Stampa questa pagina

INIZIAMO DAI GIOVANI E DAL LORO MONDO LA “LOTTA” ALLA VIOLENZA!

05 Set
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Non tutto ciò che viene affrontato può essere cambiato, ma niente può essere cambiato finchè non viene affrontato”

(J. Baldwin)

 

 

 

Il Centro Antiviolenza “RiscoprirSi…” presenta i cataloghi progettuali per gli studenti, le famiglie e i docenti delle scuole presenti sul nostro territorio.

Obiettivo è svolgere una campagna di sensibilizzazione contro la violenza, principalmente quella rivolta a donne e bambini.

La azioni di sensibilizzazione sono rivolte a un pubblico specifico e mirato attraverso attività di informazione e soprattutto formazione indirizzata ai minori e agli adolescenti, che purtroppo spesso sono spettatori, autori o vittime di violenza, ma anche alle loro famiglie e alle scuole, che hanno un ruolo importantissimo per la loro educazione e la loro crescita, personale e professionale.

L’idea di partire con la sensibilizzazione degli studenti nasce dalla consapevolezza che “i giovani di oggi, sono gli uomini del domani” e che è appunto su di essi che bisogna INVESTIRE.

Pertanto i diversi progetti che proponiamo permetteranno di iniziare a discutere, problematizzare il fenomeno “violenza” a vari livelli, a capire come essi percepiscono tale fenomeno, oltre che intervenire in maniera mirata nelle situazioni che lo richiederanno.

Tutto questo permetterà a tutti gli attori presenti nelle scuole (studenti, famiglie, docenti, ecc.) di ricevere e promuovere un’educazione volta al “sapere, saper essere e saper fare”; oltre che iniziare a promuovere una cultura basata sulla non-violenza, sul dialogo e sul confronto.

 

 

Poiché riteniamo che in passato pochi o nulli sono stati i tentativi di problematizzare, discutere e/o intervenire sul fenomeno “violenza”, e che sopratutto per promuovere un vero cambiamento sia necessario agire in modo graduale, continuativo e sistematico, intendiamo partire nelle scuole con progetti-percorsi che siano poco invasivi, che abbiano lo scopo di promuovere l’educazione ai sentimenti, la gestione dei conflitti e l’accettazione e il rispetto delle differenze, germogli per lo sviluppo di atteggiamenti e modi di vivere non violenti nella società, per poi intervenire in modo specifico.

 

Sappiamo che per fare tutto questo sono necessarie enormi energie, ma vogliamo farlo, abbiamo deciso di farlo e continueremo a farlo fino a quando ne avremo la possibilità e fino a quando qualcuno continuerà a credere nella possibilità che “le cose possano cambiare!”.

 

 

Il Centro Antiviolenza “RiscoprirSi…” si costituisce come Associazione di Promozione Sociale il 19/02/09 ed inizia le attività il 15/06/09.

Esso nasce dall’incontro di diverse professionalità che intendono unire le proprie conoscenze e competenze per far fronte al sempre più crescente e dilagante fenomeno della violenza che riguarda soprattutto le donne e i minori.

Tale progetto è vincitore del bando “Principi Attivi: giovani idee per una Puglia migliore” pubblicato dalla Regione Puglia, Assessorato alla Trasparenza e alla Cittadinanza Attiva, nell'ambito del Programma Regionale per le Politiche Giovanili “Bollenti Spiriti” e dell'accordo di Programma Quadro “Giovani idee per una Puglia migliore”, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 85 del 29/05/2008, per l’ambito di intervento concernente l’inclusione sociale e la cittadinanza attiva.

 

Il progetto è nato da un’attenta analisi del contesto sociale e del contesto istituzionale, pubblico e privato, che si occupa di analisi, prevenzione e realizzazione di interventi a livello sociale, sia micro che macro relativamente al fenomeno della violenza e dell’anti-violenza.

La violenza, sopratutto sulle donne e i minori, non è un’emergenza, ma è un problema sociale, e come tale va affrontato a diversi livelli.

 

 

 

La violenza contro le donne e le/i bambine/i, fenomeno che ha attualmente raggiunto nel mondo proporzioni quasi endemiche, si consuma soprattutto all’interno delle mura domestiche.

La violenza domestica (abusi e maltrattamenti, specialmente in ambito familiare), la violenza sessuale, o anche la violenza (in aumento in certi gruppi di immigrati che lontani dal tentare un’integrazione nel tessuto socioculturale italiano, tentano invece di replicare i modelli familiari e di clan caratteristici delle società di origine) per motivi cc.dd. “di onore” o per motivi culturali legati all’appartenenza ad un gruppo etnico, razziale o religioso (come è il caso delle mutilazioni genitali femminili), produce effetti fisici e psicologici gravi.

 

Il Centro si occupa di portare avanti le seguenti attività:

  • gestione delle emergenze,
  • ascolto telefonico 24 ore su 24 (0883/764901-380/3450670),
  • attività di sportello (lunedì 09:00-13:00, martedì e giovedì 15:00-19:00),
  • sostegno psicologico e counselling individuale e di gruppo,
  • percorsi volti al potenziamento di autonomia e di autostima,
  • creazione di progetti individualizzati,
  • promozione della rete tra i diversi servizi del territorio,
  • assistenza legale,
  • formazione, sensibilizzazione e prevenzione,
  • attività di ricerca sul complesso fenomeno della violenza.

 

Sono garantiti: ANIMATO, RISERVATEZZA e GRATUITÁ.

 

Le attività sono realizzate in collaborazione con:

  • Regione Puglia,
  • Comune di Andria (in particolare Assessorato alla Sicurezza e ai Rapporti con le forze dell’ordine, Assessorato alle Politiche Giovanili, Assessorato alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, Assessorato ai Servizi Sociali, Assessorato alle Pari Opportunità),
  • Dipartimento di Scienze Statistiche della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università degli Studi di Bari,
  • Agenzia per l’Inclusione Sociale,
  • ASL-BAT,
  • AISSF – Associazione Italiana Scienze Sociali Forensi,
  • Centro Antiviolenza “Giulia e Rossella”,
  • Centro Risorse contro la dispersione scolastica e la frammentazione sociale in zone ad alto rischio di criminalità.

 

E’ possibile sostenere l’Associazione mediante donazione e/o tesseramento (solo le donne) al costo di € 20,00 all’anno.

 

 

Le socie

 

e la Presidente

Dott.ssa Patrizia Lomuscio

 

 

 

Letto 2137 volte