Stampa questa pagina

Programma “Europa per i cittadini”: invito a presentare proposte

27 Ago
in NEWS DALLA RETE


L’EACEA – Agenzia Esecutiva Educazione, Audiovisivi e Cultura della Commissione Europea ha indetto un bando per collaudare e sviluppare programmi di scambio transnazionali innovativi al fine di creare partenariati di lunga durata tra organizzazioni della società civile.

L’invito a presentare proposte si basa sulla decisione del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce, per il periodo 2007-2013, il programma «Europa per i cittadini» mirante a promuovere la cittadinanza europea attiva. In particolare il presente bando fa riferimento all’Azione 1, Misura 1.6 del Programma, ovvero Azioni innovative «cittadini attivi per l’Europa».

I progetti finanziati nel quadro di questo invito a presentare proposte dovranno contribuire ai seguenti obiettivi:
a) elaborare e collaudare nuove forme di mobilità transnazionale tra organizzazioni della società civile;
b) promuovere l’idea di una collaborazione transnazionale sotto forma di attività di consulenza tra organizzazioni della società civile;
c) sostenere metodologie progettuali innovative in relazione alla mobilità e alla consulenza transnazionali tra organizzazioni della società civile.

In particolare, i progetti dovranno prevedere una o più delle seguenti tematiche prioritarie:
- Futuro dell'Unione Europea e suoi valori fondamentali
- Cittadinanza Europea attiva: partecipazione e democrazia in Europa
- Dialogo interculturale.
- Benessere dei cittadini in Europa: occupazione, coesione sociale e sviluppo sostenibile
- Impatto delle politiche dell'UE nelle società

Possono presentare proposte tutte le organizzazioni della società civile senza fini di lucro dotate di personalità giuridica: ONG, federazioni, associazioni, sindacati, organizzazioni o piattaforme ombrello a livello comunitario o loro membri nazionali, che abbiano la capacità di elaborare questo genere di programmi di mobilità in maniera strutturata e sistematica.

Un progetto deve interessare organizzazioni di almeno due paesi ammissibili (i 27 Stati membri, la Croazia, la Macedonia e l’Albania), dei quali almeno uno sia uno Stato membro dell’Unione europea.

Il contributo europeo non può eccedere l’80 % dell’importo totale dei costi ammissibili. La sovvenzione deve essere compresa tra un importo minimo di 75.000 euro e uno massimo di 150.000 euro.

La scadenza per la presentazione delle candidature è il 30 settembre 2009.

Per maggiori informazioni e per scaricare la modulistica necessaria alla candidatura vi invitiamo a consultare il sito del bando.

 

Letto 2244 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Agosto 2009 17:41