Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

PROGETTO “IL LAVORO NEL MIRINO” - Associazione “CAMBIA IL VENTO”

05 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

PROGETTO “IL LAVORO NEL MIRINO”

Associazione “CAMBIA IL VENTO”

 

 

Scopo dell’Associazione “CAMBIA IL VENTO” è quello di realizzare una mappatura dei servizi, disservizi e delle opportunità del territorio offerte ai cittadini in generale, ed ai soggetti diversamente abili in particolare.

L'Associazione non ha alcun fine di lucro ed opera per fini ricreativi, solidaristici e culturali per l'esclusivo soddisfacimento di interessi collettivi.

 

Il progetto “IL LAVORO NEL MIRINO” nasce per realizzare nel nostro territorio esperienze associative, finalizzate all’inserimento lavorativo dei diversamente abili, già sperimentate con successo in altre Regioni. Il progetto è dunque realizzabile in ogni suo aspetto e pone come suo fondamento la tutela e valorizzazione delle professionalità dei diversamente abili.

ll valore e il significato dell'iniziativa si basano sulla convinzione che la disabilità non debba essere concepita come una limitazione rispetto a concrete opportunità di inserimento lavorativo e sociale.  

Nella Provincia di Bari, il progetto “il lavoro nel mirino” potrà diventare un importante e necessario punto d’incontro tra aziende e diversamente abili e porre un argine all’alta percentuale di disoccupazione dei diversamente abili nella nostra Provincia.

Sul piano economico, il progetto potrà godere di finanziamenti pubblici ma anche in futuro di contributi da parte di privati, associazioni, fondazioni, società, ecc.

L’adesione al progetto “il lavoro del mirino” verrà contestualmente proposta al maggior numero possibile di associazioni, enti, cooperative, aziende ed è stata accolta con favore già da numerosi giovani e molti diversamente abili della Provincia, che renderanno l’iniziativa sempre più attiva e dinamica sul territorio.

La proposta di dare un contributo all'inserimento nel mercato del lavoro dei diversamente abili nasce quindi dall'esigenza di porre un rimedio alle gravi difficoltà che incontrano le c.d. “fasce deboli” nel momento in cui cercano di entrare nel mondo del lavoro.  Come, infatti, è stato ribadito tra l'altro dal prof. Tommaso Daniele, Presidente dell'Unione italiana ciechi ed ipovedenti (UIC) “ , seicentomila disabili sono iscritti nelle liste di collocamento mirate, 400 mila soltanto al Sud. Il loro tasso di disoccupazione sfiora il 70 %, contro quello ordinario del 5,6 % .” ( Corriere della sera del 16 gennaio 2008  “I disabili e le barriere: senza lavoro 7 su 10” ).

Le difficoltà che i diversamente abili incontrano nella ricerca di un lavoro sono state più volte evidenziate. Tra le analisi del tema, ricordiamo quella emersa nel “Documento Finale” della “Conferenza  regionale sulla disabilità” , dal titolo “Diritti della persona, pari opportunità, qualità sociale - L'inserimento scolastico e lavorativo del diversamente abile”, tenutasi a Bari il 14 e 15 gennaio 2005, in cui vengono rilevate tre barriere che ostacolano l'inserimento lavorativo dei diversamente abili. La prima barriera è originata da processi di caratteri socioeconomici che limitano l'offerta di lavoro in particolare nel Mezzogiorno. La seconda barriera è quella che colpisce particolarmente le donne e ne determina una percentuale di disoccupazione più alta. Essa è generata da differenti visioni, tempi di lavoro e stili di vita. La terza barriera colpisce le c.d. “categorie svantaggiate” ed in particolar modo i diversamente abili in quanto figlia di pregiudizi e preconcetti. Il progetto “Il lavoro nel mirino” è volto a rimuovere soprattutto quest'ultima barriera attraverso la valorizzazione delle professionalità dei diversamente abili e un'azione di stimolo nei confronti dei datori di lavoro. Per il raggiungimento di questo obiettivo, sono previsti servizi di orientamento finalizzati all'inserimento mirato e la promozione di un percorso formativo dei diversamente abili coinvolti al fine di creare un ponte tra diversamente abili e mondo del lavoro. Al fine di realizzare l'inserimento mirato, gli operatori si impegneranno a valutare adeguatamente le persone con disabilità con riferimento alle loro capacità lavorative per inserirle nel posto più adatto, attraverso un'analisi dei posti di lavoro.  

Il cuore del progetto è costituito da un portale In particolare internet per creare un punto d'incontro tra aziende e diversamente abili. La costituzione dello stesso permetterà di raccogliere in maniera sistematica i curriculum vitae e i dati di aziende e diversamente abili in banche-dati appositamente studiate ed architettate. La creazione del sito internet, inoltre, consentirà anche di poter rispondere ad un'esigenza di informazioni sui temi riguardanti la disabilità, sul piano sociale, legislativo e possibilmente anche dal punto di vista medico ed educativo. In particolare, i c.d. “dati sensibili” ( grado d'invalidità, patologia,disabilità, autonomia, ausili utilizzati, sostegni per l'inserimento lavorativo) non verranno forniti a nessun soggetto, azienda o cooperativa, ma verranno conservati e custoditi ai sensi della legge sulla privacy. La pubblicazione dei CV sarà possibile per i diversamente abili iscritti alle liste  di collocamento speciale ai sensi della legge 68/1999. I diversamente abili, in questo modo, avranno l’opportunità di essere contattati da Aziende e Cooperative sociali, che potranno, previa registrazione, visionare i curriculum dei diversamente abili ed individuarli mediante un codice identificativo. D’altro canto, in un’altra sezione del portale, le Aziende potranno presentare le offerte di lavoro per i disabili e le proposte di commesse, ai sensi dell’art. 14  D.Lgs. 276/2003, per le Cooperative sociali. Le loro proposte saranno visionabili on line sul portale al fine di creare un contatto tra aziende e disabili che si candidano per eventuali assunzioni. In questo modo, gli operatori di “il lavoro nel mirino” potranno verificare ed esaminare le informazioni fornite dall'azienda e attivarsi nella ricerca del candidato più idoneo, esaminando i criteri professionali e psico-fisici di ognuno, per proporre all'azienda i diversamente abili con caratteristiche che corrispondano alle esigenze richieste.  In una ulteriore sezione, gli Enti di formazione professionale potranno presentare i loro Corsi che diventeranno, così,  visionabili on line. Anche in questo caso, i diversamente abili, attraverso il portale, avranno l’opportunità di approfondire la loro formazione e  contattare  Aziende e Cooperative sociali per realizzare corsi e stage.

Ulteriore servizio dedicato ai diversamente abili è costituito da un percorso di orientamento professionale finalizzato ad un inserimento lavorativo mirato. Infine, verrà data la possibilità ai diversamente abili di contattare gli operatori del progetto “il lavoro nel mirino” per proporsi a determinate aziende di loro interesse. In tal caso, gli operatori di “Il lavoro nel mirino” invieranno la candidatura all'azienda prescelta, in modo tale da creare un contatto con il diversamente abile. 

Il progetto “il lavoro nel mirino” intende attivare una rete di partnership che tenda a raggiungere sia le aziende sia i diversamente abili promuovendo partnership con enti, aziende e cooperative che istituiscono corsi di formazione per diversamente abili.

 

Per ulteriori informazioni/approfondimenti contattare il riferimento e-mail di seguito riportato:

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Letto 2575 volte Ultima modifica il Sabato, 05 Settembre 2009 20:03

Progetto collegato

tutte le news