Stampa questa pagina

Un anno di "Scampagnata sostenibile"

06 Mag
Scritto da  in BLOG BOLLENTI SPIRITI
Vota questo articolo
(0 Voti)

In cosa consisteva (da formulario):

Nella proposta di progetto, presentata nell'ambito del bando "Principi Attivi 2012", si prevedeva la realizzazione di una stazione ricreativa di 6x6 mt circa comprendente:

- Piattaforma (Pallet e tubi di cartone)

- Gazebo (tubi di cartone)

- Copertura (PVC)

- 6 panche/tavoli (tubi di cartone)

- Forno da esterno a combustione pirolitica (lamiera)

- Essiccatoio per biomassa (Pallet e tubi di cartone)

- Sito internet divulgativo.

La location per l'installazione della piattaforma sarebbe dovuta essere individuata d'intesa con l'Ente, in un'area del Parco dell’Alta Murgia. Il gruppo e le partnership si sarebbero impegnate alla divulgazione dei principi del riciclo in ambito costruttivo e della pirolisi in campo energetico. Il progetto prevedeva la realizzazione di un sito web per di diffusione e comunicazione delle sperimentazioni avviate e per offrire il servizio di progettazione e realizzazione di nuove strutture e relativo verde di pertinenza.

Con la realizzazione del progetto, i componenti del gruppo informale avrebbero voluto contribuire ad un riassettamento del rapporto uomo/natura, incentivando con un modesto impulso la cultura del vivere in modo sostenibile. L’obiettivo primario fissato si intendeva essere di tipo educativo.

Inoltre, il progetto avrebbe avuto come obiettivi di medio termine, l’incremento del numero di visitatori del parco ospitante la struttura e la vendita, l'affitto o la concessione ad enti pubblici o privati di strutture similari, nonchè all’interessamento per l’inserimento dell’idea nei circuiti culturali da parte di istituti di istruzione e di formazione in genere.

Cosa abbiamo realizzato:

Le attività dell’Associazione hanno condotto all’effettiva realizzazione di:

La progettazione della struttura di ristoro, realizzazione di un prototipo di campata;
Progettazione e realizzazione di un tappeto;
Progettazione e realizzazione di una cuccia per animali;
Progettazione e realizzazione di generatori pirolitici sperimentali, documento di ricerca sulla Pirolisi e uso dei derivati del processo;
Progettazione e realizzazione di una struttura antivento per il generatore pirolitico;
Allestimento del laboratorio temporaneo di autocostruzione;
Progettazione e realizzazione di una postazione informatica;
Pubblicazione del sito web;
Istituzione rete partenariale ufficiale di collaborazione;
Evento "Pirolisi, riuso ed autocostruzione: energia dalla terra per la terra", 21 febbraio 2015 presso la Pinacoteca De Napoli in Terlizzi.

Come lo abbiamo realizzato:

La progettazione della struttura di ristoro e l’elaborazione dei piani costruttivi, lo studio virtuale delle deformazioni meccaniche e la realizzazione del prototipo di una campata, hanno coinvolto uno staff pluridisciplinare di giovani professionisti. Per mezzo di incontri tecnici, la struttura è stata progettata con la supervisione ed approvazione dell’Ufficio Tecnico dell’Ente Parco dell’Alta Murgia, e da una cuccia per animali, la cui elaborazione dei progetti e realizzazione del prototipo ha impiegato uno staff di professionisti e di artigiani locali. Stipulando nuovi partenariati l’Associazione si è dotata di collaboratori operanti nel campo delle lavorazioni manufatturiere, anche al fine del reperimento del materiale di scarto, autonomanente recuperato e lavorato nel laboratorio di autocostruzione, avviato a partire dalla pulizia di uno spazio concesso da un’Azienda agricola locale. L’allestimento del laboratorio di autocostruzione è stata effettuata per mezzo dei “working days”, appuntamenti di lavoro collettivo e partecipati con gli associati, i collaboratori ed i volontari.

Lo studio sulla Pirolisi, avvalendosi di fonti open source, è stato affrontato da un gruppo di giovani professionisti che hanno sperimentato la tematica affiancati da un ricercatore di “impianti aperti”, coinvolto in sostegno della realizzazione di un prototipo di stufa e relativa struttura antivento, costruito in evoluzione a diversi modelli fatti con materiali di scarto. Il gruppo di lavoro si è adoperato nella sperimentazione della carbonizzazione e del reimpiego dei derivati; i risultati delle ricerche e delle lavorazioni sono state raccolte in un documento di studio ed in una animazione 3D inerente la composizione ed il funzionamento del prototipo realizzato. Tutto il materiale prodotto è in fase di pubblicazione sul sito web, già pubblicato online. Tutte le elaborazioni grafiche e gran parte delle stampe, la progettazione e la produzione di documentazione, le attività di ricerca, la gestione amministrativa ed economica è stata praticata con l’ausilio di una postazione realizzata per l’occasione con materiali di scarto, corredata di tutto l’hardware informatico, operativa in uno spazio messo a disposizione dai soci. L’organizzazione dell’evento di presentazione finale avvenuto in Pinacoteca De Napoli a Terlizzi il 21 Febbraio 2015, ha visto protagonista l’Associazione che, in rete partenariale con Enti ed Imprese locali, ha presentato gli esiti delle attività per mezzo di presentazioni tenute da relatori operanti su scala internazionale.

Come proseguiremo

Al momento, l’Associazione  ha programmato per il 2015 la partecipazione ad una serie di eventi pubblici su scala regionale e nazionale inerenti le tematiche dell’innovazione, al fine di pubblicizzare le attività tutt’oggi in corso ed estendere i rapporti partenariali. Sono in attuazione le ricerche inerenti la pirolisi e l’uso del biochar, nonchè la sperimentazione sugli impianti di produzione termica a carbonizzazione. E’ in stesura un progetto di formazione da condividere con le scuole superiori d’ambito, alcune delle quali già positiviamente contattate (Agraria, chimico biologico, industriale, scuola professionali per l’artigianato). In cantiere è la realizzazione del laboratorio mobile di auto/costruzione per favorire le proposte e le lavorazioni da indotto, e l’acquisizione di nuovi utensili ed attrezzature per variegare le opportunità costruttive. L’Associazione è alla ricerca di una sede in luogo pubblico che possa avantaggiare la visibilità dei propositi e garantire le opportunità di implementazione progettuale e della rete di collaborazione. E’ in ultimazione la costruzione della struttura di ristoro che permetterà il sostanziale incremento in termini di pubblicizzazione delle attività grazie al suo utilizzo presso luoghi di pubblica fruizione, a  partire dallo stazionamento presso il Parco dell’Alta Murgia come già concordato con l’Ente. Per mezzo dell’apertura a nuovi collaboratori e volontari, l’Associazione cercherà di finalizzare ed ampliare organicamente gli obiettivi, anche rafforzando l’organico professionale interno tramite l’introduzione di nuovi soci e nuove idee.

Letto 977 volte Ultima modifica il Mercoledì, 06 Maggio 2015 15:42