Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Questo è il seme che permette ad uno spazio di diventare un luogo.

09 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

La trasformazione di uno spazio, di un quartiere e anche di una città passa attraverso la propria trasformazione.
Quando in questi spazi crei delle relazioni, dal più piccolo di questi legami magicamente nasce un segnale che disegna nuovi scenari improvvisi, nuovi percorsi circolari che generano un cambiamento dentro te stesso e creano di fatto la vera politica “mainstream” sull’innovazione sociale. Questo è il nostro significato di rigenerazione urbana.
Dopo due anni di duro lavoro nel nostro paese, oggi siamo convinti più che mai che il Laboratorio Urbano MAT, come tutti i laboratori urbani pugliesi, vanno affidati alla collettività che vuole produrre lavoro, che si adopera “con le mani”, che ne ha cura, che cerca di sviluppare, attraverso le singole competenze e il fare comune, meccanismi che generano aggregazione, relazioni, opportunità ed economie. Questi spazi devono essere messi nelle condizioni di liberare le energie dirompenti dell’innovazione vera per produrre valore e non essere un peso per la comunità. Questi spazi sono una grande risorsa, sono luoghi pensati per la libera fruizione, per lo svago, per incontrarsi, ma soprattutto luoghi per imparare, luoghi di fiducia.
 

Finalmente, on determina dirigenziale del 28/02/2017, si ufficializza l'inizio delle procedure di bando per l’affidamento del laboratorio urbano MAT di Terlizzi e contestualmente viene affidato lo spazio temporaneamente alle associazioni Collettivo Zebù, Officina di strada e Laboratori Tanè fino all’assegnazione definitiva del vincitore della gara. 

"La decisione pubblicata dal Comune di Terlizzi esclude ufficialmente il rischio di chiusura del Laboratorio Urbano e affida alle tre Associazioni la responsabilità di garantire la continuità dei servizi e dei processi di comunità già attivati: una sala studio gratuita, percorsi di formazione (teatrale, cinematografica, artigianato, musicale, …), una sala prove e studio di registrazione per band del territorio, un laboratorio di falegnameria, un laboratorio di serigrafia nato dalla partecipazione e dalla vincita del bando regionale "Mettici le Mani". 

L'affidamento temporaneo è stato determinato sulla base del processo di apertura verso il territorio e del percorso di sviluppo dello spazio avviato in questi ultimi anni che di fatto ha visto, innegabilmente, il coinvolgimento di numerose risorse in termini di professionalità e la grande partecipazione giovanile rilanciando e rendendo il laboratorio urbano terlizzese uno dei centri culturali più attivi.

Il Mat potrà continuare nei prossimi mesi ad essere una risorsa disponibile e accessibile alla comunità giovanile terlizzese e non solo, se pur con alcune limitazione derivanti da un affidamento temporaneo.

"Il periodo di transizione che porterà all'assegnazione ufficiale del futuro gestore del Laboratorio urbano sarà per noi  un momento molto importante  per progettare il futuro del Mat in funzione di una nostra diretta partecipazione al bando di gara. In questo periodo studieremo i possibili sviluppi dei processi di partecipazione già attivati e pianificheremo nuove progettualità e attività che possano rendere lo spazio sempre più un efficace mezzo per rispondere alle esigenze del territorio in termini di formazione, inclusione sociale, produzione artigianale e svago creativo".

“Per esperienza diretta, sappiamo bene quanto importante è l'interazione e il coinvolgimento tra più soggetti per realizzare processi di sviluppo della struttura e garantirne la sostenibilità economica a fronte di un bando che affiderà al futuro gestore quasi totalmente gli oneri economici rispetto alla spese di gestione, alle utenze, alla manutenzione, alle progettualità da attivare e quant’altro. Di conseguenza, la coesione con le realtà territoriali, la progettazione condivisa, la conoscenza e lo studio dei mercati in cui questo incubatore di energie si posiziona sarà fattore imprescindibile di analisi per ciò che concerne il tema della sostenibilità. Grazie all'esperienza vissuta, alla conoscenza dello spazio e alle competenze acquisite in questi anni, oggi siamo in grado di elaborare un chiaro modello operativo di gestione e di sviluppo sostenibile della struttura. Partendo dall’esperienza e dai processi già attivati, siamo convinti che la sfida sulla sostenibilità economica del MAT deve necessariamente avere a che fare con l'attivazione di percorsi inclusivi e di partecipazione, con strategie di attivazione di progettualità virtuose, con la strutturazione di reti solide tra i tanti soggetti culturali attivi sul territorio e con la migliore capacità comunicativa che lo spazio potrà esprimere all'esterno rispetto alle future progettualità.

Un Laboratorio Urbano non deve essere considerato un eventificio. Un Laboratorio Urbano è un’esperienza di economia sociale che può trarre risorse per il proprio sostentamento da alleanze e scambi con gli attori pubblici e privati della comunità. Crediamo fortemente che le "imprese di comunità" come il Mat  possono essere potenti fattori di innovazione delle politiche urbane cittadine".

Questi spazi devono essere messi nelle condizioni di liberare le energie dirompenti dell’innovazione vera per produrre valore e non essere un peso per la comunità. Questi spazi sono una grande risorsa, sono luoghi pensati per la libera fruizione, per lo svago, per incontrarsi, ma soprattutto luoghi per imparare, luoghi di fiducia.”

3

Letto 101 volte Ultima modifica il Giovedì, 09 Marzo 2017 10:50

Video

Progetto collegato

tutte le news