Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

COSA ABBIAMO REALIZZATO E COME: IL PROGETTO

23 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

IN COSA CONSISTEVA IL PROGETTTO

Il progetto RITI E SUPERSTIZIONI NEL SALENTO DEL TARDO 800. TRADIZIONI IN SCENA vincitore di PrAtt2012 consisteva nel recupero e divulgazione della memoria storica di un antichissimo rito superstizioso-religioso, “la morte per giogo” (lu sciù), in uso nella società contadina salentina nel tardo Ottocento, mediante:

  1. la conduzione di una ricerca, condotta dal gruppo informale, sul recupero della memoria storica tramite fonti orali e d’archivio;
  2. la scrittura di un testo teatrale inedito ispirato da un saggio etno antropologico (G.Livraghi Verdesca Zain - 1994);
  3. la creazione di un laboratorio teatrale volto alla formazione di attori non professionisti, per la messa in scena del testo teatrale;
  4. la promozione dell’iniziativa;
  5. la messa in scena della commedia teatrale in prosa.

COSA ABBIAMO REALIZZATO

La realizzazione di quanto previsto in fase progettuale ha trovato puntuale esecuzione sia in termini di contenuti sia in termini temporali. Infatti è stata innanzitutto condotta una RICERCA volta alla rilevazione e ricostruzione della memoria storica legata alla superstizione dello “sciù”;

I risultati di tale ricerca, condivisi con il team di progetto hanno fornito il materiale di partenza per la CREAZIONE DI UN TESTO TEATRALE INEDITO.

Parte fondamentale del progetto è stato l’avvio di un LABORATORIO TEATRALE ESPRESSIVO, offerto gratuitamente, che ha consentito al gruppo di attori non professionisti di cimentarsi nella messa in scena del suddetto testo. Questa esperienza è stata estremante positiva, non solo per la crescita personale di ciascun partecipante ma per l’effetto inclusivo e coesivo dell’esperienza laboratoriale in sé. Il prodotto finale è stato un testo teatrale originale, complesso ed intenso, che attingendo a tradizioni arcaiche profondamente radicate nel territorio ha portato generato riflessioni su tematiche delicate ed attuali. La serata della prima dello spettacolo (20 luglio 2015) ha riscosso grande successo con un’affluenza significativa e feedback entusiastici da parte del pubblico. 

COME LO ABBIAMO REALIZZATO

Lo studio, la rilevazione ed l’analisi della memoria storica è stata condotta dal team di ricerca composto da un responsabile scientifico, tre rilevatori e due analisti. L’obiettivo era quello di recuperare nel territorio salentino il ricordo che gli anziani conservavano circa l’utilizzo improprio del giogo nelle famiglie contadine. Lo “sciù”, così come il giogo veniva comunemente denominato, era infatti utilizzato per via di antiche superstizioni locali, per agevolare la dipartita di un moribondo che faticava a spirare.

Al fine di recuperare queste antiche superstizioni ed usi laddove siano stati effettivamente impiegati, il team di ricerca ha provveduto a studiare dapprima la documentazione e la bibliografia esistente e successivamente a strutturare un’indagine campionaria di tipo etnografico per ampliare e/o confermare le informazioni storico-sociali ad oggi esistenti. Il campione selezionato è stato opportunamente strutturato secondo un piano di campionamento stratificato per fasce d’età, provenienza, sesso ed estrazione sociale. La modalità di rilevazione è stata di tipo face to face e condotta mediante un questionario con item a risposta aperta al fine di non ostacolare la libera espressione degli intervistati. I dati campionari sono stati successivamente sintetizzati ed archiviati in un data base.

La scrittura del testo teatrale è stata affidata ad un drammaturgo emergente, il quale ha seguito il team di ricerca in tutte le sue fasi ed appreso gli elementi storico-sociali ed etnografici su cui ha ideato, formulato e redatto in modo creativo l’opera inedita su cui hanno lavorato gli attori non professionisti della scuola di teatro. Il Laboratorio Teatrale SVEG, i cui partecipanti sono stati scelti previa selezione, ha affrontato temi legati al rapporto dell'attore con il corpo nello spazio come mezzo di identità personale e sociale conferendo ai partecipanti gli strumenti base per una consapevolezza ed una gestione del movimento e dell’utilizzo della voce appropriata al fine di valorizzare l’espressività comunicativa. Il laboratorio ha successivamente affrontato lo studio, la memorizzazione e la regia del testo teatrale inedito appositamente creato per il progetto vincitore di PrAtt2012.

Letto 721 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Settembre 2015 13:00

Progetto collegato

tutte le news