Stampa questa pagina

Bando europeo per favorire l'inclusione dei rom

27 Ago
in NEWS DALLA RETE

La Commissione Europea - DG Politica Regionale, per dare applicazione al progetto pilota denominato "Coordinamento a livello paneuropeo dei metodi di integrazione dei rom - Inclusione dei rom", ha indetto un bando destinato a sostenere approcci innovativi ed integrati volti ad affrontare i problemi multidimensionali che incontrano le comunità rom.
Il bando mira a favorire l'inserimento dei rom attraverso attività educative, sociali ed economiche, la cooperazione transfrontaliera e lo scambio di buone pratiche.

L’invito è a presentare proposte su uno dei seguenti settori di intervento:
- servizi di istruzione e di assistenza della prima infanzia;
- attività autonoma e microcredito;
- diffusione di informazioni e sensibilizzazione.

Possono presentare proposte (anche in partenariato) organizzazioni senza scopo di lucro ed organismi pubblici di uno dei 27 Stati membri dell'Unione Europea.

Le risorse disponibili e la durata dei progetti sono così suddivisi:

  • Servizi di istruzione e di assistenza della prima infanzia: il contributo comunitario sarà assegnato ad un unico candidato per un importo massimo di € 2.000.000 e non potrà rappresentare più del 95% dei costi ammissibili. La durata del progetto dovrà essere compresa fra 12 e 24 mesi.
  • Attività autonoma e microcredito: il contributo comunitario sarà assegnato ad un unico candidato per un importo massimo di € 1.500.000 e non potrà  rappresentare più del 90% dei costi ammissibili. La durata del progetto dovrà essere compresa fra 12 e 24 mesi.
  • Diffusione di informazioni e sensibilizzazione: il contributo comunitario sarà assegnato ad un unico candidato per un importo massimo di € 1.000.000 e non potrà rappresentare più del 90% dei costi del progetto ammissibili. La durata del progetto dovrà essere compresa fra 12 e 18 mesi.

Le candidature devono essere inviate alla Commissione entro e non oltre il 25 settembre 2009.

Per maggiori informazioni sul presente bando vi invitiamo a consultare il sito della Commissione Europea.

 

Letto 2318 volte Ultima modifica il Giovedì, 27 Agosto 2009 17:00