Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

Pirolisi, riuso ed autocostruzione: piccoli passi per ridurre la propria "impronta ecologica"

13 Feb
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

La presentazione dei risultati e dei possibili scenari durante un evento organizzato dall'Associazione Intubando, che si terrà il 21 Febbraio presso la Pinacoteca De Napoli di Terlizzi

È possibile produrre energia senza consumare risorse scarse, come il legname, o inquinanti come il carbon fossile? Perchè non riutilizzare i materiali di scarto per realizzare qualcosa di nuovo e ridurre così il volume dei rifiuti? Queste sono solo alcune delle domande che si sono posti tre giovani pugliesi quando hanno ideato il progetto "Scampagnata sostenibile", vincitore del bando della Regione Puglia "Principi Attivi 2012" e che ha ricevuto il supporto, in qualità di partner, del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, di Legambiente Puglia e del GAL Terre di Murgia. A seguito del'assegnazione dei fondi regionali, l'arch. Andrea Mangiatordi, l'arch. Andrea Silvestri e Alessandro Chiapperini hanno costituito l'Associazione Intubando e, nell'ambito del progetto finanziato, hanno condotto studi di ricerca, progettazione e prototipazione della stufa pirolitica e delle strutture realizzate in materiali di riuso, quali cassette di plastica e pallet. L'output finale sarà, infatti, una struttura ricreativa in materiali di riuso e corredata da una stufa pirolitica, che verrà installata nei prossimi mesi sul Parco dell'Alta Murgia, in località Jazzo Rosso.

Ma cos'è una stufa pirolitica? Attualmente per produrre energia si bruciano biomasse, sostanzialmente legna o carbone, che causano produzione di monossido di carbonio, composti volatili, polveri sottili, ossidi di azoto e altre emissioni, potenzialmente pericolose in grosse quantità.  La stufa pirolitica è un modello di stufa che si basa in realtà su una tecnologia non recentissima: la biomassa utilizzata come combustibile è innescata da una normale combustione ma, poco dopo, grazie alle temperature così raggiunte ed all'assenza d’ossigeno, si ottiene l'estrazione dei gas contenuti che alimentano la fiamma.

I vantaggi sono molteplici: non trattandosi di combustione di biomassa la produzione di gas tossici è drasticamente ridotta; la resa energetica è nettamente superiore alla combustione tradizionale; si può bruciare qualunque materiale organico naturale a partire dagli scarti di lavorazione agricola; il materiale di scarto (biochar) è costituito da carbonella (con gran parte della quantità di anidride carbonica del materiale originario) che può essere mescolata con terreno agricolo migliorandone la composizione e fungendo inoltre da "trappola" per l'anidride carbonica che non verrà rimessa in circolo.

Gli esiti degli studi condotti su tali tematiche dall'Associazione Intubando saranno presentati al convegno dal titolo "Pirolisi, riuso ed autocostruzione: energia dalla terra per la terra", durante il quale saranno illustrate possibili applicazioni in ambito agricolo della pirolisi e del biochar. All'evento interverranno anche il Sindaco del Comune di Terlizzi, Dr. Nicola Gemmato, l'Assessore alle Politiche Agricole, Raffaele Cataldi, l'Ing. Giuseppe Cannarozzo, esperto in sicurezza sui luoghi di lavoro, l’Ing. Antonio Di Corato, Presidente del Distretto Florovivaistico di Puglia. Il convegno si terrà nella sala conferenze della Pinacoteca De Napoli di Terlizzi il prossimo 21 Febbraio a partire dalle ore 16.30.

 

Adele Ferrarelli

Responsabile Comunicazione

Associazione Intubando

Letto 3489 volte Ultima modifica il Venerdì, 13 Febbraio 2015 17:39