Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie e su come negare il consenso al loro uso clicca qui.

Approvo

Cosa sono i Cookie?
I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando.
I cookie, solitamente presenti nei browser degli utenti in numero molto elevato e a volte anche con caratteristiche di ampia persistenza temporale, sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, ecc.


Quali sono le principali tipologie di cookie?
Le due macro-categorie individuate dal Garante della Privacy sono: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice Privacy).
Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13 Codice Privacy, comma 3″.


Session e Persistent cookie
I Session cookie, che contengono l’informazione che viene utilizzata nella tua sessione corrente del browser. Questi cookie vengono automaticamente cancellati quando chiudi il browser. Nulla viene conservato sul tuo computer oltre il tempo di utilizzazione del sito.
I Persistent cookie, che vengono utilizzati per mantenere l’informazione che viene utilizzata nel periodo tra un accesso e l’altro al sito web, o utilizzati per finalità tecniche e per migliorare la navigazione sul sito. Questo dato permette ai siti di riconoscere che sei utente o visitatore già noto e si adatta di conseguenza. I cookie “persistenti” hanno una durata che viene fissata dal sito web e che può variare da pochi minuti a diversi anni.


Cookie di prima parte e di terze parti
Occorre tenere conto del differente soggetto che installa i cookie sul terminale dell’utente, a seconda che si tratti dello stesso gestore del sito che l’utente sta visitando (che può essere sinteticamente indicato come “editore”) o di un sito diverso che installa cookie per il tramite del primo (c.d. “terze parti”).
I cookie di prima parte sono creati e leggibili dal sito che li ha creati. I cookie di terze parti, invece, sono creati e leggibili da domini esterni al sito ed i cui dati sono conservati presso il soggetto terzo.
Al link www.youronlinechoices.com troverai informazioni su come funziona la pubblicità comportamentale e molte informazioni sui cookie oltre alle tappe da seguire per proteggere la privacy su internet.

Quali cookie utilizza il presente sito web, quali sono le loro principali caratteristiche e come negare il consenso a ciascuno dei cookie di profilazione
Il presente sito web può inviare all’utente i cookie di seguito indicati e brevemente descritti, per le finalità di seguito precisate.
Cookie di prima parte:
    •    consenso cookie (nome: “consenso_cookie”; finalità: memorizzazione del consenso all’utilizzo di cookie)
Cookie di terze parti:
    •    google-analytics.com (finalità: analisi statistiche in forma aggregata del traffico web)
    •    maps.google.com (finalità: embed di mappa interattiva)
    •    youtube.com (finalità: embed di video YouTube)
    •    slideshare.com (finalità: embed di presentazioni)
Per negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie potrai accedere ai link sopra riportati e seguire le indicazioni.
In alternativa, è sempre possibile seguire la procedura di disabilitazione (totale o selettiva) prevista dai principali browser:
    •    Google Chrome
    •    Mozilla Firefox
    •    Apple Safari
    •    Microsoft Internet Explorer

Bollenti Spiriti

RES-ORT

INFO SUL PROGETTO

Categoria:
Laboratori urbani
Forma giuridica:
Associazione
Progetto finanziato:
Laboratori Urbani Mettici le mani
Indirizzo:
Via Vicinale S. Solomo, 73020 Botrugno LE, Italia
Città:
Botrugno
Provincia:
Lecce
Sito Web:
Vai al sito
Facebook:
Vai alla pagina facebook
Tags:
Agroalimentare
Arte e cultura
Cittadinanza Attiva
Commercio
Ecologia e ambiente
Festival ed eventi
Memoria e Tradizioni
Ospitalità e ristorazione
Politiche giovanili
Salute e benessere
Sviluppo sostenibile
Territorio
Turismo
Volontariato

FOLLOWERS


AMMINISTRATORI

“Non c’è cucina senza orto”

Pietro Zito

 

  • Cos'è Res-Ort? 

Il progetto Res-Ort riguarda la creazione di una scuola di cucina che valorizzi le piante spontanee presenti nella biodiversità dei Paduli e gli ortaggi che nello stesso territorio sono frutto di buone pratiche agricole.

Il nome Res-Ort gioca sul doppio riferimento ai luoghi rinati (risorti) e agli orti che ne sono parte integrante.

  • Che obiettivi si propone Res-Ort?

Con le sue attività preparerà il terreno per la nascita di una trattoria agricola nel Parco dei Paduli, che possa rispondere al crescente interesse nei confronti di un alimentazione sana, biologica e che valorizzi il lavoro degli agricoltori locali.

La scuola di cucina riguarda un ampio lavoro di scoperta del territorio e delle sue risorse, grazie alla presenza di esperti e di anziani contadini, custodi di antichi saperi. Al suo interno la pratica diventa “il valore aggiunto” che trasmette al meglio l’identità del Parco dei Paduli.

  • Da dove nasce Res-Ort?

All’origine del progetto Res-Ort vi sono le esperienze maturate all’interno delle attività del Laboratorio Urbano delle Terre di Mezzo “Abitare i Paduli”, ed in particolare del progetto “Lampa!” (produzione pubblica di olio da oliveti recuperati), che coinvolge circa trenta giovani appartenenti ai cinque laboratori di Abitare i Paduli.

Le competenze acquisite e l’accresciuta conoscenza dell’ambiente rurale ha spinto il LEB a promuovere un’attività di ricerca di luoghi e forme di valorizzazione della biodiversita’ locale.

L’indagine parte dalla constatazione che, se da un lato lo stato iniziale di semi-abbandono degli oliveti di Lampa! ha costituito una criticità, richiedendo azioni di recupero del patrimonio arboricolo, d’altra parte proprio la mancanza di interventi umani (uso di pesticidi e di mezzi meccanici) ha reso queste aree una preziosa oasi di biodiversità vegetale.

L’area dei Paduli, infatti, così come gran parte del territorio salentino, ha subito gli effetti negativi di un modello di olivicoltura che ha inesorabilmente impoverito i terreni, con pesanti effetti sulla biodiversità sia vegetale che animale.

Accanto ai luoghi risparmiati da pratiche agricole scellerate, sono state individuate ulteriori aree del Parco Agricolo Multifunzionale dei Paduli caratterizzate da biodiversità vegetale. Tali aree sono state strappate all’incuria e al degrado grazie all’impegno di associazioni giovanili e istituzioni locali, e hanno ritrovato una funzione sociale e una fruizione da parte delle comunità. Fra queste, ai fini del presente progetto, ne sono state selezionate alcune particolarmente significative, in grado di integrarsi alla rete del Laboratorio Urbano.

  1. AGRITEATRO – Giuggianello: Ex discarica abusiva, recentemente caratterizzata, è stata riqualificata attraverso la  piantumazione di specie vegetali autoctone a scopo didattico. E’ gestita dall’Associazione Mille Piedi (Lab.5 – Percorsi culturali – Abitare i Paduli) che ne ha fatto la base del progetto “Banca dei Semi Salentina”.
  2. NOCIGLIA FONTANA - Nociglia: Sede della particolarissima festa rurale di “Santu Donnu” organizzata da Ass. cult. Terrikate (Lab.3 – agricoltura e ambiente), ha visto susseguirsi diversi interventi di valorizzazione e riqualificazione, fra cui una ri-forestazione realizzata allo scopo di compensare le emissioni di Co2 prodotte dalla Festa.
  3. SAN SOLOMO – Botrugno: Antica chiesa di campagna ormai sconsacrata, oltre ad essere la sede del LEB, ospita un Orto Didattico con piante edibili ed officinali.
  4. OLIVETO PUBBLICO – San Cassiano: Oliveto di proprietà dei 10 comuni della rete del Parco dei Paduli concesso in uso al LUA, ha ospitato le due edizioni di Nidificare i Paduli (concorso internazionale di architettura per la creazione di rifugi biodegradabili) e il progetto di recupero di una casetta rurale (pajara) in funzione ricettiva. E’ uno snodo fondamentale del P.i.r.t. e il fulcro di diverse attività di Abitare i Paduli.

 

Questi luoghi costituiscono oggi un primo nucleo di luoghi “risorti”, messi in rete e che si inseriscono all’interno della connessione del patrimonio materiale e immateriale del LU delle Terre di Mezzo- Abitare i Paduli.

  •  A chi si rivolge Res-Ort?

L’elemento centrale su cui ruota il progetto è il dialogo che si instaurerà tra i cuochi professionisti e i custodi del sapere popolare che porterà alla nascita di accostamenti inusuali dato dal connubio tra pietanze diverse.

 In questo senso Res-Ort si rivolge ad un pubblico ampio.

Verrà coinvolta la comunità nella sua interezza, con una particolare attenzione alla sensibilizzazione degli ortolani, con il coinvolgimento della scuola alberghiera.

La formazione riguarderà anche i ragazzi che lavorano al progetto Abitare i Paduli, in funzione della costituzione della futura trattoria agricola dei Paduli.

Il progetto si rivolgerà a sensibilizzare le comunità circa il valore dell’olio vergine e extravergine, per questo motivo questi eventi saranno strutturati seguendo formule laboratoriali, in cui i partecipanti avranno una formazione indiretta che porta a imparare guardando.

 

  • In conclusione: 

Res-Ort si compone di due elementi principali: ricerca e formazione.

La fase di ricerca è caratterizzata dall’individuazione delle risorse alimentari che, all’interno della varietà di specie vegetali spontanee e orticole locali, possano costituire la base per un inedito ricettario che attinga sia dalla cultura culinaria locale che dalle abitudini alimentari di altri territori affini per caratteristiche climatiche e morfologiche.

Tutte le attività di ricerca saranno coadiuvate dal contributo di esperti nell’ambito botanico e agronomico, prevedendo inoltre la georeferenziazione dei presidi e la produzione di materiale foto/video che possa documentare le attività di ricerca.

Alle risorse spontanee, offerte dai presidi di biodiversità, si aggiunge la ricerca di produzioni agricole degli orti. Ciò risponde al duplice scopo di valorizzare l’attività di salvaguardia delle specie autoctone dei contadini custodi, e di diversificare le risorse alimentari da impiegare nella trattoria nei periodi in cui le piante spontanee siano insufficienti.

La fase di formazione è invece affidata ad una scuola di cucina in cui cuochi ed esperti, anche provenienti da altri territori, saranno chiamati a valorizzare i prodotti locali con tecniche di preparazione e abbinamenti “alchemici” fra sapori.

 

 

AGGIORNAMENTI DAL BLOG

  • San Nicola Res.Ort e il "cibo del Mediterraneo" - La scuola di cucina rurale del Parco Paduli [in moderazione]
    DOMENICA 21 MAGGIOSan Nicola e il cibo del Mediterraneo Laboratorio di cucinaDegustazione di vino (con il sommelier Franco Maglie)Cena con lo chefInstallazione fotograficaDomenica 21 maggio a partire dalle ore 17.00 presso il Palazzo Baronale di Nociglia si terrà l’ottavo laboratorio di ...

  • Parco Agricolo Multifunzionale dei Paduli   La Pasqua Res.Ort Il cibo della penitenza   SABATO 8 aprile Escursione in bicicletta a Giuggianello, dal paese alla collina   DOMENICA 9 aprile Laboratorio di cucina e cena conviviale   Giuggianello ...
    Leggi tutto

  •   Il sesto appuntamento di Res.Ort è durato due giorni.È iniziato il pomeriggio di sabato 18 marzo, quando abbiamo pedalato tra i monumenti e il centro storico di Botrugno, prima di giungere a San Cassiano e godere dell’accensione piromusicale della ...
    Leggi tutto

  • Domenica 19 marzo a partire dalle ore 16.00 presso la corte del Palazzo Ducale di San Cassiano si terrà il sesto laboratorio di Res.Ort, la scuola di cucina “rurale” del Parco Paduli. Res.Ort è il progetto di una scuola di ...
    Leggi tutto

  • La stazione delle Ferrovie Sud Est di Sanarica è stato il "luogo risorto" del quinto appuntamento di Res.Ort, la scuola di cucina rurale del Parco Paduli. Le sue stanze, ormai vuote, hanno trovato una nuova vita: non più luogo di ...
    Leggi tutto

  •   Res.Ort è una scuola di cucina “rurale”, che valorizza orti, biodiversità, stagionalità, storie dei contadini e luoghi dove poter degustare e condividere le esperienze. Luogo di formazione e di crescita, dove la pratica è “valore aggiunto” che trasmette ...
    Leggi tutto

  • È il terzo appuntamento di Res.Ort, la scuola di cucina “rurale” del Parco Paduli.   A Surano, protagonisti gli aromi e i sapori della dispensa d’autunno.        Domenica 30 ottobre a partire dalle 17.00,  presso l’ex mercato coperto di Surano (via Due Luglio), ...
    Leggi tutto

  • La chiesa di S. Solomo a Botrugno diventa fucina di odori e sapori per Res.ort, la scuola di cucina “rurale” del Parco Paduli   Sabato 17 settembre dalle 17.30 Chiesa di S. Solomo (S.P. Botrugno - Sanarica) Botrugno Parco ...
    Leggi tutto

  • Vi postiamo qui un piccolo assaggio di ciò che la prima fase del nostro progetto prevede, la catalogazione delle piante spontanee che caratterizzano il nostro territorio. Sulle nostre tavole, per buona parte dell'inverno, troviamo pietanze a base di cicoria selvatica ...
    Leggi tutto

  • Abbiamo immaginato i Paduli come una grande cucina, un luogo fatto di dispense in cui crescono e si conservano le materie prime (le piante spontanee e gli orti) da poter riconoscere e raccogliere, di piccole fucine in cui un fuoco ...
    Leggi tutto