In questo post presenteremo quali sono state le nostre attività nel periodo iniziale del progetto, e più precisamente nei mesi di Maggio e Giugno 2009.

In realtà ci scusiamo per il leggero ritardo con cui procediamo nella descrizione di questi eventi, ma solo ora che il progetto è a regime e quasi pronto per essere pubblicato, abbiamo avuto modo di chiarirci le idee e riusciamo a buttar giù qualche riga.

 Ma veniamo a noi: come sapete myHermes è fondamentalmente un sistema informativo, e come tutti i suoi simili vuole un pò di hardware su cui lavorare. Di conseguenza la prima cosa di cui il nostro gruppo si è dovuto preoccupare, una volta firmato l'atto di impegno, è stato di scegliere un server su cui ospitare la piattaforma.

Considerato il vademecum fornito dallo staff di BS e le indicazioni riportate, abbiamo optato per il noleggio di un servizio di housing. Ovviamente la scelta non è stata così semplice!

I primi dubbi che abbiamo dovuto affrontare sono stati: in fase di scrittura del progetto abbiamo indicato il noleggio di un server virtuale, quindi da bravini ci siamo mossi in questa direzione. Contattando però una serie di Web farm abbiamo scoperto che per i nostri usi, il ricorso ad un server virtuale sarebbe stato non soltanto non sufficente, ma causa dell'espulsione dalla Web farm stessa. Infatti, un server virtuale è in pratica uno spazio su una server fisico, le cui capacità vengono ripartite tra 4 o più utenti. In queste condizioni, il fatto che noi avessimo bisogno di lanciare programmini in "esplorazione" del W

eb, operativi pressocchè 24h determinava il crollo delle prestazioni del server per i nostri "coinquilini".......

In preda al panico abbiamo quindi cominciato ad ispezionare la possibilità di ricorrere al nolo di un server dedicato, ovvero una macchina tutta nostra custodita nella Web farm di Aruba. Ovviamente però avevamo 2 grossi problemai: 

  1. la variazione constrastava con l'approvazione delle spese?
  2. avremmo avuto modo di sostenre la spesa maggiore? 
Contattato lo staff di BS, e fatti due calcol, ci siamo convinti del fatto che la soluzione del server dedicato fosse anche la migliore, in quanto ci avrebbe consentito di realizzare il nostro progetto godendo di prestazioni migliori di quelle previste.
 
Così abbiamo noleggiato per 12 mesi un server dedicato presso la Web Farm Aruba.........ma non avevamo ancora risolto un bel niente!
 
Infatti, il nostro server viene assemblato e configurato con il sistema operativo da noi indicato (Linux openSuse 10.3) nel giro di 2 giorni dall'efficentissimo staff di Aruba. Questi però non ci chiedono come partizionare il file system e procedono di testa loro nell'installazione di tutto il sistema su una sola partizione. Ora, come chiunque abbia un minimo di competenze nella gestione di un server Linux saprà: questa situazione era inaccettabile in termini di sicurezza del sistema.
Noi però, invece che contattare lo staff di Aruba, testardemente decidiamo di fare da noi e di modificare lo spazio di partizionamento con una procedura studiata e mai testata........ovviamente non funziona......ovviamente blocchiamo completamente il nostro server che nemmeno si accende più!
Contattiamo l'assitenza di Aruba immediatamente, la quale ci comunica che per ottenere un interevento di manutenzione straordinaria abbiamo bisogno di pagare la modica cifra di 100€ oltre all'allungamento del contratto di 1 mese almeno. Partono le proteste, e dopo NUMEROSE telefonate ed email raggiungiamo un compromesso:
  • loro ci installano sulla macchina un lettore cd e mettono dentro il cd di installazione del sistema operativo. Noi mediante uno switch KVM dobbiamo procedere ad installare da casa il tutto entro 6 ore.
Affare fatto e sistema installato e configurato in tutti i suoi aspetti come a noi gradito! Meglio di così non poteva andarci.
 
Ovviamente però per gestire un server remoto c'è bisogno di un servizio che si chiama Secure Shell che è la causa del 99% degli attacchi che gli hacker effettuano su un server. E siccome noi non vogliamo farci mancare niente: anche noi troviamo i nostri hacker che decidono di bersagliare il nostro server. Per pura forutna non riescono a forzare il sistema, e quando ci rendiamo conto di quello che stà accadendo parte una urgentissima fase di progettazione e messa in sicurezza con un pò di trucchetti del nostro server. Tutto ok, tranne il fatto che tutto questo è successo a Pasqua!!!!!
 
Finita questa ondata di sfiga possiamo cominciare a dedicarci alle attività "normali" che avevamo previsto, prime tra tutte la necessità di mettere in regola noi stessi formalizzando i nostri miseri contratti di lavoro! 
 
Inoltre è in questo periodo che prepariamo e prendiamo parte al Principi Attivi Camp.
 
Le altre attività che abbiamo sostenuto in questo frangente sono state:
  • la realizzazione del progetto della piattaforma che avremmo poi realizzato
  • la formalizzazione in schemi e diagrammi di tutto il progetto, che allegheremo poi alla rendicontazione
  • la scelta delle informazioni che tratteremo nell'implementazione del portale attivo per il turismo in Puglia e delle sorgenti da cui reperirle. In particolare in questa fase è stato necesario esplorare il Web a mano per individuare quali fossero i siti Web da esplorare con i nostri processi automatici al fine di recuperare i dati nelle fasi di esplorazione.  
Inoltr, una grossa ed importante attività che abbiamo realizzato in questo periodo di tempo è stata: la progettazione ed implementazione del nostro sito Web pubblicitario. Questo è stato poi messo in linea all'indirizzo: www.myhermessrl.com.
 
Ciao a tutti e ci vediamo alla prossima,
 
 

 
 
Letto 1854 volte Ultima modifica il Mercoledì, 16 Settembre 2009 13:05

Progetto collegato

tutte le news