Stampa questa pagina

ACCADEMIA DELLA STRADA

30 Ott
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il progetto Accademia della Strada ha permesso di attivare all’interno del Salento Fun Park corsi e attività ricreative in grado di soddisfare le esigenze di diverse fasce d’età.

Rimanendo fedeli alla storia tracciata dal Laboratorio negli anni, abbiamo offerto un corso gratuito di Street Art e un corso di Skateboard.

Il corso di Street Art è stato seguito principalmente da adolescenti che frequentano abitualmente il Laboratorio e ha permesso loro di acquisire non solo informazioni di carattere tecnico, bensì di entrare nel vivo della Street Art osservando i graffiti che colorano la nostra città (anche quelli di nomi importanti come Millo), con l’obiettivo di contestualizzarli storicamente, di confrontarli e comprenderli avendo a disposizione materiale bibliografico sull’argomento. Durante l’iniziativa “Screcci a parte” un grande pannello è stato trasformato in un mosaico di disegni, rappresentativo di una moltitudine di tecniche ed espressioni artistiche, realizzato con la supervisione dell’insegnante di Street Art

.                                            

Il corso di Skateboard, reso possibile dall’acquisto di tavole professionali e da caschi e protezioni per tutte le età, è seguito principalmente da bambini e adolescenti. Oltre alla soddisfazione di vedere bambini molto piccoli imparare ad utilizzare lo skate, il corso ha permesso ai genitori che accompagnavano i piccoli corsisti di far ingresso (spesso per la prima volta) nel Salento Fun Park e di venire a conoscenza delle attività e iniziative proposte. In alcuni casi si sono fatti essi stessi promotori di iniziative, è il caso per esempio dei tornei di burraco che hanno goduto di una diffusa partecipazione.       

Il corso di Zumba è seguito da donne adulte. Per un periodo del progetto tale attività si teneva tre volte a settimana. Le frequentatrici hanno avuto modo di conoscersi e sono diventate un gruppo affiatato. A fine lezione capita spesso che si trattengano nel SFP, avvertendolo come uno spazio familiare e accogliente.

 

Ci siamo occupati, oltre di proporre corsi e attività, di rendere il Salento Fun Park un luogo dove è possibile far sempre qualcosa: l’acquisto dei canestri dall’altezza regolabile, il tavolo da ping pong, i sacchi da boxing, l’impianto da tennis e pallavolo, materiale di diverso tipo (giochi, skates, palle, freccette, nastri, attrezzi da aerobica, etc..) ma anche libri di Street Art, sono lì a disposizione di tutti, utilizzabili gratuitamente da chiunque frequenti il SFP. Questo rappresenta un punto importante, a nostro avviso, perché permette di vivere il laboratorio e di percepirlo come uno spazio stimolante, dove c’è sempre qualcosa da fare.

 La ripartizione degli spazi interni al capannone, attraverso librerie e separé, ha consentito di poter avere la giusta privacy durante le attività e ci ha permesso nell’ultimo mese di allargare l’offerta, inserendo un corso di yoga e di pilates, ma anche di mantenere in funzione il punto ristoro contemporaneamente allo svolgimento dei corsi.  

Il Salento Fun Park è stato oggetto nelle stagioni primaverili ed estive di lavori di ristrutturazione finanziati dal bando “Laboratori in Rete”. In questi mesi non è stato dunque possibile avere accesso alla struttura e abbiamo provveduto a proseguire parte delle attività negli spazi della città disponibili o noleggiando un pulmino e accompagnando gli skaters nello skate-park di Tuturano.

Dopo la riapertura abbiamo organizzato una festa di quartiere coinvolgendo realtà associative e proponendo attività finalizzate all’incontro: dal torneo di ping pong all’americana, ai giochi di socializzazione coordinati da un esperto di teatro sociale, dagli arredi disposti in modo tale da formare lunghe tavolate, al buffet preparato dagli ospiti dello Sprar, oltre che musica, karaoke, etc. Qui si è favorita l’integrazione sociale, la conoscenza sia dei residenti dello stesso quartiere, ma anche di cittadini provenienti da paesi lontani come gli ospiti dello Sprar. Inoltre tutte le attività che erano state sospese, sono state riprese e aggiunte di nuove.

Oggi al SFP sono attivi 4 corsi frequentati in totale circa da 40 persone tra adulti e bambini, quotidianamente tutte le attrezzature sono a libera disposizione di chiunque voglia utilizzarle.

Così un cospicuo numero di ragazzi si reca ogni giorno al SFP dove fra una partita a ping pong e una gara di skate (in totale sicurezza ) non c’è spazio per la noia.  


 

 

Letto 882 volte Ultima modifica il Martedì, 31 Ottobre 2017 09:54

Video