Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Anna Flandin e i Bollenti Spiriti!

26 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 6 e 7 Marzo si è tenuta a Bari la fiera “Bollenti Spiriti Camp”. Durante questi due giorni l’associazione Link con tutto il suo staff composto da, Sante Perrucci, Ilaria Di Martino, Birgit Aztl, Mino Vicenti, Lucia Creanza e con la collaborazione dei volontari italiani, francesi e spagnoli, Filippo Serini, Teresa Martino, Vincent Quiniou, Mélissa Biabiany, Anna Flandin e Maria Yusta ha partecipato per presentare le attività dell’Associazione con i vari progetti di Scambi Giovanili e Servizio Volontariato Europeo. Questa è stata un’occasione divertente e molto stimolante per fare conoscenza delle altre associazioni e fare incontrare idee, progetti, e imprese giovanili pugliesi. Con più di venti convegni e workshop, 50 laboratori, 12 'startup lab' e 150 espositori le diverse associazioni hanno presentato le proprie idee in vari ambiti come Arte e Cultura, Scienza, Alimentazione, Ambiente e Sostenibilità, Musica e Tecnologia: un programma pieno e vario insomma.

E’ stato molto divertente per Vincent e me fare dei questionari in veste di volontari su i progetti europei a ragazzi presenti in fiera con la loro scuola, parlare con loro e vedere che tutti si interessavano alla nostra esperienza qui e volevano avere più di informazioni per fare un’esperienza all’ estero. Molti sono andati dopo allo stand di Link per prendere informazioni e parlare delle diverse opportunità di viaggio. Abbiamo anche provato un prototipo di bicicletta sostenibile fatta interamente di bambù. L’idea sembrava un po’ pericolosa però è stata un bella sorpresa vedere che il bambù è un materiale molto solido, la bicicletta era bellissima, comoda e veloce! Abbiamo anche fatto un’esperienza un po’ particolare su i sogni: c’era un associazione che studia molto  il mondo dei sogni e per farsi conoscere ha creato un programma sonoro che è simile a un sogno. Quindi, eravamo con gli occhi bandati e le cuffie sulle orecchie e ascoltavamo questi rumori che ci introducevano nel mondo del sogno. All’ inizio era un po’ difficile perché volevamo identificare ogni rumore, però dopo qualche minuto, quando il cervello si è rilassato e abbiamo cominciato a visualizzare immagini è iniziato un viaggio molto interessante. La cosa  più stupenda è che quando l’esperienza è finita noi abbiamo avuto l’impressione di avere fatto una piccola “siesta” e non abbiamo visualizzato lo stesso tipo di “sogno”, anche se abbiamo ascoltato tutti gli stessi rumori.   

Ho anche partecipato con Mino Vicenti e Dario Modugno alla conferenza sulla mobilita in Europa. Mino ci ha chiesto di parlare della nostra esperienza all’estero: Dario aveva molte cose da dire sulla sua esperienza in Macedonia ed era molto interessante anche per me, che sto ancora facendo  il mio progetto, sentire parlare una persona italiana che è andata in un altro paese e ha già avuto il tempo di fare un passo indietro sulla sua esperienza. Dario ha spiegato molto bene la ricchezza che nasce dall’interculturalità, le difficoltà che si possono incontrare quando sei da solo all’estero.  Dopo è venuto il mio turno di parlare. Ero già abbastanza nervosa, perché parlare di fronte ad un pubblico in un’altra lingua diversa dalla mia, che ho imparato solo 6 mesi fa e con il microfono che è sopratutto uno degli oggetti più spaventosi che ci sia. Si, si, soffro di un tipo di “micro fobia” cioè che quando devo parlare con un microfono ho sempre questa sensazione che il microfono  diventa sempre più pesante nella mia mano, che la mano che tiene il microfono trema sempre, che la mia voce non si riesce a sentire o va a tremolare come la mano e pensavo che dopo Dario non avevo niente di interessante da dire ... era come saltare nel vuoto insomma. La prima domanda che  Mino mi ha fatto è stata spiegare perché avevo scelto di venire in Italia per fare il mio progetto. Allora ho spiegato che non avevo scelto l’Italia ma all’inizio dovevo andare in Ucraina per fare un progetto sulle energie rinnovabili, però il progetto è stato annullato a causa della situazione politica molto complicata e degli eventi che hanno avuto luogo in Ucraina l’anno scorso in piazza Maidan. E stato interessante anche per me spiegare che quando una persona sceglie di andare all’estero anche con dei progetti europei che sono abbastanza sicuri ci sono sempre cose impreviste che possono succedere e fare annullare o cambiare il progetto. Una cosa importante è di non focalizzarsi troppo sul proprio progetto, ma rimanere aperti  e essere capaci di risollevarsi se qualcosa non va bene. Ero molto delusa quando ho sentito che il mio progetto era annullato, era veramente il tipo di progetto che volevo fare e mi piaceva molto l’idea di farlo in Ucraina, un paese dove avevo già viaggiato e che mi era piaciuto tantissimo, però invece di rimanere in questa delusione ho cercato un altro progetto ed è così che sono arrivata in Italia, un paese dove non ero mai stata, un paese che non conoscevo molto e alla fine è stata una bella sorpresa quella di arrivare così, senza conoscere niente e di scoprire tutto, perché dal momento che sono arrivata qui non ho mai rimpianto  di non avere fatto il mio progetto in Ucraina o di essere venuta in Italia. Un’altra domanda che Mino ci ha fatto è stata quella di spiegare in che misura questa esperienza avrebbe potuto essere utile da un punto di vista professionale. Lo SVE non è un’esperienza professionale ma  di volontariato, però ci sono tante cose di questa esperienza che Dario e io possiamo utilizzare per il lavoro. La prima è la lingua: io ho studiato le lingue quindi conoscere una lingua in più è sempre un vantaggio nel mio caso, però penso anche per una persona che non è specializzata nelle lingue. La seconda cosa che secondo me tutte le persone che fanno uno SVE possono evidenziare, a prescindere dall’ ambito del progetto, è la capacita di adattarsi: adattarsi a un nuovo paese, a un nuova maniera di vivere, a una nuova maniera di lavorare, a una nuova cultura, a un nuovo ambiente, a un nuova lingua ... Tutte queste cose che sono molto intense all’ inizio, molto belle, però possono essere anche difficili nello stesso tempo. Essere capace di adattarsi in questo modo è secondo me una qualità che può servire in tutti gli ambiti di lavoro però è anche una grande qualità per ogni persona da un punto di vista umano. Alla fine, io che avevo paura di dire solo sciocchezze o cose non interessanti penso che sono riuscita a spiegare delle cose dello SVE che non sono scritte nelle volantini di informazione e non ho fatto troppi errori, quello che ho detto si capiva … quindi adesso posso dire che parlare di fronte a un pubblico in un’altra lingua è stato una nuova cosa che ho imparato del mio SVE.

Potete trovare tutte le nostre foto di questi due giorni: il nostro stand con tutte le informazioni sulle attività, la nostra partecipazione alla conferenza sulla mobilità in Europa con Mino Vicenti e due volontari, la nostra prova sulla bicicletta fatta di bambù ... e molte altre foto ancora sul profilo google plus dell’associazione Link. 

https://plus.google.com/102822773288856581964/photos

Letto 1759 volte Ultima modifica il Giovedì, 26 Marzo 2015 13:35