Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

MB su SKy.it

11 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Municipale Balcanica, dalla Puglia al resto del mondo

Nata come orchestra di paese, la formazione pugliese è oggi tra le band folk italiane più apprezzate all’estero e può vantare collaborazioni con gruppi come la Kocani Orkestar. Leggi l’intervista

07 settembre, 2009
La Municipale Balcanica  
di Marco Agustoni
La Municipale Balcanica affonda le proprie origini nel paesino pugliese di Terlizzi, dove alcuni degli attuali componenti suonavano nella banda tradizionale. L’incontro-scontro con l’immigrazione dall’Europa dell’Est è forte, però, e così questi giovani si aprono alle più svariate influenze. Nasce la Municipale Balcanica, formazione folk che si fa apprezzare in Italia e all’estero, soprattutto per l’energia dei propri live, e che l’anno passato ha pubblicato il disco Road to Damascus. Ci parla di questo e altro Raffaele Tedeschi, voce e chitarra del gruppo.
Questa chiacchierata nasce dall’intervista con il fonico Antonio Porcelli, che vi ha segnalato tra le realtà più interessanti della musica pugliese. L’essere originari della Puglia ha influenzato il sound della Municipale Balcanica?
La nostra musica è fortemente caratterizzata dal nostro paesino di provenienza, Terlizzi, nella provincia di Bari, perché il nucleo del nostro gruppo viene dalla banda tradizionale di paese. E questi ragazzi, che suonavano nella banda sin dai 7 o 8 anni, hanno cominciato a diventare più curiosi nei confronti delle melodie che cominciavano ad arrivare tramite gli immigrati, dai Balcani e dall’Albania. Così, questa banda di paese abituata alle musiche classiche e sintetiche si è aperta nei confronti delle melodie molto più fluttuanti tipiche di quei luoghi. Non c’è stato niente di costruito a tavolino, abbiamo semplicemente ascoltato l’aria che si respirava nel nostro paese. L’incontro di culture, il suonare assieme ad altri musicisti, tutto questo ha fatto nascere il suono che ci caratterizza, a metà tra quello esotico di quei posti e quello compatto della banda tradizionale.
La vostra musica vi ha portato a uscire dalla Puglia e dall’Italia e a girare il mondo: come siete stati accolti oltreconfine?
Siamo molto contenti del riscontro avuto all’estero. Il nostro cd è stato ascoltato fino in Australia e negli Stati Uniti. Poi, sul piano live abbiamo avuto modo di girare l’Europa e l’accoglienza è stata ottima. Dal vivo diamo il meglio di noi, anche perché portiamo in giro una cultura particolare, quella della festa: la banda per tradizione favorisce l’incontro e anche nelle situazioni più sofisticate la gente si è lasciata andare e ha cominciato a ballare. Tra l’altro, abbiamo notato un’attenzione alla nostra musica come vero e proprio evento culturale.
Il vostro ultimo disco si intitola Road to Damascus. E sulla strada per Damasco, voi cosa avete trovato?
Il disco contiene brani diversi dai nostri precedenti, che erano pieni di energia, sovraccarichi. Grazie anche alle nostre esperienze all’estero, suonando con altri musicisti, abbiamo avuto tante piccole “rivelazioni” da cui è derivato un cambio di rotta verso la sintesi. La nostra energia non si disperde più come prima, ma viene anzi incanalata in tante direzioni.
Su MySpace citate tra le vostre influenze vari artisti, dai Gogol Bordello a Rino Gaetano passando per la Kocani Orkestar. Un ricco bagaglio a cui attingere…
Sì, ma tra l’altro non citiamo che in fondo le influenze maggiori provengono sia dal jazz, sia soprattutto dalle bande tradizionali di paese, che noi spesso seguiamo, perché sono il mezzo principale per scoprire i suoni che caratterizzano il meridione e la Puglia. Per non citare poi i vari gruppi metal, che più del suono hanno influenzato l’approccio al live, specie nella sezione ritmica.
A ottobre avrete modo suonare a Foggia proprio con la Kocani Orkestar: come è nata questa collaborazione?
Loro sono gli ambasciatori del suono balcanico in tutta Europa. Li abbiamo ascoltati da sempre come fan, poi circa due anni fa abbiamo avuto modo di suonare con loro, in un bellissimo spettacolo per il festival Klezmer di Moni Ovadia, ad Ancona. Abbiamo passato un’intera settimana in una masseria a preparare il live con loro, eravamo circa trenta musicisti! Avere la possibilità di passare del tempo con loro è una grande lezione, perché sono un punto di riferimento per l’amore nei confronti della musica: praticamente stanno zitti con gli strumenti solo quando mangiano, altrimenti suonano in continuazione. Questo ci ha fatto amare ancora di più i nostri strumenti.
La vostra band è anche un’associazione culturale…
La Municipale nasce come associazione culturale perché all’inizio ci occupavamo anche di promuovere concerti ed eventi culturali nel nostro paese. Abbiamo dato vita a festival in un posto dove comunque non è facile organizzare eventi. Tutt’ora siamo impegnati per la promozione della vita culturale del nostro paese.


http://mag.sky.it/mag/musica/2009/09/01/intervista_municipale_balcanica.html

MB citata da Antonio porcelli http://mag.sky.it/mag/musica/2009/08/07/puglia_in_musica.html
Letto 2058 volte

Progetto collegato

tutte le news