Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Progetto EggPlant: Relazione Finale

15 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

Descrizione progetto

 

In cosa consisteva

Il progetto puntava a riutilizzare le Acque di Vegetazione (AV), prodotto di scarto dell’industria olearia, per la produzione di biopolimeri (bioderivati e biodegradabili) attraverso un processo a rifiuti 0.

Il progetto prevedeva più fasi e più obiettivi intermedi da perseguire attraverso l’espletamento delle seguenti attività:

1) Caratterizzazione Chimico, Fisica e Organolettica delle AV;

2) Definizione del processo integrato di lavorazione delle AV;

3) Individuazione, Separazione ed Estrazione degli elementi chimici;

4) Analisi chimico/fisica della componente zuccherina delle AV;

5) Identificazione dei batteri idonei alla generazione di bioplastica.

 

Cosa abbiamo realizzato

Il progetto ha preso il via con una seria di attività e fasi preliminari che hanno visto la costituzione del soggetto giuridico, l’allestimento del laboratorio e la ricerca di nuovi partner/risorse per supportare al meglio la realizzazione dello stesso.

Dopo questa fase iniziale si è eseguito uno studio approfondito e dettagliato del panorama tecnico-scientifico legato al mondo dei biopolimeri da reflui. Si è condotta un’analisi dello stato dell’arte studiando la letteratura scientifica e brevettuale. E’ stata condotta un’accurata e dettagliata review bibliografica per la comprensione dell’esistente in materia PHA/PHB, sistemi di filtrazione, reflui organici, processi fermentativi, polifenoli e acque di vegetazione (AV). Nello specifico sono state investigate le seguenti tematiche: processo di fermentazione acidogenica delle AV, valutazione dei parametri operativi per il trattamento delle acque, possibili starter e ceppi batterici da utilizzare nel processo fermentativo, stoccaggio e trattamento degli starter e delle AV, protocolli operativi in relazione ai processi fermentativi e di estrazione di biopolimeri, individuazione delle metodologie analitiche utili al controllo del processo, dello stoccaggio e della resa in biopolimero (pH, temperatura, HRT, COD, VFA ect.). E’ stata eseguita un’accurata e dettagliata review bibliografica sul processo di produzione di PHA da vari ceppi batterici e sulle tecniche di estrazione green del PHA.

In seguito si è passati alla caratterizzazione chimica, fisica e organolettica delle AV e allo studio/definizione del processo per il trattamento delle AV e produzione di PHA. Per queste attività è stato fondamentale il contributo dei partner che hanno sia fornito una dettagliata caratterizzazione delle materie prime per la produzione del biopolimero che messo a disposizione il proprio impianto pilota di filtrazione e i relativi concentrati e permeati ottenuti dal trattamento delle AV. Per la definizione del processo fermentativo e produzione di PHA ci si è basati principalmente su analisi della letteratura e review bibliografica. L’attività ha portato allo sviluppo dei protocolli operativi da seguire nella fase sperimentale.

Da ciò si è avviata la fase di sperimentazione e prototipazione. Sono stati realizzati i primi esperimenti in laboratorio ed è stato sviluppato l’intero processo su scala laboratoriale. Sono stati estratti i primi grammi di polimero (PHA) da una matrice zuccherina e successivamente è stato implementato l’intero processo a partire dalle Acque di Vegetazione; si è dunque prodotto ed estratto PHA a partire da tali reflui.

Il polimero estratto dalle differenti matrici è stato poi sottoposto ad una serie di analisi e caratterizzazioni per verificarne le proprietà chimiche, termiche e meccaniche.

Dopo aver completato il processo ed estratto i primi grammi di biopolimero è stata avviata una fase di ottimizzazione del processo per aumentarne la resa a livello batterico.

Sono stati realizzati i primi campioni di prodotto finale in PHA puro e miscelato.

Si è infine interloquito con enti certificatori per ottenere certificazioni di biodegradabilità e compostabilità del biopolimero. A conclusione del tutto si è depositata una domanda di brevetto e si è redatta una pubblicazione scientifica.

 

Follow up progetto, come?

Obiettivo futuro è trasformare questo progetto in un’azienda sostenibile. Per fare questo intendiamo proseguire le attività di R&D, raccolta capitali e di ampliamento del network partecipando a contest, premi, bandi, pitch competition, investment forum, fiere, seminari ed altri eventi di networking.

Letto 1947 volte Ultima modifica il Lunedì, 16 Febbraio 2015 10:37

Progetto collegato

tutte le news